EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Cibo naturale, integrazione, socialità e tutela del territorio: l'Orto Collettivo è tutto questo. In progetto anche a Levante

    Si può diventarne coltivatori e avere così una quota del raccolto, oppure fare un abbonamento di 50Euro mens...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    politica

    03 Maggio 2011 | in categoria/e attualita

    BUCCE DI PATATE, PILLOLE DI GUERRA - I tedeschi nei nostri borghi, i bombardamenti su Sestri, le battaglie a Lavagna e Chiavari; poi la liberazione e finalmente la prima festa, il 1° Maggio

    BUCCE DI PATATE, PILLOLE DI GUERRA - I tedeschi nei nostri borghi, i bombardamenti su Sestri, le battaglie a Lavagna e Chiavari; poi la liberazione e finalmente la prima festa, il 1° Maggio

    Cosa hanno provato? Come si presentavano i borghi di Riva, Renà e Sestri? Qual è stato il loro impatto con gli Alleati?
    Troppo spesso i fatti storici del passato diventano occasione di discussione e revisionismo squisitamente politico. La storia è stata e continuerà ad essere scritta da brillanti e documentati studiosi interessati però ad una visione macroscopica, attenta solo a delineare le grandi figure come Mussolini, Hitler, per citarne solo due, i rapporti diplomatici tra Europa ed America. Dimenticano che i milioni di vittime e feriti elencati nei loro libri sono amici o parenti dei nostri nonni, zii, talvolta dei nostri genitori all’epoca bambini. Per questo motivo da qualche anno ha preso sempre più forza il filone di studi che si propone di analizzare le testimonianze scritte e orali della gente comune considerata come vera e propria protagonista e testimone della storia. A tale proposito è stato interessante chiedere a più persone la loro personale percezione legata a quel lontano 25 aprile 1945.
    I tedeschi
    A Riva il soldato tedesco era una presenza quotidiana. I ricordi più toccanti sono quelli che mi hanno raccontato coloro che all’epoca erano fanciulli e per loro i tedeschi erano semplicemente ‘Ragazzi un po’ più grandi che stavano lavorando con i loro carri armati Tigre nei pressi del fiume Petronio sotto il ponte. Noi ragazzi andavamo da loro e chiedevamo un pezzo di pane nero che avevamo imparato a chiamare brot. A volte ci chiedevano in cambio qualche pomodoro o cipolla di cui andavano molto ghiotti e addentavano voracemente». I soldati tedeschi in realtà non stavano lavorando sotto il ponte, stavano posizionando numerose mine, sotto comando della Monterosa, che sarebbero certamente esplose poco prima del 25 aprile all’arrivo degli Alleati se un alpino del posto non si fosse premurato di disinnescarle. I tedeschi erano anche i ragazzi vivaci che alla sera dopo aver alzato un po’ il gomito combinavano marachelle nei bar del paese; festeggiando il Capodanno del ’44 infatti spararono in aria, lasciando tutti a bocca aperta. Talvolta erano i ragazzi dei quali ci s’innamorava follemente senza poter pensare a loro come acerrimi nemici e senza mettere in conto il fatto che un giorno sarebbero dovuti partire…I tedeschi vestivano i panni di violenti soldati armati di mitra che una notte d’inverno, minacciarono una mamma e una figlia terrorizzate uscite dopo il coprifuoco a borgo Renà: «Era già buio ma io e mia mamma eravamo uscite a cercare mio fratello. A un certo punto sentiamo gridare contro di noi così alziamo le mani…Interviene un nostro amico che spiega al tedesco :- Queste sono mia camerata, mia camerata!….Dopo una discussione veniamo accompagnate alla porta di casa con un mitra puntato sulla schiena ».
    25 aprile 1945: l’arrivo degli americani, tra gioia, curiosità e angoscia
    Era una giornata di tempo “buono”, come si usa dire, verso mezzogiorno e trenta si vedono sfilare attraverso via della Libertà (così chiamata per ricordare l’evento) le prime jeep dell’armata americana Buffalo, erano gruppi di ragazzi americani scuri di pelle. Le campane presero a suonare a festa per salutare i nuovi arrivati. Alcune donne, arrivate dai borghi vicini o dalle campagne per assistere all’evento, ricordano il loro spavento dinnanzi ai nuovi arrivati: «A me non mi piacevano per niente, sorridevano sempre. Sono voluta ritornare a casa, mi mettevano un’angoscia addosso…E poi erano stati loro  a bombardare ».
    Lo straniero con gli occhi dei bambini:la cioccolata, il pane bianco e i film
    Diverso il ricordo dei bambini legato più che altro alla golosità e all’aspetto ludico: «Appena arrivati, noi siamo corsi da questi militari e loro ci hanno offerto la cioccolata, e chi la conosceva prima? Avevano anche grandi scatole di cartone con l’uvetta sultanina. Presero posto all’interno dello spogliatoio e della mensa del cantiere. I giorni seguenti si misero a cucinare per i più bisognosi e per la prima volta si vide il pane bianco, tipo pan carrè. Allestirono una zona per il ballo vicino all’odierno bar Lungomare in passeggiata ed un tendone sul quale proiettavano film americani in inglese; noi non capivamo niente! Alcuni giovani giocavano con noi bambini, ci prestavano i loro guantoni da box e noi per finta facevamo a pugni. Il più forte vinceva sempre la cioccolata ». La percezione dello straniero prima il  tedesco ora americano visto da molte persone come il diverso che talvolta spaventa e talvolta incuriosisce, cozza con la concezione dei bambini affascinati sia dal giovane tedesco sia dal mito americano incarnato da questi nuovi eroi, forti e gloriosi sulle loro grandi jeep e generosi  nel donare loro nuove leccornie.
    I caccia bombardieri su Sestri
    Quel primo 25 aprile resta legato nelle memorie anche ad un tragico evento; nella zona della Lapide vicino a Sestri Levante, due caccia americani che controllavano la zona dall’alto, a causa di una falsa segnalazione, mitragliarono un corteo di civili uccidendo una ragazza e i partigiani «Diavolo», «Volpe» e il collaboratore Sturla Gino.
    la dura battaglia tra Cavi e Lavagna
    La memoria  collettiva degli abitanti del Tigullio è senz’altro legata alla dura battaglia avvenuta nei pressi delle Grazie, dove tedeschi e fascisti opposero una dura resistenza e colpirono quattro camionette americane lungo il rettilineo tra Cavi e Lavagna. Gli Alleati, visti gli attacchi incessanti, minacciarono di far intervenire la flotta che si trovava al largo della nostra costa. Fu grazie all’iniziativa di «Virgola» che, insieme agli  altri ragazzi della formazione «Coduri» decisero di intervenire sulle alture tra Chiavari e Zoagli per placare la furia tedesca in modo da evitare il peggio.
    Il 1 maggio: la prima festa e la ‘liberazione’ della spiaggia
    Sei giorni dopo, a distanza di anni, si tornò a festeggiare il primo maggio, festa del lavoro. Quella giornata di festa ritrovata è ancora oggi  molto viva e sentita:  «Il primo maggio del 1945 abbiamo festeggiato tutti insieme a Villa Oleandri dai conti Ratazzi. Fu una grande festa, la prima festa dopo tanti anni. C’era una lotteria dove si potevano vincere prodotti alimentari. Suonava un’orchestra e si ballava e si cantava… » Tra i giovani di allora resta intatta la felicità di ritornare a vivere l’estate al mare, fare il bagno, correre sulla sabbia; una spiaggia così vicina ma così inaccessibile a causa dell’alto muro costruito dai tedeschi tra il ’43 e il ’45 che impediva l’accesso alla gente.

    Maura Bregante
    Commenta e inoltra

    Tratto da CORFOLE! del 5/2011, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Garaventa B. di Uscio:

    ok è giusto ricordare per le generazioni che non erano presenti, la nostra storia fa parte del nostro futuro e del presente.


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO