EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO cell vodafon smart prime ...
    • VARIE cedesi avviata attività c...
    • VARIE socio per attività di res...
    • VENDO vendo lampadario in ferr...
    • VENDO vendesi biliardo carambol...
    • VENDO vendo moto honda vfr750 ...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea, travel

    di Simone Parma | 07 Giugno 2019 | in categoria/e edizione cartacea travel

    #CorfoleTravel - Alle isole Fær Øer, dove ci sono più pecore che abitanti, si fa la spesa in elicottero e i laghi “volano” sopra l'Oceano

    #CorfoleTravel - Alle isole Fær Øer, dove ci sono più pecore che abitanti, si fa la spesa in elicottero e i laghi “volano” sopra l'Oceano

    Troppi turisti. Quando abiti in un minuscolo arcipelago di diciotto isolotti sperduti in mezzo all’Oceano Atlantico, insieme a sole altre cinquantamila persone (e ottantamila pecore), accogliere 160.000 turisti all’anno può diventare un’impresa troppo ardua. Soprattutto se, tra questi, ci sono i soliti incivili, egoisti e noncuranti turisti mordi e fuggi. E così può succedere che un intero arcipelago “chiuda” per riparare ai danni dei visitatori maleducati.



    Sono isole danesi ma si sentono una nazione a sé
    Innanzi tutto vi starete chiedendo dove si trovano queste Fær Øer (si pronuncia Far Oer). La cosa sorprendente è che sono un luogo incredibilmente bello e suggestivo, dimenticato per anni dal turismo di massa, che in questi ultimi tempi però sembra essersi ricordato che sì, effettivamente tra Scozia, Islanda e Norvegia esiste un piccolo arcipelago dove la natura selvaggia regna ancora sovrana.
    Formalmente facenti parte del Regno di Danimarca, le isole Fær Øer posseggono una larga autonomia nella maggior parte dei settori della politica e dell’amministrazione dell’arcipelago, con esclusione della Difesa e di poche altre competenze in mano al governo centrale danese. Hanno un loro primo ministro, un parlamento, una bandiera, un giorno di festa nazionale e tutto quello che una Nazione con la N maiuscola deve possedere. Ma la capitale, Tórshavn, conta circa dodicimila abitanti. Esattamente come la nostra Lavagna.



    Cosa mai ci sarà da vedere in un posto dove le pecore sono il doppio degli abitanti?
    Per gli amanti della natura, delle passeggiate e dei paesaggi nordici le Fær Øer sono un vero e proprio paradiso. Quando deciderete di visitarle preparatevi a temporali improvvisi (foto), vento forte e neve anche in primavera (in pratica come questo strano maggio da noi), ma soprattutto preparatevi ad incontrare una popolazione tanto cordiale con i visitatori educati, quanto poco amichevole con i turisti ficcanaso. Negli ultimi anni infatti villaggi che contano non più di dieci abitanti sono stati letteralmente invasi da centinaia di migliaia di visitatori l’anno e qui sono iniziati a nascere i primi problemi. Problemi di convivenza e problemi di difesa e tutela della natura.



    La spesa? Si fa il mercoledì, con l’elicottero!
    Pensavate che fossimo solo noi liguri a considerare i turisti come un intralcio alla vita quotidiana? Beh, dovete ricredervi.
    Premesso che i faroesi sono una popolazione meravigliosa, accogliente e sorridente (non proprio tipico per una nazione del Nord), ci sono problemi logisitici che non facilitano la convivenza tra locali e turisti. In primis i trasporti. Le Fær Øer sono uno dei pochi luoghi al mondo dove prendere l’elicottero per spostarsi da un’isola all’altra costa all’incirca come andare in Taxi da Genova Principe all’Aeroporto. Il motivo è che i collegamenti fra le isole spesso sono difficoltosi via mare e l’elicottero permette agli abitanti delle isole minori di recarsi a fare acquisti (si, i negozi non sono su tutte le isole!) o commissioni sulle isole principali. Ma il basso costo del servizio garantito dalle sovvenzioni statali spinge molti visitatori ad approfittarne per fare giri turistici in elicottero, che per i locali è un fondamentale mezzo di sopravvivenza. E i faroesi non sono molto contenti di non trovare posto sull’elicottero del mercoledì quando devono andare a fare la spesa.
    Oltre ai trasporti però un problema ben più grave affligge il bellissimo arcipelago.



    “Chiuso per manutenzione”
    Occorre fare una precisazione: alle Fær Øer ogni sentiero, pascolo o comunque qualsiasi zona calpestabile è proprietà privata. E non potete attraversarla, se non dietro generosa concessione del proprietario. Non esistendo il concetto di “demaniale” non c’è nemmeno molta tolleranza verso quei turisti che indiscriminatamente attraversano pascoli e prati, rovinandoli irrimediabilmente.

    Per fare un esempio, la zona del famoso Sorvagsvatn, un lago a picco sul mare che crea un incredibile gioco di prospettive (da vedere almeno una volta nella vita!) ha visto il piccolo sentiero che portava alla scogliera letteralmente disfarsi sotto il calpestio delle centinaia di visitatori che ogni giorno lo percorrono.


    Stessa cosa avvenuta all’isola di Mykines, famosa per essere la patria estiva dei pulcinella di mare che tanto piacciono a noi turisti.

    Succede allora che uno degli allevatori del minuscolo (ma incredibilmente suggestivo) villaggio di Saksun, tale Jóhan, sia diventato un vero e proprio spauracchio per chi si azzarda a calpestare i suoi terreni. L’ho visto anche io avvicinarsi minaccioso col suo pick-up rosso e guardarmi come a dire: “prova a mettere piede nel mio pascolo per fare la tua stupida foto da turista e te ne pentirai!”.

    Ora, non posso assicurarvi che abbia pensato quello, ma posso garantirvi che un viaggio (perchè non si tratta di una vacanza) alle Fær Øer vi restituirà la giusta dimensione del “guardare ma non toccare” che dovrebbe appartenere a tutti i turisti.
    Sfruttando la crescente popolarità della destinazione, l’Ufficio del Turismo locale ha così deciso di indire un concorso per 100 aspiranti volontari che volessero sistemare le zone più visitate delle isole, limitando l’accesso di alcune attrazioni per tre giorni (dal 26 al 28 aprile). L’hanno chiamata, molto intelligentemente dal punto di vista del marketing turistico, “chiusura per manutenzione”. Ovviamente non è stato chiuso tutto l’arcipelago che, per quanto solitario ha le proprie industrie e la propria vita. Sono stati invece riparati alcuni sentieri e creati nuovi percorsi per evitare che i visitatori vagassero senza meta distruggendo pascoli e natura.



    Cosa ho imparato alle Fær øer
    Ci sarebbe molto da dire su questo arcipelago, ma ciò che più mi ha insegnato nei sette giorni in cui l’ho visitato è sicuramente la necessità di un ritorno ad una dimensione più lenta del turismo, rispettosa della natura e anche dell’allevatore Jóhan di Saksun.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...