EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE calvari - appartamento co...
    • VENDO divano letto poltronesofà...
    • VENDO vendo pelliccia visone f...
    • VENDO vendo fiat 500 epoca asi ...
    • VENDO vendo abito da sposa tagl...
    • VENDO vendo scarpe bimba usate ...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    IL CORFOSIGLIO - Conserva i fichi... col Rhum

    (I consigli di Corfole) Questa delizia è ottima anche per arricchire dolci come la panna cotta, le coppe...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    letture

    00 Gennaio 2008 | in categoria/e letture

    Chi nasce mulo bisogna che tira calci - Viaggio nella cultura tradizionale delle Quattro Province

    Storie di muli, pifferai, ravioli e vino buono
    Chi nasce mulo bisogna che tira calci - Viaggio nella cultura tradizionale delle Quattro Province

    Per questa volta non parliamo di politica, anche se il titolo (Chi nasce mulo bisogna che tira calci) potrebbe farlo supporre, ma di un bel libro scritto da Paolo Ferrari, Claudio Gnoli, Zulema Negro, Fabio Paveto, che ci trascina in un viaggio nella cultura tradizionale delle quattro province Alessandria, Genova, Piacenza e Pavia. L'incipit descrive perfettamente il profumo di quello che il lettore leggerà: "questo libro è dedicato a tutti i testimoni della civiltà montanara delle quattro provincie che ci hanno trasmesso memorie e conoscenze. E a tutti coloro che ancora abitano quassù, a tutti i camini accesi d'inverno, le fasce coltivate in mezzo alla selva, il boscaiolo che ha tutta la valle per lui, le ultime mucche del paese e i canti in un'osteria remota con il televisore acceso che nessuno guarda". A tratti Nostalgia canaglia, a tratti approfondimenti storici, a tratti interviste alle memorie storiche dei paesi. Ecco, se qualcosa colpisce di questo libro è immaginare gli autori abbarbicarsi per gli sperduti paesini a raccogliere interviste per tentare di assaporare i gusti di un tempo che ormai non c'è più. L'imponente lavoro di ricerca sulle quattro province mette in evidenza l'intreccio e la trasversalità dell'identità culturale di quest'area che coinvolge anche la Fontanabuona contaminando parte del Tigullio. Si passa così dall'esame di mulattiere e muli "il mulattiere faceva un po' di tutto era il postino, quello che portava le notizie, il commissioniere, ed era molto più conosciuto di chi faceva il contadino. Erano quello che andava nei paesi più riforniti. Viaggiavano e conoscevano più posti del contadino normale e avevano di conseguenza una mentalità più aperta" passando per i riti carnevaleschi tra Aveto e Scrivia e arrivando a descrivere le mitiche figure dei suonatori di paese. >Proprio a questo proposito gli autori si soffermano sui ricordi dei nomi più famosi. I pifferai erano spesso indicati, nei paesi dove andavano a suonare, semplicemente con il nome della località da cui venivano. "E' curioso che il Brigiotto (Paolo Pelle) avesse questo soprannome anche a Bruggi stesso (frazione del Comune di Fabbrica Curone nell'alessandrino), addirittura quando qualcuno lo chiamava con il nome di battesimo lui nemmeno si voltava, e rispondeva solo quando l'altro cambiava l'appellativo in Brigiotu per incoraggiarne l'uso e forse per l'orgoglio della notorietà che questo implicava....La forza di questo soprannome lo ha conservato fino ad oggi in Fontanabuona a molti chilometri di distanza, dove i pifferai si recavano regolarmente a suonare, in particolare nel comune di Uscio. Là addirittura i brigiotti sono i suonatori di piffero e musa tout court. Draghin invece, il pifferaio più antico di cui sia rimasta memoria tra i suonatori attuali, arriva attraverso questo soprannome con cui era identificato dalla gente ma nessuno ricorda il nome reale”. >In una versione delle sue gesta, il Draghin è arrestato a Cicagna e messo in prigione a Bobbio in quanto accusato di stregoneria, e per discolparsi chiede il legno per costruirsi da solo un piffero, dimostrando così che si tratta di un normale strumento artigianale e non di un oggetto diabolico. E' interessante che una delle spose provenga da Verzi, in Fontanabuona, molto vicino a Cicagna. In altre occasioni troviamo riferimenti a persone di Ognio, Favale di Malvaro, Lorsica, Priosa, Rezzoaglio, Orezzoli. Curato e appetitoso il capitolo finale intitolato "A Pulenta me cuntenta" dove vengono descritte le memorie della vita alimentare montanara. >Qui troviamo notizie molto curiose; ad esempio che i ravioli, nei pressi di Chiavari, si chiamano così perchè se fan de reo (si fanno di rado) ed è interessante leggere una sintentica ed efficace rima della vita montanara che racchiude il sapore di tutto il libro nel suo complesso: "A pulenta me cuntenta / I ravio i me tucu u co / Ei ven bon u me fa cantà / Ei pinfru dei Brigiottu u me fa balà" (La polenta mi accontenta / i ravioli mi toccano il cuore / Il vino buono mi fa cantare / Il piffero del Brigiotto mi fa ballare). Il libro chiude apparentemente con un luogo comune "era un altro mondo, non avevamo niente, ma eravamo più contenti" ma rivela in effetti una situazione di fatto, oltre che una percezione legata allo sguardo sempre un po' malinconico sugli anni della giovinezza, perchè il mondo contadino era innegabilmente caratterizzato da gravi carenze nel vissuto quotidiano ma conosceva momenti di convivialità e socialità che davano vita a espressioni culturali uniche. "I sapori del mangiare erano parte essenziale di questa sfera esperenziale, non diversamente dai suoni del piffero o della cornamusa, dai canti profani e liturgici, dal cioccare delle grillere dei muli, dall'odore del letame e dei prati sfalciati. Forse - chiudono gli autori - quel sapore è veramente irripetibile perchè manca oggi l'ingrediente essenziale di allora, ovvero la "fame"; questo libro, frutto di faticosa ricerca, contiene anche una ricca collezione di fotografie e mescola sapientemente gli ingredienti della storia con quelli della tradizione. Consigliato soprattutto a coloro che, ancora adesso, sono "affamati" del tempo che fu. align="right">Giansandro Rosasco

    Fonte: Paolo Ferrari - Claudio Gnoli - Zulema Negro - Fabio Paveto-Musa Menussie de gea © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Groupon sconfitto da un genovese: con una sentenza storica, un cittadino è riuscito a piegare il colosso del coupon

      Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Comprando online molto spesso ci troviamo ad incrociare le dita, nella speranza di non ricevere un “pacco” vero e proprio. Lo sa bene Adriano Sansa (ex sindaco di Genova) che nel Febbraio 2014 acquistò su Groupon un buono per ottenere la riparazione di persiane e infissi da una ditta di Torino, rivelatasi poi, ...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...