EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cultura, edizione cartacea, sport, tempo libero

    di Simone Parma | 08 Novembre 2018 | in categoria/e cultura edizione cartacea sport tempo libero

    A Monleone i ragazzini riscoprono gli scacchi

    A Monleone i ragazzini riscoprono gli scacchi

    Si impara a conoscere se stessi, a rispettare l’avversario e la cultura della sconfitta.

    All’Oratorio di Monleone si vedono ragazzini allenarsi in quello che il CONI ha definito “sport della mente”: gli scacchi. Una volta a settimana infatti Alberto Mortola, insegnante di scuola primaria e secondaria, insegna ai ragazzi fino ai diciotto anni a confrontarsi con questo gioco e con le sue regole: «E devo dire che la risposta è ottima».

    Gli scacchi ti insegnano chi sei
    «Autocontrollo, rispetto dell’avversario e cultura della sconfitta»: sono questi, secondo Alberto i punti fondamentali di un buon giocatore. Ma sono davvero tanti i lati positivi degli scacchi: «Permettono di socializzare – ci spiega Alberto – e insegna che vincere o perdere dipende sempre da sé stessi e dalle mosse che si scelgono di fare, per cui non esiste fortuna o sfortuna ed è qui che i ragazzi possono iniziare a confrontarsi con la cultura della sconfitta. Non c’è mai un nemico con cui prendersela e non ci si può nascondere dietro scuse e complotti». Un altro aspetto che il maestro sottolinea è quello dell'autocontrollo: «Ciò che è più difficile da imparare è non lasciarsi influenzare dalle strategie psicologiche degli avversari più bravi. Una semplice stretta di mano o la postura dell’altro giocatore possono frenare la nostra partita e per i ragazzi è un ottimo modo per imparare a gestire le situazioni di stress nei rapporti interpersonali».

    Scacco matto al professore!
    Alberto, oltre ad essere un insegnante, coltiva da tempo questa passione: «Dopo aver lasciato il calcio impiego il mio tempo libero con gli scacchi. Lo scorso anno sono riuscito a conquistare il titolo regionale, ma ho anche viaggiato per giocare come nel caso di un torneo in Polonia qualche anno fa. Ho iniziato insegnando a mio fratello, poi l’ho proposto nelle mie classi e i ragazzi si sono sempre divertiti». Tuttavia anche i professori ogni tanto possono inciampare: «Il gioco degli scacchi è logica e concentrazione, quindi se una di queste componenti manca tutto diventa più difficile. Qualche hanno fa proposi a undici dei miei ragazzi di essere sfidati contemporaneamente da me. Risultato: uno di loro mi fece scacco matto con i due alfieri. Sicuramente una di quelle sconfitte che non dimenticherò mai!».

    INFO: 392.8193441

    Tratto da CORFOLE! del 11/2018, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...