EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    HALLOWEEN tra stranezze e golosità

    Il 31 ottobre è Halloween! La festa di importazione americana sta prendendo sempre più piede nel nostro territorio e sta assumendo sempre più le vesti di un secondo “carneva...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, edizione cartacea, il tappiro

    di Claudia Sanguineti | 02 Novembre 2010 | in categoria/e attualita edizione cartacea il tappiro

    ‘Magie' al Pronto Soccorso, ma qui ci sono solo le... sparizioni. L'amara denuncia: le attrezzature sanitarie ‘spariscono' nei meandri dell'Ospedale di Lavagna

    ‘Magie' al Pronto Soccorso, ma qui ci sono solo le... sparizioni. L'amara denuncia: le attrezzature sanitarie ‘spariscono' nei meandri dell'Ospedale di Lavagna

    Questo mese il Tappiro d’ardesia va a Vincenzo Panzarella (in foto), commissario della CRI di Gattorna, perché ha avuto il coraggio di uscire allo scoperto e denunciare, in tutti i sensi, una situazione che si trascina ormai da troppo tempo: la scomparsa di attrezzature delle Pubbliche assistenze nel Pronto soccorso di Lavagna.  I segni di riconoscimento a quanto pare non bastano: troppe volte il materiale usato per le emergenze sparisce e spesso sono gli stessi militi a prenderlo –per errore o meno- ai colleghi. C’è chi critica la denuncia di Panzarella ‘contro ignoti’, affermando che ‘forse bastavano ulteriori tavoli di discussioni’; ma se l’ha fatto, come tiene a precisare “è per un atto dovuto: non è possibile, in un anno, comprare per la terza volta un cuscino per la barella spinale, che costa la bellezza 150 euro (più iva, e ti devi comprare il pacchetto completo, cuscino laterale destro, sinistro e incavo) solo perché qualche collega l’ha preso ‘per sbaglio’. Il problema è la mala gestione lavagnese, occorre un armadio chiuso e controllato dal personale infermieristico dove lasciare le attrezzature, e che per ritirarle serva una ricevuta controfirmata, come al San Martino”.  Il fatto che venga smarrita la roba, e qui parliamo di attrezzature sanitarie o presidi per l’emergenza come le tavole spinali, i collari, lo stecco per le bende e così via, è cosa grave: “E’ una ‘guerra tra poveri.’ Capisco Panzarella, forse non si doveva arrivare alla denuncia, ma se l’ha fatto è per svegliare i vertici su un problema che tocca, bene o male, tutti –commenta Giovanni Battista Cuneo, presidente della CRI di Cicagna, conosciuto come ‘Battistino’- Anche a noi è successo di smarrire qualcosa, purtroppo a Lavagna è caos totale. Faccio parte della Commissione Emergenza dell’Asl e ho parlato del problema, mi aveva detto che si sarebbero orientati come al S. Martino, ma finora niente. Ci vogliono controlli più seri, non che gli attrezzi vengano cacciati  in un armadio aperto, anche se ci sono gli elementi identificativi sopra.”.  Già, gli elementi identificativi. C’è chi ha grattato via le scritte identificative sulle attrezzature, mettendoci sopra lo stucco e inserendo un nuovo nome.  “Abbiamo dovuto attivare un contenzioso verso dei nostri colleghi per questo spiacevole episodio” conferma Giorgio Maccà, vicepresidente della Croce Bianca di Moneglia. “Ritrovare attrezzature e vedere chiaramente che sono state ritoccate e prese da altri, non è bella cosa. Non non dovrebbe scomparire la roba tra colleghi: ci sono scomparsi spinali, collari, cuscini”. La sparizione di materiali sembra essere più elevata per le pubbliche assistenze dell’entroterra, che facendo avanti e indietro dal Pronto soccorso meno dei colleghi della costa hanno minor possibilità di recuperarli. “Qualcosa si perde, ma anche si recupera. Noi andiamo spesso durante il giorno al Pronto Soccorso, è più facile poi riprendere il materiale. Serve comunque una maggior tutela.” commenta Franco Carniglia dalla CRI di Chiavari.  “Attenzione, non passiamo il messaggio che i militi siano dei ‘fregoni, quando siamo in servizio succede di tutto  -aggiunge Celestino Moruzzi, presidente della Croce verde di Chiavari- In un’operazione di soccorso, tra militi, dottori e forze dell’ordine succede che qualcosa vada smarrito. Meglio riunirsi in una sede opportuna e parlarne, una denuncia non giova a nessuno”. Anche Michele Ogno, presidente Croce Verde di Camogli e Maurizio Calì, presidente della Croce Verde di Recco votano per il ‘metodo San Martino’: “Possiamo testimoniare la buona prassi di avere armadio chiuso e fogli controfirmati per ambedue le parti: danno più garanzie che il materiale venga ritrovato, poi per carità qualche smarrimento può sempre capitare”.  Se poi vogliamo aggiungere che attravero la raccolta dei tappi di plastica (da cui prende il nome il nostro TaPPiro) la Croce Rossa di Cicagna regala strumentazioni sanitarie alle altre pubbliche assistenze e poi la stessa strumentazione viene rubata, beh, è un motivo di attappiramento anche per lo stesso Tappiro!


     

    Tags: il tappiro 


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO