EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    DADO FAI DA TE - Farlo in casa è facile, ed è più saporito e sano, specie per i bambini

    Se c’è una cosa bella dell’autunno sono i profumi della cucina: torna la voglia di piatti caldi e magari complessi, come zuppe, risotti, arrosti, mi...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea

    13 Maggio 2024 | in categoria/e edizione cartacea

    La vera storia di uno dei quadri più riprodotti - Chi sono i veri protagonisti? E dov'è finito l'originale?

    La vera storia di uno dei quadri più riprodotti - Chi sono i veri protagonisti? E dov'è finito l'originale?

    Un avvocato che sognava di fare l'artista, una fanciulla per strada, un fotografo scaltro, un segreto tenuto nel cuore per tutta la vita e una verità scoperta molti decenni dopo... fino all'appello a "Chi l'ha visto?"

    di Michela De Rosa

    Maggio è il mese della Madonna e allora vi voglio parlare della “Madonnina” più riprodotta di tutti i tempi. Chi non ha avuto questo quadro in casa propria o sopra al letto dei nonni? Vi siete mai chiesti chi lo ha dipinto?
    Vi sorprenderà scoprire la sua storia e quella di tutti i protagonisti. Perché siamo di fronte a un caso unico, in cui la fama dell’opera è mondiale mentre il nome dell’autore resta sconosciuto ai più, ma soprattutto il quadro è nato con tutt’altro intento vincendo la Biennale di Venezia nel 1897 e poi “eletto” a icona votiva a furor di popolo. E poi c’è il mistero della sua sparizione e della scoperta della verità da parte di una suora. Ma andiamo con ordine.

    Una ragazzina diventa simbolo di maternità e poi Madonnina

    Roberto Ferruzzi (Dalmazia 1853 - Luvigliano 1934) - in foto - era figlio di un noto avvocato e si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza a Padova. Era però molto dotato nel disegno e, pur continuando i corsi universitari per tramandare l’attività di famiglia, studiò anche disegno e pittura. Nel 1879 si stabilì a Luvigliano (Veneto) dove si dedicò alla sua passione creando attorno a sé un cenacolo culturale che divenne meta dei maggiori artisti dell’epoca. Un giorno, per strada vide una ragazzina che teneva in braccio il fratellino addormentato. La scena lo colpì per la sua dolcezza. Le si avvicinò e scoprì che si chiamavano Angela Cian, detta Angelina, e Giovanni. La ragazzina aveva undici anni ed era la seconda di quindici figli; nella povertà dell’epoca era normale che le più grandi facessero da madri ai più piccoli. Così il giovane pittore catturò quella scena in un quadro che intitolò ‘Maternità’. L’opera venne premiata alla Biennale di Venezia nel 1897 ma il successo popolare suggerì di cambiare il titolo in ‘Madonnina’.



    L’intuito di un fotografo ne fa l’immagine più riprodotta

    La fortuna del dipinto inizia con l’intuito dei famosi fotografi fiorentini Fratelli Alinari che per averlo offrirono trentamila lire, una cifra astronomica per l’epoca, sufficiente a comprare un modesto edificio. Ne avevano infatti intuito il potenziale di guadagno e così fu: l’immagine della giovinetta col fratellino venne diffusa con la scritta “Madonna con Bambino”, divenendo l’effige mariana più diffusa al mondo, a volte addirittura attribuita persino a pittori come Raffaello. L’immagine viene riprodotta in milioni di copie, biglietti, santini e oggetti di devozione e appare in libri e riviste, ottenendo grande visibilità. Il quadro divenne così famoso che fu rivenduto, secondo alcuni, al prezzo record di 80.000 lire, ma i fratelli si riservarono astutamente i diritti di riproduzione. Sugli eventi successivi non v’è certezza. Sarebbero seguiti altri passaggi, finché arriviamo alla Seconda Guerra mondiale quando ad acquistalro è l’ambasciatore americano in Francia, John G.A. Leishman. Ma durante il viaggio verso gli Stati Uniti la nave viene silurata e la Madonnina finisce in fondo al mare. Alcuni sostengono che in realtà sia in una collezione privata, altri che sia tuttora da qualche parte in Europa.

    Angelina lo tenne segreto perché era considerato “da scostumate”

    Nel frattempo Angelina cresce e si trasferisce, sposa un certo Antonio Bovo e lo segue in America intorno al 1906, stabilendosi ad Oakland in California. La coppia ha 10 figli ma nel 1929 Antonio muore a soli 42 anni lasciando Angela in una situazione economica estrema, con dieci figli da sfamare e nel pieno della Grande depressione. Non si sa cosa accadde, anche se è facile immaginare in quelle condizioni un crollo psicologico; le difficoltà la debilitarono gravemente, portandola a finire i suoi giorni in un ospedale psichiatrico, dove morì nel 1972 portando con sè quel segreto nascosto nel cuore. Pur avendo avuto notizia della fortuna del dipinto, Angela non raccontò mai a nessuno di essere la protagonista perché i genitori l’avevano rimproverata per essersi prestata a fare da modella, un’attività ritenuta “sconveniente” per una ragazzina.




    La verità scoperta dalla figlia suora

    Una delle figlie di Angela si chiamava Mary (1920-2014) dal nome della Madonna e divenne suor Angela Maria Bovo (Angela in onore di sua madre). Nel 1984 venne a Venezia alla ricerca dei parenti e trovò ancora in vita due sorelle della mamma: zia Elisa di 88 anni e zia Giulia di 80. Zia Giulia le fece visitare la casa in cui crebbe sua madre e in una stanza c’era un quadro: «Questa Madonna è tua madre» le dice l’anziana zia. «Lo so» rispose, credendo si riferisse alla Madonna come Madre di tutti i credenti. Ma la zia le raccontò la storia del quadro, rivelandole che quel volto che aveva ispirato milioni di preghiere in tutto il mondo era quello della sua mamma.



    Dov'è finito il quadro?

    Il pittore Roberto Ferruzzi è considerato una gloria locale a Luvigliano, dove coltivano la speranza di ritrovare il quadro originale della Madonnina: da loro che è partito l’appello a “Chi l’ha visto?”




    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO