EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Ricetta delle feste - Il tacchino ripieno

    Per 4 persone: una tacchinella baby di circa 2,5 kg, 200gr di salsiccia di maiale, 2 fette di lardo, 100gr id burro 500gr castagne arrosto, 2 prugne secche, 2 grosse mele, 1/2 bicchiere di vino bianco...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    storia locale

    di Maura Bregante | 13 Dicembre 2011 | in categoria/e edizione cartacea storia locale

    Troppe tasse e pochi collegamenti costringevano i levantini ad emigrare: la storia del territorio ci insegna che... niente è cambiato

    Troppe tasse e pochi collegamenti costringevano i levantini ad emigrare: la storia del territorio ci insegna che... niente è cambiato

    Numerosi sono gli stranieri che in questi ultimi decenni hanno scelto l’Italia, paese spesso conosciuto da queste persone attraverso il mezzo televisivo. Una volta arrivati la promessa della terra eterna del “mulino bianco” viene infranta; c’è chi trova lavoro come bracciante nelle campagne padane o del centro sud, c’è chi vende sulle spiagge in estate, chi viene assunto da qualche ditta cantieristica. Per numerose donne provenienti dall’est europeo o dall’America latina il lavoro più probabile è quello della badante. Spesso noi italiani guardiamo con sospetto queste persone, colpevoli di “rubare il lavoro” dimenticando che tra il 1880 e il 1920 venti milioni di nostri connazionali sono emigrati in America. Capita infatti spesso ascoltando gli anziani di sentir nominare qualche lontano parente emigrato da giovane in cerca di fortuna. Cosa spingeva queste persone ad allontanarsi da casa? Fino agli anni ’70 gli studi si sono soffermati sull’uomo italiano «il capofamiglia che si spostava dall’economia di sussistenza contadina al lavoro salariato nei centri mondiali di sviluppo -ricorda Giuliana Franchini, docente di storia contemporanea e continua -La presenza delle donne nelle migrazioni otto-novecentesche…non è paragonabile a quella contemporanea». Le donne hanno iniziato a raggiungere l’America in conseguenza delle politiche statunitensi che regolamentarono i flussi  di immigrati maschi favorendo invece il ricongiungimento familiare. Non sempre comunque la moglie poteva raggiungere il marito, spesso aveva interessi da curare legati ai terreni agricoli, oppure si occupava degli altri membri della famiglia.
    Le mete predilette dai nostri conterranei
    L’Argentina sembra essere la terra più raggiunta, seguita da Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Perù Uruguay e Venezuela, in quanto le miniere dell’America Latina erano fonte di ricchezza. Seguono Canada ed Usa. Tra il 1905 ed 1925 rientreranno 10.000 persone nel chiavarese e 30.000 in tutta la Liguria, a causa dell’esaurimento delle materie prime delle miniere, della concorrenza di altri immigrati per lo più olandesi e portoghesi, e della mancata protezione e tutela degli interessi degli immigrati da parte dello stato italiano.
    Alfabetizzazione “forzata”
    E’  un aspetto forse sottovalutato di queste persone che pur di mantenere un contatto con il coniuge lontano imparano velocemente ma con tante difficoltà a scrivere le proprie emozioni, il proprio vissuto su un pezzo di carta che diviene un simbolo di unione tra i due continenti. Teniamo conto che nel 1861 in Italia abbiamo il 71% di analfabetismo. A Genova l’Archivio Ligure della Scrittura Popolare, contiene numerose raccolte epistolari di questo periodo e studia i vari aspetti legati alla scrittura di queste persone, i loro sforzi per trasferire i pensieri, le loro storie.
    Migranti da levante a causa delle troppe tasse sui liguri dopo l’Unità d’Italia
    Tra il 1876 e il 1901 Genova è stato il primo porto italiano dell’emigrazione, si imbarcarono in questi anni il 61% della popolazione migratoria del nostro paese, il picco è stato raggiunto tra 1891 e 1895 con più di 100.00 imbarchi all’anno. Ma chi sono gli emigranti liguri? Cosa lasciano e come aiutano il loro territorio nativo? Gli abitanti del Tigullio, di Chiavari e dell’entroterra sono numerosi; un aspetto che spinse queste persone fu la difficoltà di valorizzazione agricola del territorio, sia a causa della complessa conformazione sia a causa della crisi dopo l’unità d’Italia che introdusse un alto fiscalismo nei confronti dei prodotti liguri. Inoltre il frazionamento delle proprietà nonché la difficoltà di introdurre nuove tecniche di coltivazione rendevano i frutti della nostra terra molto meno competitivi rispetto a quelli del mezzogiorno d’Italia. L’entroterra risentiva inoltre (ieri come oggi...) della grande mancanza di vie di comunicazione adatte, non vi erano strade rotabili e i trasporti erano infatti affidati alle vie mulattiere, per niente competitive rispetto alla ferrovia.
    Dagli emigrati i soldi per le opere pubbliche sul territorio
    I soldi mandati a casa dall’emigrante ligure non servono solo al sostentamento delle famiglie, essi vengono messi a disposizione per il finanziamento di opere pubbliche: il ponte sullo Sturla che unisce Prati e Isola di Vignolo a Mezzanego, eretto nel 1902, una fontana pubblica a Ognio e poi finanziamenti per la costruzione di ospedali, asili, strade, donazioni alla chiesa con  abbellimento di edifici religiosi e cimiteri.

    Fonte: Maura Bregante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO