EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea, itinerari, storia locale, tempo libero, uscire

    di Giulia D'Arrigo | 09 Novembre 2018 | in categoria/e edizione cartacea itinerari storia locale tempo libero uscire

    LUOGHI ABBANDONATI: Ex Colonia Devoto di Mezzanego, da paradiso per bambini a scenario horror

    LUOGHI ABBANDONATI: Ex Colonia Devoto di Mezzanego, da paradiso per bambini a scenario horror

    Il nostro territorio è pieno di luoghi misteriosi o abbandonati. L’atmosfera novembrina è l’ideale per iniziare il nostro viaggio alla loro scoperta partendo dalla "Colonia Antonio Devoto" di Mezzanego.

    Alzi la mano chi non ha visto “The Shining”, la terrificante pellicola del 1980, tratta dall’omonimo romanzo di Stephen King. Se come me siete rimasti stregati dall’atmosfera horror dell’Overlook hotel, allora la colonia Antonio Devoto a Mezzanego fa per voi. Partendo da Carasco e percorrendo il tortuoso e panoramico Passo del Bocco, una volta arrivati in cima basterà proseguire per pochi metri in direzione Varese Ligure per trovare la strada sterrata che conduce alla colonia. Da qui inizia la vera avventura, vi racconto la mia.

    Atmosfere horror
    Dopo mezz’oretta di cammino mi lascio alle spalle le ultime case e ciò che rimane del ristorante “La Faggeta”, anch’esso abbandonato, con una grande specchiera che riflette il panorama attraverso un velo spesso di polvere. Di fronte si apre un’enorme e spettacolare faggeta, resa ancora più bella dai colori autunnali. Tra le due sponde di alberi un grande cancello pericolante e arrugginito ci prepara all’atmosfera spettrale in cui ci stiamo addentrando.


    A margine del sentiero una vecchia baracca in legno piegata su se stessa.



    Ancora pochi passi ed ecco la colonia emergere immensa: l’incuria e l’abbandono di anni non bastano ad oscurare la sua maestosità. L’enorme edifico, allora all’avanguardia, che si staglia contro il cielo, conta 365 finestre, una per ogni giorno dell’anno.

    La porta d’ingresso, un tempo murata, è stata riaperta e, nonostante un cartello di divieto, le vie d’accesso non presentano alcuna difficoltà. L’edificio è pericolante e sono presenti numerosi calcinacci, vetri rotti e assi chiodate con cui è facile ferirsi, per cui è vivamente sconsigliato entrare. Tra i lunghi corridoi che uniscono stanze ormai deserte, con le pareti piene di scritte e reti per i letti abbandonate, è facile immaginare il piccolo Danny che, in Shining appunto, percorre quelle distanze con il suo triciclo.


    Accanto alle rampe di scale consunte si può vedere lo spazio per gli ascensori e, pur essendo entrambi murati, in quell’atmosfera viene da pensare che stiano per mettersi in azione da soli...




    Quando era un’isola felice

    Sulla via del ritorno decido di non accontentarmi dei brividi già provati. Voglio scoprire qualcosa in più. Così mi fermo per un the nero, bollente e speziato, al bar Da Anna Maria, sul passo del Bocco, e scambio due chiacchiere con i titolari. Scopro così la figura di Antonio Devoto (clicca e leggi l'articolo sul cognome Devoto e su di lui), lavagnese di nascita ed emigrato in Argentina a poco più di vent’anni, divenuto successivamente presidente dell’ospedale italiano a Buenos Aires, inaugurato nel 1872. La titolare del bar lo descrive come un benefattore e racconta “Ha costruito il rifugio, la scuola di Montemoggio e la scuola media di Borzonasca, sempre nell’ottica di aiutare bambini orfani e poveri.” La stessa colonia Devoto, nata nel 1933, è nata con lo scopo di ospitare bambini svantaggiati, ed è stata per un lungo periodo un paradiso felice. La barista mi mostra in cartolina un luogo irriconoscibile rispetto ad ora. Poi l’abbandono. Negli anni 80 un ultimo tentativo di recupero, ben presto fallito, trasformando la colonia in una comunità per tossicodipendenti. E da allora ad oggi, il nulla. “Si è parlato di trasformarla in una RSA, poi in un residence – si racconta al bar – Ma alla fine non se n’è fatto niente”. Si percepisce che per queste persone, come per molte altre  della zona, quella del gigante abbandonato in mezzo ai boschi è una storia triste, priva di un finale degno.


    La Colonia Oggi
    Gli ultimi aggiornamenti risalgono alla fine del 2016, quando la Città Metropolitana ha incassato per la sua vendita un milione e ottocentomila euro, che attendeva dal 2004. Un progetto del 2017 prevedeva un investimento intorno ai 14 milioni di Euro, ma nonostante le numerose idee presentate, tra cui per l’appunto la residenza per anziani e l’hotel, al momento non è accaduto nulla. Naturalmente con il passare del tempo il decadimento dell’edificio, che negli anni di abbandono è stato vittima di devastazioni e saccheggi, renderanno ancora più difficili ed onerose le possibilità di recupero.


    Tratto da CORFOLE! del 11/2018, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...