EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VARIE cerco generatore 220v 2kw...
    • IMMOBILIARE calvari - appartamento co...
    • VENDO divano letto poltronesofà...
    • VENDO vendo pelliccia visone f...
    • VENDO vendo fiat 500 epoca asi ...
    • VENDO vendo abito da sposa tagl...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    POLLO, PINOLI E CAPPERI

    per 4 persone: 1 pollo di Kg. 1,500, Gr. 50 di capperi sotto sale, Gr. 40 di pinoli, 1 mazzetto di prezzemolo, 2 spicchi d’aglio, 1 bicchiere di vino bianco secco, 2 cucchiai d’olio extrav...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    ecologia, edizione cartacea, storia locale, uscire

    di Vittorio Rosasco | 01 Maggio 2007 | in categoria/e ecologia edizione cartacea storia locale uscire

    RANGHINELLI - Tempo di andar per boschi, tempo di imparare a riconoscere le vipere

    RANGHINELLI - Tempo di andar per boschi, tempo di imparare a riconoscere le vipere

    Ricordate quella poesia semplice e frizzante di G. Carducci intitolata Maggiolata? Maggio risveglia i nidi, maggio risveglia i cuori porta le ortiche e i fiori, i serpi e l’usignol ! Schiamazzano i fanciulli in terra, e in ciel gli augelli le donne han nei capelli rose, negli occhi il sol. Tra colli, prati e monti di fior tutto è una trama: canta, germoglia ed ama l’acqua, la terra e il ciel. Con poche parole il poeta sintetizza il grande miracolo della natura che si risveglia in primavera! Con la primavera escono dal letargo invernale i serpenti, molti in Liguria, tutti innocui tranne la vipera che è velenosa. Di questo  rettile voglio parlare perché è spesso poco conosciuto e ci sono molti  pregiudizi al riguardo. Il primo è che la vipera attacca mentre in realtà la vipera, che è un animale lentissimo, si difende. Ma forse è meglio descriverlo, poi avrò modo di raccontarvi alcuni aneddoti interessanti.

    CLASSIFICAZIONE delle VIPERE. Secondo le classificazioni degli studiosi più autorevoli in materia le vipere appartengono alla famiglia dei  “viperidi”, della quale costituiscono un genere che comprende un notevole numero di specie, tutte molto velenose e diffuse in Europa, Asia ed Africa. La famiglia dei “viperidi” appartiene al sottordine “ofidi o serpenti” dell’ordine “squamati”. Questo ordine comprende i rettili con corpo allungato, cilindrico, ricoperto di squame o scudi cornei di forma e rapporto reciproci svariatissimi, cranio estremamente assottigliato, mancanza di palato, quadrato mobile o addirittura mobilissimo, denti saldati alla mascella.
    CARATTERISTICHE  DEL GENERE VIPERA. La struttura della vipera, comune per le varie specie è così costituita: tronco tozzo e robusto, coda breve con la strozzatura dalla cloaca in poi; testa appiattita che si allarga a forma triangolare risultando quindi ben distinta dal collo, rivestita dorsalmente da squame piccolissime e irregolari e con un marchio scuro a V rovesciata; occhio sempre a pupilla verticale; presenza di narici laterali; scaglie sopralabiali piccole; bocca molto ampia in rapporto al capo; due zanne disposte sull’apice dell’osso mascellare, canalicolate, lunghe e tagliate obliquamente al loro apice, tali da considerarsi veri aghi da iniezione. Il corpo in genere assume una colorazione che si mimetizza con l’ambiente ove la vipera vive; il dorso è contraddistinto da squame fortemente carenate e da un disegno più scuro vetebro-longitudinale continuo, interrotto o traversale. Il soggetto adulto, a seconda della specie e del sesso ( i maschi sono normalmente più corti una decina di cm) ha una lunghezza media da 45 a 70-75 cm., ma può raggiungere anche gli 85 cm. La vipera,dal punto di vista strutturale, si distingue facilmente dagli ofidi innocui (colubridi) in quanto questi ultimi presentano caratteristiche diverse: corpo allungato con coda anch’essa lunga; testa affusolata e meno distinta dal collo; capo coperto da placche grandi, lisce e regolari; occhio a pupilla rotonda e piena; scaglie sopralabiali grandi e di norma in unica serie; denti mascellari tutti piccoli e uguali; squame dorsali poco carenate e colorate a macchie irregolari. La vipera, di regola terragnola, non è veloce e scattante, mentre è saettante la proiezione del capo al momento dell’aggressione. Tale caratteristica determinala tattica di attacco, che è quella dell’aguato: infatti, proiettando la testa con eccezionale rapidità al momento opportuno, la vipera colpisce la vittima con le armi terribili delle quali dispone; poi si ritrae immediatamente, quasi ad attendere l’effetto del suo veleno. Questo comportamento è comune alla fase offensiva, quando attacca la preda per nutrirsi, ed alla fase difensiva, quando viene molestata dall’uomo. Nei prossimi numeri tratteremo in modo specifico delle specie di vipere in Italia, descriveremo l’apparato velenifero  delle vipere, le caratteristiche biologiche, la diffusione in Italia, i rapporti con l’uomo, quindi parleremo dei principali colubridi esistenti in Liguria         Ricordate quella poesia semplice e frizzante di G. Carducci intitolata Maggiolata? Maggio risveglia i nidi, maggio risveglia i cuori porta le ortiche e i fiori, i serpi e l’usignol ! Schiamazzano i fanciulli in terra, e in ciel gli augelli le donne han nei capelli rose, negli occhi il sol. Tra colli, prati e monti di fior tutto è una trama: canta, germoglia ed ama l’acqua, la terra e il ciel. Con poche parole il poeta sintetizza il grande miracolo della natura che si risveglia in primavera! Con la primavera escono dal letargo invernale i serpenti, molti in Liguria, tutti innocui tranne la vipera che è velenosa. Di questo  rettile voglio parlare perché è spesso poco conosciuto e ci sono molti  pregiudizi al riguardo. Il primo è che la vipera attacca mentre in realtà la vipera, che è un animale lentissimo, si difende. Ma forse è meglio descriverlo, poi avrò modo di raccontarvi alcuni aneddoti interessanti.
    CLASSIFICAZIONE delle VIPERE.
    Secondo le classificazioni degli studiosi più autorevoli in materia le vipere appartengono alla famiglia dei  “viperidi”, della quale costituiscono un genere che comprende un notevole numero di specie, tutte molto velenose e diffuse in Europa, Asia ed Africa. La famiglia dei “viperidi” appartiene al sottordine “ofidi o serpenti” dell’ordine “squamati”. Questo ordine comprende i rettili con corpo allungato, cilindrico, ricoperto di squame o scudi cornei di forma e rapporto reciproci svariatissimi, cranio estremamente assottigliato, mancanza di palato, quadrato mobile o addirittura mobilissimo, denti saldati alla mascella.
    CARATTERISTICHE  DEL GENERE VIPERA.
    La struttura della vipera, comune per le varie specie è così costituita: tronco tozzo e robusto, coda breve con la strozzatura dalla cloaca in poi; testa appiattita che si allarga a forma triangolare risultando quindi ben distinta dal collo, rivestita dorsalmente da squame piccolissime e irregolari e con un marchio scuro a V rovesciata; occhio sempre a pupilla verticale; presenza di narici laterali; scaglie sopralabiali piccole; bocca molto ampia in rapporto al capo; due zanne disposte sull’apice dell’osso mascellare, canalicolate, lunghe e tagliate obliquamente al loro apice, tali da considerarsi veri aghi da iniezione. Il corpo in genere assume una colorazione che si mimetizza con l’ambiente ove la vipera vive; il dorso è contraddistinto da squame fortemente carenate e da un disegno più scuro vetebro-longitudinale continuo, interrotto o traversale. Il soggetto adulto, a seconda della specie e del sesso ( i maschi sono normalmente più corti una decina di cm) ha una lunghezza media da 45 a 70-75 cm., ma può raggiungere anche gli 85 cm. La vipera,dal punto di vista strutturale, si distingue facilmente dagli ofidi innocui (colubridi) in quanto questi ultimi presentano caratteristiche diverse: corpo allungato con coda anch’essa lunga; testa affusolata e meno distinta dal collo; capo coperto da placche grandi, lisce e regolari; occhio a pupilla rotonda e piena; scaglie sopralabiali grandi e di norma in unica serie; denti mascellari tutti piccoli e uguali; squame dorsali poco carenate e colorate a macchie irregolari. La vipera, di regola terragnola, non è veloce e scattante, mentre è saettante la proiezione del capo al momento dell’aggressione. Tale caratteristica determinala tattica di attacco, che è quella dell’aguato: infatti, proiettando la testa con eccezionale rapidità al momento opportuno, la vipera colpisce la vittima con le armi terribili delle quali dispone; poi si ritrae immediatamente, quasi ad attendere l’effetto del suo veleno. Questo comportamento è comune alla fase offensiva, quando attacca la preda per nutrirsi, ed alla fase difensiva, quando viene molestata dall’uomo. Nei prossimi numeri tratteremo in modo specifico delle specie di vipere in Italia, descriveremo l’apparato velenifero  delle vipere, le caratteristiche biologiche, la diffusione in Italia, i rapporti con l’uomo, quindi parleremo dei principali colubridi esistenti in Liguria


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      #DirittoUtile - Voglio vendere un immobile ma mio fratello no

      Sergio (nome di fantasia per motivi di privacy) ci scrive di essere comproprietario di un immobile con il fratello Franco (nome di fantasia) e ci chiede se può chiedere la divisione dell’immobile anche se Franco vorrebbe lasciare il bene indiviso.

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...