EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo camera a ponte come...
    • VENDO vendo scarpiera 4 cassett...
    • VENDO vendo valigetta metallo p...
    • VENDO vendo camera matrimoniale...
    • VENDO vendo seggiolino auto beb...
    • VENDO vendo panca multifunzione...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Filetto alle albicocche

    600 gr di filetto di maiale, 400 gr di albicocche, 2 cucchiai di vermouth, 1 cucchiaio di olio d’oliva delicato o di semi, 1 cucchiaio di miele fluido tipo quello di acacia, 50 gr di burro, 2 ra...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualita, cultura, edizione cartacea, storia locale

    di Claudia Sanguineti | 04 Giugno 2012 | in categoria/e attualita cultura edizione cartacea storia locale

    Convento di Sant'Antonio a rischio: previste manifestazioni di protesta per la grande festa del 13 giugno

    Convento di Sant'Antonio a rischio: previste manifestazioni di protesta per la grande festa del 13 giugno

    Il fatto è cronaca recente, e molti cittadini sono allarmati per il possibile trasferimento dei frati, per il futuro del terzo ordine – guide spirituali, confidenti, esempi  - e per quello dello storico coro antoniano. Che fine faranno tutte queste realtà alla quale siamo così legati, si domandano? Il “caso trasferimento” non è il primo nella storia di questa realtà, tanto che alcuni anni fa i chiavaresi si erano mobilitati con firme e volantini per far rimanere i frati dov’erano. Si era affacciata anche l’ipotesi di un investimento immobiliare, poi saltato. Ma che senso ha, si chiedono in molti, trasferire – tanto per fare un esempio - padre Costanzo Milesi, che ha la bellezza di 86 anni portati con passione e da oltre 30 anni guida il coro, con iniziative conosciute ben oltre il territorio (vedi il concorso dei minipresepi)? E perché mai il santuario dovrebbe trasformarsi in parrocchia? Tra le altre ipotesi anche quella di trasformare una parte dell’edificio in miniappartamenti sociali per anziani, decisione senza dubbio encomiabile, ma perché non farla coincidere con la permanenza dei frati, persone che hanno dedicato tanti anni alle persone del posto? Tutto è “sospeso nel limbo”, niente è ancora ufficiale, ma il cambiamento, radicale, potrebbe essere dietro l’angolo, tra voci ufficiose e non. Se a padre Riccardo Bettinotti, da oltre 12 in servizio nel santuario, non resta che chiudersi in un “religioso silenzio”, nell’attesa di aspettare comunicazioni dall’alto, ci si chiede che fine faranno lui, padre Costanzo, Emilio, Germano e Bernardino.  

    Una realtà ricca di storia… e c’entra anche la Fontanabuona
    La fondazione del Santuario è fissata il 15 agosto 1920. Nella solennità dell'Assunta, in cui la tradizione ricorda la nascita di sant’ Antonio avvenuta a Lisbona nel 1195, Amedeo Casabona, vescovo diocesano, benedice solennemente la prima pietra. Il 16 agosto inizia la costruzione della cripta, poi benedetta dal vescovo diocesano il 25 settembre 1921,  subito aperta al culto. La prima messa nella nuova cripta viene celebrata da frate Sisto Lagorio, religioso nella Provincia francescana dell'Immacolata di New York, nativo della Fontanabuona e grande benefattore del Santuario. Nel frattempo proseguono i lavori che terminano il 30 maggio 1929 con la processione del Santissimo Sacramento trasportato dalla cripta alla nuova chiesa. A fine anno viene inaugurato il grande organo donato dal convento della Santissima Annunziata di Genova.

    La curiosità
    Il convento è nato con le offerte di innumerevoli devoti attraverso la rivistina "Il Santo" (dal 1920 al 2006). Fondamentali quelle degli emigranti che lasciavano il Tigullio per cercare fortuna in America (ne è segno una lapide dietro l'altare maggiore), o quelli della gente di mare (l’elenco nella navata di destra entrando in chiesa). Un sostegno che continua ancora oggi.

    Che travagli per questi frati!
    C’è un altro particolare non indifferente relativo all’insediamento dei primi frati francescani a Chiavari. E’ tradizione che nel 1212-1213 san Francesco, animato dal proposito di portare l’annuncio del Vangelo in Marocco, via Spagna, sia transitato per Chiavari, accolto gioiosamente. Pregato dai cittadini di avere anche nel nostro territorio i suoi frati, acconsente subito: e Innocenzo IV e la famiglia Fieschi, affascinati dalla presenza dei religiosi, edificano per loro un convento e la bella chiesa dedicata a san Francesco, consacrata nel 1246. Una missione di bene durata per secoli, sino alla sera del 4 settembre 1810, quando la Chiesa viene chiusa e il convento occupato per decreto di Napoleone Bonaparte. La soppressione però cessa momentaneamente, per ordine di Vittorio Emanuele I, e il 21 ottobre 1815 i frati possono tornare nel loro convento. Ma il 2 maggio 1855 un altro trasferimento: viene decretata una nuova soppressione, questa volta dal Parlamento Nazionale. Il 15 maggio 1864, durante la Pentecoste, i frati sono cacciati dal convento senza concedere loro il tempo di celebrare l’Eucarestia, dopo che un fabbro per ordine dell’Autorità civile, sfonda, prima dell’alba, le porte della chiesa e del convento. Nel 1911,dopo la nuova divisione delle Province, il Ministro Provinciale  Candido Ferreccio da Recco riprende il discorso già tentato negli anni precedenti con il Comune di Chiavari, proprietario dell'immobile. Nei 1912, il vescovo di Chiavari Giovanni Gamberoni individua la proprietà del terreno del Principe Negroni Meli Lupi di Soragna. L'atto d' acquisto, al prezzo di  80.000 lire, è del 15 luglio 1914. Dopo 50 anni i frati ritornano a Chiavari, acquistando una casa colonica come prima abitazione per poter seguire in loco la nuova costruzione della Chiesa e del convento. E da lì è nuovamente storia.

    La ribellione di fedeli e cittadini: una mostra e manifestazioni previste alla festa del 13 giugno
    Per sensibilizzare l’opinione pubblica, i fedeli hanno già preparato una serie di iniziative. La prima, una mostra nel mese di giugno, organizzata da Ferruccio Luszt ed allestita dentro al convento: “Un riassunto della “vita” del santuario – spiega il corista - per non dimenticare che il santuario è stato fondao sulle offerte dei fedeli di tutto il mondo. Vogliamo che i frati continuino a custodirlo. La loro memoria vivrà ancora nei secoli lontani e il loro nome sarà ripetuto con venerazione e gratitudine dai posteri. Al tempo stesso resterà l’amaro ricordo, pensando che c’è chi vorrebbe porre la parola fine a tutto questo!”. Il 13 giugno poi cadono i festeggiamenti di Sant’Antonio, al quale il convento è dedicato: nell’occasione non mancheranno altre forme di sensibilizzazione e protesta, come striscioni e altre dimostrazioni di “difesa”.

    Tratto da CORFOLE! del 6/2012, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - IL FONDO INTERCLUSO

       A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Contatti 0185.938009 redazione@corfole.comNon capita infrequentemente in Valfontanabuona che ci si ritrovi proprietario di un fondo intercluso, cioè senza sbocco diretto sulla via pubblica. Come dico sempre ai Clienti, ovviamente non si puo’ costringere una p...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...