EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    diritto, edizione cartacea

    01 Novembre 2009 | in categoria/e diritto edizione cartacea

    VITA DI CONDOMINIO - Parcheggio in strada privata, possono multare? Infiltrazioni nei muri, chi paga?

    VITA DI CONDOMINIO - Parcheggio in strada privata, possono multare? Infiltrazioni nei muri, chi paga?


    Egregio Amministratore, mi permetta di rivolgerle una domanda forse poco attinente alla sua attività. Frequento, nei mesi estivi, un paese della costa: a giugno ho parcheggiato per una notte e una giornata intera, in una strada privata di un gruppo di villette, pur non facendo parte di quel condominio. Ora capita che, forse per la soffiata di uno dei proprietari, è intervenuta la Polizia Municipale la quale mi ha inflitto una sanzione altissima, non per il parcheggio abusivo, ma perché l’assicurazione mi era scaduta da quasi un mese. E’ legittima questa multa? (A.B.-villeggiante in Zoagli)
    Assolutamente no, perché lei ha parcheggiato non in un’area pubblica o di uso pubblico, ma in una strada privata non soggetta al pubblico traffico.
    Signor Basalto, gradirei ricevere il suo parere in merito alla situazione che si è creata nel mio Condominio, terminato e consegnato a fine 2004. Fin da subito sono emersi gravi difetti di costruzione: quasi tutti gli appartamenti subiscono continui infiltrazioni di acqua proveniente da un muro di contenimento posto alle spalle dell’edificio. Dal 2005 l’intero Condominio è in causa con il Costruttore, ma le cose in Tribunale vanno molto a rilento. A fine 2008 il proprietario dei fondi commerciali, dopo un’infuocata Assemblea, ha deciso di far causa all’intero Condominio, chiedendo un risarcimento stratosferico. Cosa può fare il Condominio contro questo pazzoide? (Luigi M., Camogli)
    Signor Luigi, io ci penserei un attimo a definire questo signore un pazzoide: in fondo si tratta di una struttura condominiale che danneggia una proprietà privata. A mio giudizio il Condominio deve suo malgrado provvedere ad eseguire tutti gli interventi atti ad eliminare le cause delle infiltrazioni. Quindi, per il risarcimento dei danni, attendere la sentenza del procedimento contro il costruttore. Le auguro buona fortuna.

    A cura del Geom. Fabio Basalto - Amministratore condominiale
    (Corso Dante 108-110 Chiavari Tel e Fax 0185.300293 -328.2139066 - www.studiobasalto.com) Inviate le vostre domande a info@studiobasalto.com


     


    I commenti dei lettori
    gabriella:

    IO MI SONO RITROVATA A PAGARE LE SPESE CONDOMINIALI, PIU' ALTRE SPESE DI UN ALTRO AMMINISTRATORE INFILTRATO NEL PALAZZO. LUI CONVINCE I CONDOMINI E FAR ESEGUIRE DEI LAVORI FUORI DALL'ASSEMBLEA, QUELLI PAGANO ED IO NON LO RITENGO GIUSTO. DEVO AVERE E PAGARE DUE AMMINISTRATORI?


    anonimo:

    La risposta al villeggiante in Zoagli non mi sembra corretta: i vigili hanno comminato la sanzione non per il parcheggio, ma per l'assicurazione scaduta


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO