EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO cell vodafon smart prime ...
    • VARIE cedesi avviata attività c...
    • VARIE socio per attività di res...
    • VENDO vendo lampadario in ferr...
    • VENDO vendesi biliardo carambol...
    • VENDO vendo moto honda vfr750 ...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cucina

    00 Gennaio 2008 | in categoria/e cucina

    Fincantieri in Borsa: ecco perché

    Fincantieri in Borsa: ecco perché

    Il consiglio comunale di Sestri Levante boccia la “privatizzazione” di Fincantieri. Con un voto a larga maggioranza (compresi dei pezzi di opposizione), il parlamentino locale ha chiesto “l’accantonamento del progetto di privatizzazione di Fincantieri” e “la garanzia del reperimento delle risorse necessarie al fine di non pregiudicare lo sviluppo futuro dell’azienda”, rivendicando “il mantenimento del controllo pubblico”. Ma davvero il collocamento sul mercato di una quota di minoranza dell’azienda è una sorta di arma-fine-di-mondo? Non solo non è così, ma ci sono ottime ragioni per appoggiare quella che i tecnici chiamano “initial public offering” (ipo). Tanto per cominciare, bisogna sottolineare che nessuno parla di privatizzazione di Fincantieri (che oggi è per il 98,8 per cento in pancia alla holding pubblica Fintecna, il resto a Citibank). Quello che è sul piatto è il collocamento in borsa di una quota di minoranza, derivante largamente da un aumento di capitale e, in misura minore, dalla cessione di un pacchetto Fintecna.
    L’azienda resterà, quindi, un gruppo a controllo pubblico, ma dovrà rispondere alle regole di governo societario e di trasparenza imposte dai listini e potrà altresì approfittare delle opportunità offerte dalla borsa. Perché il punto essenziale da comprendere, qui, è che la quotazione non è un vezzo, ma una mossa necessaria a raccogliere quei capitali indispensabili a compiere investimenti, senza i quali l’azienda non può avere futuro.
    Chi si oppone alla quotazione in borsa non ha ben capito cosa vi sia in ballo. Non si può, infatti, pensare di mantenere ancora a lungo un’azienda che, molto semplicemente, non funziona, e che è quotidianamente esposta al rischio di procedure comunitarie contro gli aiuti di Stato sempre incombenti. Oggi i conti appaiono a posto e la performance è buona, il che suggerisce sia il momento buono per scendere in borsa, pur con tutti i vincoli che sono stati e che saranno posti (a partire dal mantenimento dei livelli occupazionali, che non sempre è un obiettivo condivisibile – non lo è, per esempio, per i contribuenti costretti a mantenere con le loro sudatissime tasse delle aziende decotte e sovra organico, di cui Alitalia è la punta dell’icerberg). La borsa avrebbe due grandi effetti positivi. Il primo riguarda la possibilità di aprire un canale di finanziamento alternativo al credito e alla continua negoziazione politica con l’azionista pubblico.
    Il secondo è che, come ha scritto l’economista Jacopo Perego, la quotazione “potrebbe attivare quel meccanismo virtuoso per il quale le decisioni del management sono influenzate dagli effetti che producono sul prezzo del titolo… Questo meccanismo tende a punire i comportamenti antieconomici e le scelte di carattere meramente politico… In tal modo, una Fincantieri soggiogata al volere dei sindacati, schiava di obiettivi politici, alla mercé del governo in carica, sarà anche una Fincantieri debolissima in borsa… Il management di Fincantieri si sentirà obbligato dal mercato stesso a sostituire alle logiche politiche quelle di carattere esclusivamente economico”. La scelta che dobbiamo affrontare, insomma, non è quella tra una Fincantieri pubblica e felice e una privata e in declino, ma il contrario. Se responsabilizzare l’azienda – a partire dai dirigenti – e introdurre una seria disciplina di mercato, oppure mantenere un carrozzone che può andare bene o male non in funzione della sua efficienza, ma dei suoi buoni uffici presso gli uomini politici.
    Carlo Stagnaro


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...