EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo stufa a pellet 9 kw...
    • VENDO vendo pianoforte vertical...
    • VENDO vendo rete letto elettros...
    • VARIE cerco persona munita di f...
    • REGALO serie di diabolik , tex ...
    • VENDO pezzo da antiquariato - o...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Agnello lardellato

    Per 4 persone: una coscia di agnello di circa 1,2 kg, 150 gr di lardo, 500gr di patate, 3 spicchi d’aglio, prezzemolo, origano, olio extra, pinoli a piacere, mezzo bicchiere di marsala secco.

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualita, cucina, cultura, edizione cartacea, storia locale, tempo libero

    di Michela De Rosa | 02 Febbraio 2016 | in categoria/e attualita cucina cultura edizione cartacea storia locale tempo libero

    “Un fiasco, un pentolino, un tubo e tanta pazienza”: di quando i nostri nonni producevano la grappa fatta in casa. (Al museo etnografico di Gattorna un tradizionale "alambicco")

    “Un fiasco, un pentolino, un tubo e tanta pazienza”: di quando i nostri nonni producevano la grappa fatta in casa. (Al museo etnografico di Gattorna un tradizionale "alambicco")
Al Museo Etnografico e della Civiltà Contadina di Gattorna potete vedere un vero distillatore casalingo, corredato di spiegazione. Ingresso gratuito, offerta gradita a sostegno del museo.

    Amatissima, specie al Nord e in Sardegna (dove si chiama Filu ‘e ferru. Vedi sotto), è di sicuro uno dei distillati che più rappresentano l’Italia e molti dei nostri nonni usavano prodursela in casa, per lo più con strumenti improvvisati, recuperati dalla quotidianità domestica (Vedi foto).

    -----------------------------------------------------------------
    > La curiosità
    Perché i sardi la chiamano filu ‘e ferru?
    Il nome risale a quando veniva prodotta clandestinamente e le bottiglie e gli alambicchi venivano nascosti sottoterra. Per poterli ritrovare venivano legati con uno o più fili di ferro con un capo che sporgeva dal terreno: il filo di ferro, appunto.
    -----------------------------------------------------------------

    “Acqua per i poveri”, fatta “con gli scarti dei ricchi”
    Da chi e come fu inventata non è chiaro. Si sa che la produzione di distillato di vino, ad esempio, divenne nota quando il medico padovano Michele Savonarola (1384 – 1462) pubblicò il primo trattato su questo argomento: “De Conficienda Aqua Vitae”. Probabilmente si iniziò a distillare la vinaccia già nel XIV o nel XV secolo, o forse prima ancora. In molte pubblicazioni dedicate alla storia di questo distillato si fa riferimento a un documento riguardante un certo Enrico di ser Everardo da Cividale del Friuli che nel suo testamento pare avesse lasciato in eredità “unum ferrum ad faccenda acquavitem” (un alambicco per distillare l’acquavite) e in tale contesto si nomina anche la grespìa. In realtà mai vi è stata prova a sostegno di questo aneddoto. Si sa però che la Grappa non era destinata ai ceti più abbienti, che riservavano per sé il vino o magari il distillato di questo, lasciando alla popolazione ciò che restava: ovvero le bucce, i semi e i raspi dell’uva fermentata.
    La grappa che noi conosciamo si ricava infatti dalle vinacce (gli scarti solidi dell’uva), che possono essere di due tipologie: fermentate o non fermentate. La fermentazione è un processo fondamentale perché permette a una sostanza di uso comune di trasformarsi in alcool attraverso i lieviti. Fino agli anni 50 la tecnica più praticata era la distillazione a fuoco: ponendo uno scaldino contenente un fiasco con le vinacce sulla brace si portava il contenuto in ebollizione. Il vapore veniva fatto passare in una serpentina che gli permetteva di raffreddarsi. Alle origini il raffreddamento avveniva a temperatura ambiente, più tardi venne ideata una bacinella (contenente acqua fredda) per giungere infine alle moderne tecnologie. Il vapore condensato (e diventato quindi liquido) viene trasferito nella bottiglia. Un processo non semplice, che richiede pazienza e passione.

    Cosa significa "grappa"?
    Vi sono due fondamentali teorie sulla derivazione del termine grappa: la più accreditata afferma che derivi dal latino medievale “grappulus” (grappolo d'uva); la seconda afferma che la derivazione è ben più recente, ovvero da “graspa” (così chiamata in Triveneto), la quale deriva a sua volta da “graspo” che significa letteralmente “tralcio d'uva”. Non vi è alcuna correlazione con il Monte Grappa o con Bassano del Grappa, dove però vi è la sede del PoliMuseo della Grappa.

    Acquavite, ovvero “l’acqua della vita contro la morte”. Di quando si usava come rimedio contro la peste
    Quando nel XVI secolo si diffuse il flagello della peste, i medici cominciarono a prescrivere forti bevande alcoliche che davano ai malati una temporanea sensazione di benessere, come riportato in queste ricette dell’epoca: “Acqua perfettissima a guarire peste e vermi. Ad uno homo se ne dà uno quarto, ad uno mammolo mezzo quarto, ad uno piccolino una ottava. Piglia mezzo boccale de acqua vita nella quale poni le infrascripte cose: ientiana termentilla dittamo carlina ana oncie mezza; miele cotto et despumato quanto te pare et adopera” (ricetta dagli “Experimenti” di Caterina de’ Medici).  
    E ancora: “Pigliate al tempo del sospetto della peste tre cime di ruta, una noce, un fico secco. Ponete il tutto in mezzo bicchiero di acqua di vita per ore tre e poi bevete.”
    Infine: “Pigliate una cipolla bianca, di quelle che si mangiano e fatene succo et mele et aceto et suco di ruta et di mille foglie, ana, et mescolate e dategliene al patiente due terzi in un gotto pieno a metà di acqua di vita et sia caldo et sia dato infra sei hore et stia nel letto ben coperto si che sudi.”



    Tratto da CORFOLE! del 2/2016, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      La cucina difettosa e le rate da pagare

      Conciliazione e Mediazione: risolvi senza cause legaliI signori Bianchi acquistarono una cucina completa di elettrodomestici del valore di 8000 euro che in parte pagarono all’ordine. Come spesso accade si allungarono i tempi di consegna e al momento del montaggio vennero rilevate diverse imperfezioni, tra cui un malfunzionamento della lavastoviglie. Contattarono il n...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...