EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • REGALO regolo 2 materassi singol...
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Metti in tavola le nocciole di Chiavari: dopo decenni di abbandono riprende l'antica produzione locale, ora tutelata da un marchio (RICETTA BISCOTTI DELLA GIOIA!)

    Il forno acceso, le mani in pasta, il profumo di dolci in tutta la casa... cosa c’è di più festoso? Abbiamo pensato allora di proporvi una ricetta ...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea

    11 Giugno 2024 | in categoria/e edizione cartacea

    PRO RECCO: il mito nato da una gomma rubata e dal sogno di una città che voleva risollevarsi dalle macerie

    PRO RECCO: il mito nato da una gomma rubata e dal sogno di una città che voleva risollevarsi dalle macerie
1953: la squadra promossa in serie A posa sulla spiaggia ancora piena delle macerie dei bombardamenti (dall'archivio di eraldo Pizzo)

    Per celebrare il 36° scudetto vogliamo ricordare di quando la città si auto tassò per dare alla squadra un campo nuoto

    di Michela De Rosa


    Oggi la Pro Recco è la squadra di pallanuoto più titolata del mondo. Il suo nome è uscito dall’ambito prettamente sportivo per essere conosciuto e riconosciuto come eccellenza italiana. E, per nostro orgoglio, ligure, levantina. Ma soprattutto recchese. Perché tutto questo non sarebbe stato possibile senza quei normali cittadini che, ancora circondati dalle macerie dei bombardamenti, pur di sostenere la loro squadra, si autotassarono per costruire il molo necessario per gareggiare ufficialmente in Campionato. E’ quindi doveroso ricordarli e onorare questo piccolo grande sacrificio, perché è grazie a quel gesto che oggi esistono questi campioni e le loro vittorie.


    Si giocava in mare: ma niente passerella, niente Campionato

    La Pro Recco venne fondata con il nome Rari Nantes Enotria nell’estate del 1913, in mare, davanti ai Bagni Enotria. Con questa denominazione la squadra ottenne nel 1922 l’affiliazione alla Federazione Italiana e partecipò al campionato fino al 1935, quando si sciolse per essere sostituita dal Gruppo Sportivo Fascista. La guerra mette Recco in ginocchio. I bombardamenti non hanno lasciato quasi nulla del borgo marinaro. Ma un giorno, finalmente, tutto finisce e tutti vogliono tornare a vivere, perfino a giocare e fare sport. Anche in acqua. Così nel 1946 alcuni ragazzi con i vecchi giocatori dell’Enotria ricostituiscono la squadra di pallanuoto e la chiamano come quella di calcio cittadina: Pro Recco.
    Nel 1953 vince il campionato di Serie B e ottiene la promozione in Serie A; in realtà era già stata promossa l’anno prima, ma dovette rinunciare vista la mancanza di una piscina di gioco: secondo la Federazione Italiana Nuoto, infatti, un arbitro non poteva dirigere dalla barca una squadra che giocava le proprie partite in mare aperto. Il regolamento imponeva una passerella fissa su cui il direttore di gara potesse camminare e così nel 1952 Antonio Ferro – che fu presidente e sindaco – lanciò la “campagna del cemento” per costruire un molo.



    La squadra nacque dalle gomme rubate a un camion
    Il ricordo di Eraldo Pizzo, il Caimano

    Nel Dopoguerra, la città cercava di risollevarsi dalla distruzione quasi totale. I ragazzi recuperavano la normalità giocando a calcio e a pallanuoto. Era rimasto il ricordo della Enotria, che prima della guerra aveva formato buoni pallanuotisti. Un giorno dei ragazzi vedono un camion, portano via i pneumatici e li vendono. La cosa incredibile è che, invece di usare quei pochi soldi per un paio di scarpe o del cibo, comprano corde e dei materiali poveri per costruire due porte e avere finalmente un campo da pallanuoto. La Pro Recco. Tra quei ragazzi c’era il fratello maggiore di Eraldo, Piero, che già giocava a pallanuoto piuttosto bene. Ed è proprio per seguirlo ovunque, che ha imparato a nuotare e a giocare, diventando poi la leggenda che tutti conosciamo come “il Caimano”.

    La campagna del cemento
    Il Sindaco Ferro si rivolse alla popolazione: “Portate del cemento e noi costruiremo il molo!”. Parteciparono tutti. La domenica si passava a fare il molo: io mi buttavo in acqua con le pietre da mettere nelle gabbie di ferro per le fondamenta. In aprile facevamo i turni, perché l’acqua era fredda e più di un quarto d’ora non si resisteva.




    La “campagna del cemento” per costruire il campo nuoto

    Il paese si tassò: c’era chi portava direttamente i sacchi oppure offriva soldi per comprarli. Grazie a questa idea la Pro Recco riuscì ad iscriversi al campionato di serie A. Fu così che la fiducia di un Sindaco lungimirante, di quelli che ancora sapevano leggere il territorio e conoscevano il potere impetuoso dei sogni, e il sostegno dei cittadini che ancora vivevano tra le macerie ma credevano nella comunità e nei loro ragazzi, resero possibile un’impresa impossibile, che riverbera ancora oggi.Senza gli spalti in questa foto, la Pro Recco non sarebbe l’eccellenza mondiale che continua ad essere. E forse neanche esisterebbe.





    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO