EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo tastiera yamaha psr...
    • REGALO regalo struttura letto ma...
    • VENDO vendo mobili anni 50...
    • VARIE cerco in affitto/vendita:...
    • VENDO vendo pen inutilizzo scoo...
    • IMMOBILIARE alla ricerca urgente di l...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Il pesto Patrimonio dell'umanità dell'Unesco: è il piatto italiano più amato dai turisti stranieri. Ora va promosso e tutelato

    Secondo un recente studio della catena alberghiera Soft Living Places il pesto alla genovese è al top fra i piatti più amati dai turisti stranieri venuti...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualita, benessere, edizione cartacea, esperti, salute

    di Simone Parma | 09 Luglio 2014 | in categoria/e attualita benessere edizione cartacea esperti salute

    Malati migliorano grazie a una cura “non convenzionale” e ne chiedono l'inserimento in ospedale: ma l'Asl dice no. AIDS e morbo di Chron tra le patologie curate

    Malati migliorano grazie a una cura “non convenzionale” e ne chiedono 
l'inserimento in ospedale: ma l'Asl dice no. AIDS e morbo di Chron tra le patologie curate

    AIDS e morbo di Chron sono solo alcune patologie curate con successo grazie alla terapia BIDA: ma la burocrazia non ne permette l’utilizzo in ospedale

    Nella medicina occidentale l’approccio alla malattia o disturbo è settoriale: se una persona ha mal di stomaco si va dal gastroenterologo, il quale prescriverà analisi e medicine finalizzate a curare lo stomaco. Nella Medicina Olistica (dal greco olos, “totalità”) la persona viene vista come un unico organismo e il disturbo allo stomaco potrebbe essere il sintomo di un problema che sta altrove. Quindi la cura si indirizza in quel “altrove”. Negli anni sono aumentate in modo esponenziale le persone che, per diversi motivi, hanno deciso di avvalersi di medici olistici e allo stesso modo sono aumentate le ricerche, le scoperte e le cure. Il concetto per cui a dover essere curata non è la malattia ma il malato è stato l'approccio fondamentale per lo sviluppo di diverse tipologie di terapie, tra cui la BIDA (Bioterapia Infusionale del Dott. D'Abramo), ora al centro di uno spinoso caso di indifferenza da parte della ASL 4 Chiavarese.

    Terapia BIDA: le testimonianze
    Il Dott. Roberto Santi, medico dell'ASL 4 e allievo del Dott. D'Abramo, ha applicato la BIDA con successo, ottenendo risultati che lui stesso definisce «straordinari». Tra questi un caso di AIDS e da ultimo i sostanziali miglioramenti di una donna, S.M., affetta da morbo di Crohn: «La medicina convenzionale non ha funzionato nel mio caso, anzi. L'alto dosaggio di cortisone e gli errori di valutazione hanno provocato ulteriori danni al mio fisico. I miglioramenti sono iniziati solo dopo due cicli di flebo della cura denominata BIDA e le ultime analisi che ho effettuato ne sono la prova evidente». L'interesse intorno alla terapia è cresciuto nel tempo, tanto che il sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi ha proposto l'avvio della sperimentazione della terapia, richiedendo, anche a mezzo stampa, un approfondimento da parte dell'ASL sulla cura, alla luce dei risultati ottenuti.

    Lo scontro con l’Asl4: questa cura non segue le linee guida
    Nonostante i risultati ottenuti, nonostante l’appello dei malati, dei cittadini e del Sindaco la risposta dell'Asl è stata: «tale pratica non viene utilizzata in ASL 4 […] e nessun servizio ambulatoriale è pertanto destinato alla sperimentazione di tale pratica». Una presa di posizione netta, che non lascia spazio a possibili aperture riguardo alla sperimentazione della cura. Il Dott. Santi analizza così le possibili soluzioni a questa situazione: «Il ruolo della ASL dovrebbe essere quello di applicare il codice deontologico, il quale non pone le linee guida come leggi inconfutabili, ma anzi impone di cercare soluzioni alternative nel momento in cui le cure attuali non siano più funzionali al loro scopo. Per questo anche la Regione dovrebbe muoversi verso l'apertura del sistema, mettendo a disposizione un apparato organizzativo che permetta la sperimentazione prima, e l'attuazione poi, di cure alternative».  Il punto di vista del medico chiavarese è chiaramente differente da quello dell’ASL e si muove nella direzione del Diritto alla scelta terapeutica da parte del paziente. La posizione dell’ASL è chiaramente orientata al mantenimento della solidità scientifica della medicina “convenzionale”, tanto che l’autorizzazione alla pratica della BIDA «non verrebbe comunque concessa al di fuori della disciplina autorizzata e/o di protocolli di cura scientificamente validati». Va comunque sottolineato che la competenza a legiferare in tal senso spetta alla Regione.

    IL paradosso: le linee guida per l’asl4 non sono affidabili
    La diatriba è aperta e il medico chiaverese pone un ulteriore quesito alla Azienda, sottolineando un intervento del Direttore Sanitario, Flego Gaddo, sul principale portale medico degli Stati Uniti in cui lo stesso, in merito ad un farmaco anti-aritmico dichiara: «Preoccupazioni sono state espresse circa l’affidabilità delle linee guida della pratica clinica». Si tratta per Santi di una contraddizione: il Direttore Sanitario non accetta cure che non siano passate dalle linee guida e poi giudica le stesse non affidabili, con conseguenti prescrizioni di farmaci inutili se non pericolosi. E qui va precisato che la terapia BIDA è composta da cosiddetti “biofarmaci” ossia elementi naturali, presenti nel nostro corpo, facilmente reperibili ed economici: fruttosio 1,6 difosfato, fosfolipidi, ademetionina, glutatione ridotto, vitamina C, citicolina, coenzime. E oltretutto privi di effetti collaterali.
    Si tratta di un caso di bioetica, in cui l’unica certezza al momento è l’incertezza del paziente, che volendo seguire la strada proposta dal Dott. Santi si trova nel limbo di una cura non autorizzata dall’ASL, che utilizza però farmaci riconosciuti e che ha già dimostrato di avere riscontri positivi. L’auspicio del Dott. Santi e dei suoi pazienti è che arrivi una risposta concreta, nel senso scientifico del termine, da parte delle istituzioni. Si tratterebbe di un aiuto importante a tutti coloro hanno l’intenzione di scegliere strade alternative, ma senza perdere il supporto delle strutture sanitarie.

    In altre regioni le richieste dei pazienti vengono ascoltate
    In altre Regioni, come la Toscana, la Campania e l’Emilia Romagna i governi regionali si sono già mossi verso un’apertura alla medicina non convenzionale, con la predisposizione di ambulatori dedicati e con l’istituzione a Ravenna de “Il secondo parere”, progetto in cui l’ASL si fa carico della richiesta di delucidazioni, da parte del paziente, in merito alle cure proposte e della ricerca di possibili cure alternative.

    Che cos'è la BIDA
    Sperimentata e perfezionata per più di 20 anni dal Dott. D'abramo, scomparso lo scorso Aprile, si propone di risolvere diverse patologie quali: malattie vascolari diabetiche ed arteriosclerotiche, psoriasi, acne ribelle, depressione e ansia, attraverso la somministrazione in via venosa e in infusione continua di farmaci espressamente privi di effetti collaterali. I medici che applicano questo tipo di trattamenti sottolineano che non si tratta di una contrapposizione alla medicina “convenzionale” ma piuttosto di una sua integrazione. Questo perchè i farmaci usati sono riconosciuti e registrati regolarmente presso il Ministero della Salute tramite AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) e quindi reperibili in farmacia, ma somministrati seguendo un approccio che tiene in considerazione i principi della Medicina Olistica.

    Per saperne di più

    dott. Roberto Santi

    339 4637489

    Tratto da CORFOLE! del 7/2014, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - La pubblicazione del testamento

      A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Contatti 0185.938009 redazione@corfole.comIn questo numero vi voglio parlare di un argomento caro a molti lettori: cosa fare quando si rinviene un testamento olografo, un testamento –cioè- scritto integralmente a mano dal defunto (ivi compresa data e firma).L&r...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...