EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...
    • IMMOBILIARE causa trasferimento,vendo...
    • VENDO vendo letto a castello ma...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    CUCINO PER VOI - Dalla Romania con sapore: il ‘sarmale di Maria'

    L’integrazione passa per la tavola e cosa c’è di meglio che imparare a conoscere un paese lontano attraverso i suoi piatti? Così mi ritrovo in cucina con Maria (foto), che la...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualità

    08 Novembre 2023 | in categoria/e attualita

    Depuratore in colmata: nessuno lo vuole ma l'iter va avanti

    Depuratore in colmata: nessuno lo vuole ma l'iter va avanti

    Impatto visivo, cattivi odori, costi altissimi, sprechi energetici, aumento delle bollette, perdita di parcheggi: non c’è un solo elemento a favore e infatti tutte le forze politiche sono contrarie

    Perché non si cambia progetto? Forse per non intaccare gli interessi a Preli?

    Dopo la presentazione del progetto si è mobilitata la cittadinza, unitasi poi nel Comitato NO depuratore in colmata che evidenzia le lacune di un impianto non in linea con le tecnologie più virtuose disponibili e che troverebbe la naturale collocazione nell’attuale sede a Preli

    “Gli odori raggiungeranno sicuramente il porticciolo, la passeggiata a mare e il primo fronte delle case, con la forte probabilità che si estendano in altre parti della città”. E’ questo l’esito delle ultime simulazioni realizzate dai tecnici del Comitato NO al depuratore in colmata che hanno esaminato l’analisi odorigena presentata dalla stessa Iren per il depuratore di Cornigliano di prossima costruzione nell’area industriale. E’ bastato comparare questi risultati con il progetto di Chiavari per dimostrare che c’è un motivo se gli impianti di depurazione si fanno nelle aree industriali e non nelle aree turistiche. La colmata a mare è quindi il luogo sbagliato. Ma questa è solo l’ultima evidenza in ordine di tempo, che si aggiunge alle molte altre raccontate nel docu-film sul tema presentato la scorsa primavera al Teatro Charitas di Chiavari (in foto). Davanti a quelle evidenze, tutte o quasi le forze politiche locali hanno preso posizione contro la realizzazione dell’opera, con una convergenza rara da vedere, specie su temi così importanti. Ma cosa c’è che non va e soprattutto, si può fare marcia indietro? Ci sono alternative? Lo abbiamo chiesto ad Andrea Sanguineti, presidente del Comitato. Resta il diritto di replica a chi non è d’accordo.



    Perchè è nato il Comitato?

    In un articolo della primavera del 2022, il presidente del consiglio comunale di Chiavari, l'avvocato Segalerba, salutava con enfasi la futura costruzione di un depuratore alla colmata per 11 comuni e 140mila abitanti. Mi sono chiesto ‘Ma  davvero si sta per fare un depuratore fronte mare e a poche centinaia di metri dal centro città?’ Eppure, c’è un motivo se quelli più recenti a Sestri Levante e Rapallo sono posizionati all’interno. Allora contattai ingegneri impiantisti per un parere tecnico e confermarono i miei dubbi sulla qualità del progetto. A quel punto era doveroso informare la città e con Maugeri di Legambiente decidemmo di denunciare pubblicamente il progetto: a luglio 2022 organizzammo una conferenza stampa e un incontro pubblico. La risposta dei cittadini fu tale che da lì nacque un comitato a cui hanno aderito ad oggi centinaia di persone con l'unico scopo di fermare questo sciagurato progetto.

    Quali sono i punti critici che evidenziate?

    Il progetto di Iren fa acqua da tutte le parti, non è consono rispetto alle esigenze anti spreco e nemmeno rispetto alle tecnologie offerte dal mercato. L’impianto avrà altissimi costi energetici e di manutenzione e nessuna energia da fonti rinnovabili. Non solo, Chiavari pagherà un prezzo altissimo anche dal punto di vista visivo: per consentire la realizzazione dell’impianto sotto il livello del mare verrà costruita una scogliera lunga 470 metri e larga 50metri con un muro di protezione che sovrasterà la scogliera di due metri (V. foto).



    Quest’opera di difesa prevede l’approvvigionamento di 80 mila metri cubi di massi per 8000 viaggi di camion. Opera che costerà ai cittadini trenta milioni di euro. Altri trenta milioni verranno spesi per scavi, conferimento materiali, bonifica e opere civili.

    Ci chiediamo quale sia la logica almeno dal punto di vista economico di spendere 60 milioni per le sole opere che non riguardano la realizzazione dell’impianto tecnologico. Il camino di emissione del gas odorigeno ha un’altezza di soli sette metri e verrà posto nel pieno centro del porto turistico a 20 metri dalle prime file di barche ormeggiate. Caso credo unico in Italia. Il porto turistico e la passeggiata a mare verranno investiti da 39 milioni unità odorigene ogni ora, l’aria aspirata all’interno del depuratore, ricca di miasmi odorigeni, verrà espulsa attraverso un camino di soli 7 metri d’altezza posto all’interno del porto turistico di Chiavari a 20 metri dalla prima fila di barche ormeggiate e a lato del costruendo nuovo mercato del pesce, ciò comporterà, a fronte di studi svolti dal Comitato, che il porto turistico, la passeggiata e il fronte di case lato mare saranno investiti da pesanti miasmi odorigeni che comprometteranno la vocazione turistica della città. Caso unico in Italia di camino di emissioni odorigene posto in un’area a vocazione turistica.



    Il volume di fanghi prodotti dall’impianto sarà di centinaia di metri cubi al giorno, il che significa una presenza quasi giornaliera di camion nella zona del porto turistico, lungomare e nel centro città. Nonché altissimi costi di smaltimento (si parla di centinaia di euro a viaggio in altre regioni per camion).



    L’impianto comporterà un ingentissimo spreco di acqua trattata. Nel 2023 anziché prevedere, come logica vorrebbe, il suo riutilizzo per industria e agricoltura, Iren ne prevede solo un parziale riutilizzo per lavaggio barche e strade.

    Ci pare uno spreco vergognoso. Questi i punti critici più evidenti analizzando i documenti di Iren, tralasciando ciò che il progetto non dice rispetto ai reali costi stimati con le conseguenti ripercussioni sulla bolletta dei chiavaresi, al problema dei collettamenti con le fogne dei comuni dell’entroterra per quanto riguarda i costi e la logistica: dove passeranno a Chiavari? Questi sono alcuni dei punti critici analizzati e denunciati dai tecnici aderenti il comitato e colgo l’occasione per ringraziare tutti i tecnici che ci stanno supportando.

    Come rispondono la popolazione e la società civile?

    Abbiamo raccolto oltre duemila firme. Abbiamo coinvolto tutti i partiti e le associazioni di categoria. Stiamo presentando le nostre istanze alla commissione europea e abbiamo consegnato il materiale al difensore civico regionale. Anche la trasmissione televisiva Report si  è dimostrata interessata al tema. Prevediamo anche di promuovere una grande manifestazione a Chiavari.


    Si può fare un passo indietro? E c’è un’alternativa?

    Sì, si può fare un passo indietro perché a oggi non e stato predisposto nemmeno il progetto esecutivo e anche eventuali costi per il progetto di massima sono poca cosa a fronte del disastro che aspetta la città. Sì, c’è un’alternativa e cioè il potenziamento del depuratore di Preli e la realizzazione di qualche piccolo depuratore di valle. È solo questione di volontà politica. Ci si chiede se il problema non sia che su Preli, da anni al centro di diversi progetti di cementificazione da parte di privati e per i quali un depuratore in quella zona sarebbe proprio un fastidio. E allora meglio dare fastidio a tutto il resto della citta?

     


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      FISCO E LAVORO - LA DISCIPLINA DEL CONTRATTO A TERMINE DOPO LE ULTIME NOVITA'

      Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.114 del 19 maggio 2014 della Legge 16 maggio 2014, n.78, sono in vigore importanti novità riguardanti il contratto a termine. Per i contratti stipulati a decorrere dal 21 marzo 2014 non è più necessario specificare la causale (produttiva, organizzativa o tecnica) di assunzione: l’unica condizione di legittimità ap...

      Incubi: cosa riflettono della nostra vita reale?

      Sono sogni spiacevoli che ci lasciano un senso di paura, tristezza, ansia. A differenza dei “brutti sogni” scatenano anche delle reazioni...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...