EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea

    di Antonino Di Bella | 06 Dicembre 2018 | in categoria/e edizione cartacea

    Quando c'era Gesù bambino: l'albero vero, il muschio del bosco, ”i raieu, a simma e u panduse“

    Quando c'era Gesù bambino: l'albero vero, il muschio del bosco, ”i raieu, a simma e u panduse“

    Finalmente è arrivato dicembre. Questa affermazione può sembrare banale ma è forse il momento dell’anno più atteso almeno dai più piccini e da chi è rimasto un bambino dentro! Parto allora proprio da questo, dai ricordi del Natale di tanti anni fa. A quel tempo era in voga la letterina da scrivere ai genitori nella quale si prometteva di essere più buoni e di voler bene sia a papà che a mamma. In cambio si chiedeva di intercedere con Gesù Bambino per la richiesta di giochi allegata alla lettera in questione. Le festività natalizie erano viste come un approdo dopo i “lunghi“ giorni di scuola dopotutto le lezioni erano iniziate ben... dal primo di ottobre! Era quella la terribile data, subito addolcita dal 4 di ottobre che essendo la festa di S. Francesco patrono d’Italia ci dava il primo giorno di festa. Poi come il gioco a pampano, dopo qualche settimana saltavamo agli inizi di novembre dove calavamo il poker, il primo festa dei Santi, il 2 quello dei morti, il 4 Festa della Vittoria in mezzo il 3, ecco un bel ponte. Si arrancava poi fino all’otto dicembre e da lì in poi era una corsa in discesa. Arrivavamo quindi al dicembre luminoso dopo un mese che per vari motivi era scuro. L’autunno e la memoria dei Santi, senza feste di Halloween ma accendendo i “moccolotti“ di cera, poi il pensiero ai defunti e le giornate sempre più corte. Inoltre non avevamo il Black Friday, insomma la nostra mente era concentrata sui regali che Gesù Bambino ci avrebbe portato. Ed invece fece capolino Babbo Natale che soppiantò il Bambino nella culla, la tv ci diceva che in Unione Sovietica veniva chiamato Nonno Gelo. Ma non interessava molto, a chi era nell’Occidente bastava l’Uomo vestito di rosso con barba che guidava la slitta trainata dalle otto renne.

    I regali
    Le richieste erano le più disparate, ma anche qui col tempo sono cambiate i desideri dei bambini. La televisione ci consigliava biciclette superaccessoriate, il Minicinex per proiettare film o bambole che parlavano e mangiavano a comando! Ma il nostro suggeritore migliore era un giornalino, un fumetto si dice ora, il famoso Topolino.
    A proposito, lo sapete che il simpatico personaggio di Disney a novembre ha compiuto 90 anni? Sulle pagine colorate strabuzzavamo gli occhi nel vedere le novità del Natale in corso: giochi da tavolo o palloni di cuoio e poi anche la riproduzione di armi. Ecco una cosa che non mi manca, ricordare che tra i giochi consigliati spiccavano le riproduzioni di pistole e fucili. Senza voler giustificare ma ai quei tempi era una cosa normale quasi come avere il cappello e la stella di sceriffo a Carnevale!

    Il presepe
    La magia del nostro vecchio Natale era data anche dalla costruzione del Presepe o presepio che dir si voglia. Qualche giorno prima dell’allestimento si partiva in missione nei boschi per cercare il muschio da mettere alla base e poi avanti con le casette e i personaggi.  I miei erano di varie misure tanto che poteva capitare che il pastore fosse più piccolo delle sue pecorelle o che una casetta risultasse più bassa degli animali domestici dell’aia. Ma la bellezza era proprio quella di non avere schemi rigidi né di dimenticare alcuno anche se alla fine i Re Magi erano sei e anche doppi. Ora il muschio lo troviamo artificiale perché è vietato raccoglierlo nei boschi, rischiamo multe salate.

    L’albero
    E dell’albero non ne parliamo? Luci e palline di vetro che qualcuno a volte rompeva e poi tante strisce d’argento e d’oro. Anch’esso oggi è preferibile averlo di plastica, ricordo quando andavo negli anni 70 in centro a Chiavari per comprare quelli veri che però venivano inseriti nei vasi ed essendo senza radici trovavano alla fine delle feste il loro destino accanto ai bidoni della spazzatura. Davvero è meglio ora quando li smontiamo e ritornano nella loro scatola di cartone?

    Il pranzo
    Di certo la magia del Natale di quegli anni si sentiva di più, intorno alla tavola si giocava a tombola dopo un pranzo che iniziava con gli antipasti di salumi e sottaceti, proseguiva con ”i raieu“ fatti a mano e si passava alla cima “a simma“ e alla gallina ripiena, fino al fritto misto alla Genovese. Una cascata di mandarini ci conduceva a degustare l’uva dolce dopo il panettone o pandoro ma soprattutto si finiva con “u panduse“. E se qualche regalo non era arrivato si poteva consolare con la vecchina che giungeva a cavallo della scopa nella notte tra il 5 e 6 gennaio, c’era sempre un poco di carbone ma i dolci erano sempre assicurati! Ora basta un clic e abbiamo già tutto e sempre, ma allora dove sta l’incanto dell’attesa e il fascino della sorpresa?
    Comunque sia, buon Natale a tutti!




     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...