EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Quando per Pasqua si coltivava il leme, si legavano le campane e ci si lavava gli occhi nel fiume (e la ricetta del latte dolce!)

    di Vittorio RosascoLa Settimana Santa della mia fanciullezza era caratterizzata da significative cerimonie che si svolgevan...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea, il tappiro

    di Michela De Rosa | 01 Settembre 2010 | in categoria/e edizione cartacea il tappiro

    IL TAPPIRO... INDIGESTO. Dopo lo scandalo del locale chiuso per pesce avariato clienti e ristoratori insorgono

    > A fine mese un incontro con Guardia Costiera e albergatori per definire regole di controllo e di tutela per i clienti
    IL TAPPIRO... INDIGESTO. Dopo lo scandalo del locale chiuso per pesce avariato clienti e ristoratori insorgonoLa consegna del Tappiro d'ardesia a Renato Montereggio da parte di Michela De Rosa

    Mai come in questo caso sono state appropriate frasi del tipo ‘è una situazione indigesta’ oppure ‘mi sta rovinando il fegato’ o ‘mi sta sullo stomaco’: parliamo delle diverse indagini che - ahinoi - questa estate hanno visto protagonisti ristoranti più o meno noti (e più o meno cari!), dove si spacciava per fresco pesce avariato.  La cosa ha giustamente indignato tutti, aggiungendo una comprensibile rabbia quando si trattava di ristoranti prestigiosi in posti prestigiosissimi, nei quali ci si aspetterebbe di essere trattati come sovrani e non come... somari. In particolare la vicenda del ristorante ‘inquisito’ a Lavagna ha scaldato gli animi, tanto da scatenare un vero e proprio boicottaggio in Internet con cui si invitavano le persone a non frequentare i ristoranti della città. Il primo pensiero spontaneo è ‘perché disertare tutti? Basterebbe non andare in quello sotto accusa’. Eh già, il fatto è che bisognerebbe sapere chi è.
    Ma la legge impone di non fare nomi durante le indagini e così i giornali possono sì strillare il fattaccio creando il panico tra clienti e turisti, ma sono impossibilitati a dare l’informazione che tutti vorrebbero: il nome del locale da evitare. Così oltre il danno la beffa perché nel dubbio ci rimettono tutti: ‘Se non si può fare il nome dell’accusato - afferma Renato Montereggio dell’Unione ristoratori di Lavagna - allora che non si dica nemmeno la città ma si parli di ristorante del comprensorio, perché altrimenti al cliente rimane comunque il timore di incappare proprio nel locale a rischio e contemporaneamente si lede l’immagine di un’intera categoria, di persone che fanno questo lavoro con passione e dedizione ‘
    I ristoratori non sono comunque rimasti a guardare e venuti a sapere del boicottaggio, nonché stanchi delle battute amare dei clienti, si sono organizzati: ‘Come prima cosa - continua Montereggio- abbiamo organizzato una cena a base di pesce crudo invitando diversi esponenti della città tra cui il Vice Sindaco Mauro Caveri e il presidente del Consorzio Centro Storico Nico Caffese per testimoniare che non c’è nulla da temere.’ Ma l’iniziativa più importante avverrà a fine settembre: i ristoratori hanno organizzato un incontro con albergatori e Guardia Costiera per definire insieme un protocollo di regole a tutela ovviamente della clientela ma anche della loro stessa professione  e di quella immagine guadagnata in anni di lavoro e che si può perdere in un giorno solo. Per colpa di altri. Proprio per questo il Tappiro d’ardesia è stato consegnato a Montereggio in rappresentanza dei tanti colleghi ‘attappirati’ che operano con passione e qualità.


     


    I commenti dei lettori
    Lino Gattorna:

    Premetto sono della Val F:B: e ristoratore all´estero da una vita.
    La Riviera e´stata annientata, turisticamente, dai soliti furbetti disonesti! Ristoratori appassionati solo del mucchio (di palanche) Avidi e stupidi.
    Tutto cio´premesso passo alle mie verita´che non sono assolutamente lontane dalla realta´.
    Ci sono state generazioni di baristi che hanno servito il cappuccio (brodo) ai turisti stranieri. (intanto nun capiscian ninte) Spiego: dopo aver fatto il caffe agli Italiani, con il fondo rimanente hanno riempito bottigliette di Coca Cola. Brodaglia che serviva a fare il cappuccio su menzionato. O il prezzo truccato , sempre per i malcapitati foresti. Non parliamo di Sciacchetra´delle 5 terre propinato per assolutamente ORIGINALE! Devono solo dirmi dove si trovano le cantine che lo producono. Non esistono neanche piu´le vigne. O pesce congelato venduto per fresco! Qui sono tornato agli anni 60 in poi. Non gridate allo scandalo sono in grado di fornire prove con nomi e luoghi, in ogni momento pubblicamente e con tanto di firma. Tenete presente che l´agonia turistica della liguria e´sotto gli occhi di tutti. Spero che non ci siano persone che osino affermare che tutto va a gonfie vele. Strutture alberghiere fatiscienti (attrezzate pietosamente) o Alberghi di prim´ordine ( ca. 15 o giu´di li) che sopravvivono con convegni. Turisti certo, 2 anime perse nei fine settimana fanno il mordi e fuggi. Nelle passeggiate i vecchietti (Gente piu che perbene) Milanesi, Torinesi, Cremonini, Modenesi, etc. che hanno l´appartamento comperato o in affitto. Gli unici ad andare a gonfie vele i Farmacisti! Discoteche luoghi di ritrovo per giovani praticamente 0,000001. Guai disturbare chi paga l´affitto, ai pochi proprietari in loco. A Portofino viene praticato il sovrapprezzo esorbitante, (tanto nu i venian ciu´) Frequentavo il borgo quando la banda di Guenther Sachs etc. era fissa nel paese. Oggi i nostri cugini a Saint Tropez li hanno tutti. Noi i gran furbi guardiamo. Non temo nessuna denuncia!


    Lino Gattorna:

    Premetto sono della Val F:B: e ristoratore all´estero da una vita.
    La Riviera e´stata annientata, turisticamente, dai soliti furbetti disonesti! Ristoratori appassionati solo del mucchio (di palanche) Avidi e stupidi.
    Tutto cio´premesso passo alle mie verita´che non sono assolutamente lontane dalla realta´.
    Ci sono state generazioni di baristi che hanno servito il cappuccio (brodo) ai turisti stranieri. (intanto nun capiscian ninte) Spiego: dopo aver fatto il caffe agli Italiani, con il fondo rimanente hanno riempito bottigliette di Coca Cola. Brodaglia che serviva a fare il cappuccio su menzionato. O il prezzo truccato , sempre per i malcapitati foresti. Non parliamo di Sciacchetra´delle 5 terre propinato per assolutamente ORIGINALE! Devono solo dirmi dove si trovano le cantine che lo producono. Non esistono neanche piu´le vigne. O pesce congelato venduto per fresco! Qui sono tornato agli anni 60 in poi. Non gridate allo scandalo sono in grado di fornire prove con nomi e luoghi, in ogni momento pubblicamente e con tanto di firma. Tenete presente che l´agonia turistica della liguria e´sotto gli occhi di tutti. Spero che non ci siano persone che osino affermare che tutto va a gonfie vele. Strutture alberghiere fatiscienti (attrezzate pietosamente) o Alberghi di prim´ordine ( ca. 15 o giu´di li) che sopravvivono con convegni. Turisti certo, 2 anime perse nei fine settimana fanno il mordi e fuggi. Nelle passeggiate i vecchietti (Gente piu che perbene) Milanesi, Torinesi, Cremonini, Modenesi, etc. che hanno l´appartamento comperato o in affitto. Gli unici ad andare a gonfie vele i Farmacisti! Discoteche luoghi di ritrovo per giovani praticamente 0,000001. Guai disturbare chi paga l´affitto, ai pochi proprietari in loco. A Portofino viene praticato il sovrapprezzo esorbitante, (tanto nu i venian ciu´) Frequentavo il borgo quando la banda di Guenther Sachs etc. era fissa nel paese. Oggi i nostri cugini a Saint Tropez li hanno tutti. Noi i gran furbi guardiamo. Concludo, Non temo nessuna denuncia!


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO