EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo fotocamera reflex n...
    • IMMOBILIARE cerco posto auto/garage/t...
    • VENDO chitarra non da bambini.....
    • VENDO vendo n.6 bicchieri birra...
    • VENDO vendo camera matrimonial...
    • VENDO vendo n. 2 lettini ortope...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    CUCINO PER VOI - Il Giappone sbarca a Sestri con il ‘sushi di Andrea'

    La cucina ligure? Buonissima! Ma anche quella di altre culture può essere assai affascinante: ad illustrarci quella giapponese, un nostro affezionato lettore, Andrea Gegoli, che ci ha aperto le...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    benessere

    09 Dicembre 2016 | in categoria/e attualita benessere diritto edizione cartacea salute

    LUDOPATIA: QUANDO IL GIOCO E' DROGA. Una dipendenza che non lascia segni sul corpo e per questo difficile da "vedere". Gli interventi di ASL, SCUOLA, COMUNI e dei BAR che dicono no

    LUDOPATIA: QUANDO IL GIOCO E' DROGA. Una dipendenza che non lascia segni sul corpo e per questo difficile da "vedere". Gli interventi di ASL, SCUOLA, COMUNI e dei BAR che dicono no

    di Michela De Rosa e Simone Parma
    Un business da miliardi di Euro che arricchisce poche società e rimpingua le casse dello Stato che con una mano da’ pensioni e stipendi e con l’altra se li riprende. Un fenomeno dilagante che ha mandato sul lastrico più di una persona e rovinato molte famiglie. Vediamolo sotto vari aspetti.


    >>SANITA'<<“Una malattia subdola  perché non lascia segni sul corpo”

    Dottor Claudio Queirolo, psichiatra del SERT di Lavagna

    Come si finisce nella spirale del gioco?«Si incomincia per distrazione o per superare un momento difficile, magari supportati da una vincita nel primo periodo. Questo ovviamente non vale per chiunque giochi, ma principalmente per chi ha un contesto familiare o lavorativo favorevole allo sviluppo della ludopatia, ma anche per chi è predisposto geneticamente. Per questo è fondamentale, durante il percorso riabilitativo, la presenza e il sostegno del maggior numero possibile di familiari». Per uscire da questa vera e propria dipendenza possono volerci anche più di dieci anni di cure e terapie. All’interno della struttura dell’ASL4 sono circa sessanta i pazienti seguiti per questa patologia:«Una percentuale ancora bassa, rispetto alla reale incidenza del fenomeno. La ludopatia infatti è una dipendenza molto subdola per due motivi: perché accedere al gioco è facile e basta un bar o un tabacchino, e perrché è trasparente, ossia non manifesta segni fisici, come potrebbe essere per l’alcolista o il tossico dipendente. Quando si sente il bisogno di uscirne solitamente è ormai tardi, si sono contratti debiti e rovinati rapporti familiari, ma riuscendo a riconoscere il problema per tempo si potrebbero sicuramente accorciare i lunghi percorsi di “disintossicazione”». Quello più difficile da contrastare però è il gioco d’azzardo online. Basta un computer o un semplice cellulare e si può giocare ovunque, a qualsiasi ora: «un grave pericolo, specie per i giovani, che hanno libero accesso e grande dimestichezza con internet. Pochissimi di loro però arrivano al SERT, perché l’età è molto complicata e per le famiglie è difficile rendersi conto del problema». Per questo l’ASL organizza incontri nelle scuole. 

    >>SCUOLA<<
    “Prima del suono della campanella vado a caccia di studenti tra le slot”
    Mariabianca Barberis, Preside Liceo Liceti Rapallo

    Le slot sono un problema sentito ovunque, tanto che l’iniziativa della Preside del principale liceo è finita sui media nazionali. Mariabianca Barberis, già preside delle scuole medie di Cicagna, è infatti andata a caccia dei propri studenti fra le slot dei bar cittadini:«La necessità di verificare che non fossero lì è nata dal cambio di gestione di un locale molto vicino all’Istituto, che ha trasformato la propria vetrina per attirare l’attenzione sulle videolottery. Visto l’immobilismo del Comune, “legato” dalla legge nazionale, ho deciso di andare da sola. Fortunatamente non ho trovato nessuno dei miei ragazzi a tentare la fortuna davanti ad una slot. Occorre tuttavia sensibilizzarli, cosa che noi facciamo da tre anni con il progetto “Se non giochi...vinci” tramite il quale insegniamo ai ragazzi il calcolo delle probabilità e affrontiamo alcuni aspetti della pericolosità della ludopatia, coadiuvati da professori universitari e psicologi». Dopo la forte azione della Preside, i Carabinieri di Rapallo hanno eseguito controlli per verificare il rispetto delle regole.


    >> GENOVA<<
    “Abbiamo capito fin da subito il pericolo e ci siamo attivati sul territorio”
    Maria Carla Italia, Assessora alle dinamiche sociali, associazioni, partecipazione, cittadinanza attiva, gestione patrimonio, scuola  (Municipio I Centro Est)

    Contro l’azzardo Genova è stata apripista in Italia: “suo il merito di non aver sottovalutato la diffusione dell’azzardo e di averne tempestivamente compreso la gravità”. E’ nata così nel 2012 la “Consulta comunale permanente sul gioco con premi in denaro”, con il compito di creare consapevolezza nella comunità e di formulare proposte per il suo contrasto. Sono state quindi attivate diverse azioni: momenti di riflessione e iniziative nei diversi quartieri cittadini; una campagna informativa, la vetrofania “Non Azzardatevi” per gli esercizi no slot e la mappa dei locali aderenti. Ancora più importante, nel 2014 è stato varato il “Regolamento su sale da gioco e giochi leciti” che ha imposto coraggiose restrizioni all’apertura di sale VLT e all’installazione di slot nei pubblici esercizi: “grazie a questo regolamento a maggio 2017, quando scadranno le licenze si calcola che su 702 attività, ben 639 non avrebbero la possibilità di rinnovo.”

    12 DICEMBRE: INCONTRO SUL TEMA LICENZE E DIVIETI

    Proprio a questo tema sarà dedicato il convegno che si terrà il 12 dicembre, al quale è previsto di invitare anche le associazioni di categoria del commercio e i commercianti stessi. D’altra parte i canali di gioco on line, incontrollabili e virali, stanno crescendo e attraendo sempre più giocatori, soprattutto tra i giovani. E in quel contesto, nel silenzio del legislatore, solo la battaglia culturale, forse, ci salverà.


    >> C'E' CHI DICE NO <<
    “Non vogliamo quei soldi”

    Seppur consapevoli delle possibili conseguenze, molti bar e tabaccherie tengono “le slot” perché in un periodo di magra come questo ogni fonte di introito è benvenuto. C’è però chi dice no, come questi locali, entrambi gestiti da amministratori pubblici o ex tali. Il primo è il bar tabaccheria “Da U Spadella” di Diego Marchiolè, vicesindaco di Carasco:«Già durante la ristrutturazione del locale ricevetti diverse proposte commerciali in merito. Mi sono rifiutato da subito di assistere alla rovina delle persone che si giocano lo stipendio o la pensione, conoscendo le storie di chi si è ridotto in miseria in pochi mesi. Anche se siamo rivenditori di Gratta e vinci cerchiamo di tenere un profilo basso, informando la clientela circa i rischi e le probabilità di vincita».
    Il secondo è il bar-rosticceria “Da Monica” a Cicagna. Il titolare, Marco Limoncini, già Sindaco di Cicagna e Consigliere Regionale, ci spiega: «Da noi gli unici giochi ammessi sono quelli di società, per divertirsi in compagnia e socializzare con altre persone nel tempo trascorso al bar. Non abbiamo installato “macchinette gioca soldi” nonostante si siano presentate diverse società proponendo guadagni assicurati perché siamo consapevoli delle gravi conseguenze sociali che creano. La ludopatia è diventato un problema serio che sta creando nelle famiglie situazioni di estremo disagio. Noi facciamo quello che possiamo nel nostro piccolo, ma  ci vorrebbe più responsabilità da parte di chi da questa piaga è l’unico a guadagnarci, in questo caso lo Stato».

    Al sito www.senzaslot.it l’elenco dei bar no-slot iscritti

    LEGGI ANCHE: "GIOCO D'AZZARDO: UN BUSINESS DA 88 MLD DI EURO. Questi i soldi che gli italiani si sono giocati nel solo 2015. Oltre la metà con le slot"


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Divorzio veloce: perché aspettare e patire per 5 anni? Ora puoi ottenerlo in poche settimane

      In Italia per ottenere lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio), il cittadino deve sottoporsi al vaglio di due distinti processi: la separazione prima e il divorzio dopo, con costi sostenuti e tempi biblici: ben 5 anni in media per la sentenza di divorzio contro le poche settimane di chi si avvale del regolamento europeo.  Si possono avvalere di quest...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...