EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VARIE cerco generatore 220v 2kw...
    • IMMOBILIARE calvari - appartamento co...
    • VENDO divano letto poltronesofà...
    • VENDO vendo pelliccia visone f...
    • VENDO vendo fiat 500 epoca asi ...
    • VENDO vendo abito da sposa tagl...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    #LaRicetta: arrosto con le castagne - Dalla trattoria nel bosco dove la mascotte è... un cinghiale! (GUARDA Il VIDEO)

    Tra le specialità di stagione l’arista alle castagne, un piatto facile e gustoso di cui vi diamo la ricetta  Da oltre 80 anni...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    edizione cartacea, storia locale

    di Simone Parma | 03 Settembre 2018 | in categoria/e edizione cartacea storia locale

    Le gare, le voci e la “bagascetta”: alla scoperta dei segreti dei Tralalêro (GUARDA IL VIDEO!)

    Le gare, le voci e la “bagascetta”: alla scoperta dei segreti dei Tralalêro (GUARDA IL VIDEO!)

    La secolare tradizione canterina continua a vivere a Traso, dove tra le cornici di lambrino e del buon vino ancora si ritrovano le voci della Val Bisagno

    Ci sono ancora gli sgabelli originali, riverniciati ma con addosso tutti i segni del tempo, c’è il lambrino (NDR la fascia in legno che ricopre i muri dell’osteria) lungo tutte le pareti, c’è il vino buono e le torte fatte in casa. Ma soprattutto ci sono le foto di tutte le squadre di canto genovesi per le quali era d’obbligo sostare qui e, se siete fortunati, potreste vedere la sala principale prendere vita come ai tempi d’oro, grazie ai canti della squadra dei di Bargagli. Benvenuti all’Osteria “da u Valle” di Traso, uno degli ultimi baluardi della vita del diciannovesimo secolo e uno degli ultimi locali in cui prosegue la tradizione. La passione per il “Bel canto genovese” arriva all’osteria negli anni ’50 grazie alla passione di Valentino Criteri, marito di Giuliana Cevasco la cui famiglia gestiva l’osteria da inizio secolo.
    «La sua allegria e il suo amore per la musica – ricordano Mauro e Maura, i figli che tutt’oggi gestiscono l’osteria, e la nipote Patrizia – portarono una ventata di freschezza a Traso. Valentino aveva molti amici, di professione era camionista, ma anche il baritono della “Squadra di Canto di Bargagli”, una delle prime squadre del territorio, insieme a quella di Traso, nate spontaneamente tra i ragazzi dell’epoca». Ogni sera, dopo il lavoro, frotte di ragazzi si radunavano a cantare fino a notte fonda. L’osteria così nel tempo diventò un vero e proprio punto di riferimento non solo per la comunità, ma per tutti i canterini del genovesato. Si dice che “non esiste canterino genovese che non vi sia passato almeno una volta!”.


    Tutti uomini a cantare, ma c’è sempre la “bagascetta”
    Alan Lomax, uno dei più famosi produttori e musicologi statunitensi, lo definì “Il più perfetto canto corale dell’ Europa occidentale”. Il tralalêro però non è canto fine a sé stesso. Per viverne fino in fondo il vero spirito bisogna partecipare ad uno dei ritrovi delle squadre, gustare un po’ di vino buono, fare due chiacchere e poi mettersi all’ascolto. E così abbiamo fatto anche noi, in un tranquillo pomeriggio estivo. All’osteria c’è la squadra di Bargagli, ancora oggi attiva. Giorgio Gennaro, che nella vita è il comandante della Polizia Municipale, ci spiega quali sono le caratteristiche del tralalêro genovese che lo rendono così speciale: «Le squadre di canto sono una peculiarità ligure. In nessun’altra parte del mondo infatti si possono trovare complessi con le stesse caratteristiche. Non ci sono ovviamente strumenti, né spartiti, mancano le voci femminili e tutte hanno la medesima composizione: tre voci tra cui un contralto detto “bagascetta” perché canta in falsetto, un tenore e un baritono, affiancati dalla “voce chitarra” (NDR uno dei baritoni emette un suono simile alla chitarra) e da cinque bassi. Cosa non meno importante: si canta in cerchio e mai verso la platea». L’unico strumento che viene utilizzato dalla squadra è il “corista” che ha lo scopo di “accordare” le voci e dare il tono alla canzone che sta per iniziare. Giorgio tiene molto a quello della loro squadra perché originale dei primi del ‘900.

    Il “mercato dei canterini” e le sfide all’ultima nota
    A Genova esistevano diverse squadre, ognuna delle quali aveva una propria canzone, un proprio presidente che finanziava trasferte e cene e, proprio come nel calcio, le voci migliori venivano contese dalle squadre migliori. «Molti presidenti aiutavano le loro voci a trovare lavoro, anche assumendoli direttamente – ci racconta il Maestro Enzo Piccardo, venuto da Genova apposta per cantare con la squadra – e alcune squadre come Sturla e Quarto dei Mille avevano ottime disponibilità economiche».
    Succedeva poi che, come in un vero campionato, le squadre si confrontassero ai “convegni”, raduni cittadini dove ogni maestro portava la sua squadra ad esibirsi. «C’erano dei pezzi obbligatori, tra cui la partenza – spiega Armando Cevasco, vera istituzione da queste parti e tenore da più di sessant’anni – e un pezzo d’autore, come ad esempio “Madunina”, che ogni squadra interpretava con il proprio arrangiamento. Al termine della sfida i giudici, che solitamente erano maestri, proclamavano la squadra vincitrice».

    Chi non riusciva ad entrare a far parte di una squadra, o perché non abbastanza pronto o perché poco presente agli allenamenti che si tenevano una volta alla settimana, poteva comunque cantare negli “Arrecogeiti”, squadre improvvisate che si divertivano a cantare dopo una cena insieme o ritrovandosi nei vicoli di Genova.
    Entrare in una squadra infatti non è mai stato semplice, soprattutto perchè i canterini sono molto scrupolosi nel rispetto delle regole non scritte e la dedizione dei canterini deve essere massima: «Oltre alla voce buona, ci vogliono orecchio, passione e voglia di partecipare alle prove del martedì. Inoltra bisogna essere uomini…».
    Le donne, come da tradizione, non sono mai entrate a far parte delle squadre in via ufficiale, anche se spesso di uniscono ai canti: «Molto probabilmente questo deriva dall’origine marinaresca delle prime squadre, che si formarono a bordo dei mercantili, dove la presenza femminile era assolutamente vietata».


    Tralalêro: e festa sia!
    Dopo tante spiegazioni la squadra non sta più nella pelle e ci regala un’esibizione. Riunita in cerchio la Squadra di Bel Canto di Bargagli dà vita alla magia. Sopra  trovate il testo di una delle canzoni che potete ascoltare sul nostro canale You tube “Corfole”.



    Me dixeiva ‘na votta mæ nonna

    Me dixeiva ‘na votta mæ nonna
    Mentre a stava sciôsciandô in to fêogô
    Se ti piggi môggè in primmu lêogô
    Ch’a nô sacce parla ô latin

    Ch’a nô l’agge a vôxe da ommô
    Ch’a nô l’agge e ciglie cônzunte
    Ch’a nô l’agge ô nasô a dôe punte
    Ch’a nô l’agge ô mentô sc-ciappoü
    Ch’a nô stagghe cô-e brasse cônserte
    Ch’a raxiôn-ne c’ôn in po de çervellô
    Ch’a manezze côn gaibô ô cannellô
    Ch’a nô digghe de lôngô a veitæ

    Ch’a nô pense d’anà sempre in giô
    A fa i ciæti cô-a rosa e co-a texô
    S’a s’intende de pestô ancôn megiô
    Ch’a prepare dô bôn menestrôn


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    #LaRicetta: arrosto con le castagne - Dalla trattoria nel bosco dove la mascotte è... un cinghiale! (GUARDA Il VIDEO)

    Tra le specialità di stagione l’arista alle castagne, un piatto facile e gustoso di cui vi diamo la ricetta  Da oltre 80 anni...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - AGENZIA DELLE ENTRATE: si può ancora trovare un accordo

      Come forse molti già sanno, la Corte Costituzionale ha recentemente stabilito che la mediazione nelle controversie in materia civile e commerciale (quelle che si discutono in Tribunale tanto per capirci) non sia più obbligatoria, ossia non ci si debba per forza rivolgere ad un mediatore prima di rivolgersi ad un giudice di un Tribunale. Parallelamente alla istituzione della mediazion...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...