EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, ecologia, edizione cartacea, sport, tempo libero

    di Simone Parma | 02 Ottobre 2018 | in categoria/e attualita ecologia edizione cartacea sport tempo libero

    Lotta ai ladri di biciclette. La nuova arma? La comunità on line

    Lotta ai ladri di biciclette. La nuova arma? La comunità on line

    Tante ritrovate grazie alle segnalazioni e condivisioni su siti e social

    Trecentocinquantamila: a tanto ammonterebbero le bici trafugate ogni anni dall’Italia, per un valore di diversi milioni di euro. Un vero e proprio mercato sommerso, che spesso porta i mezzi a due ruote più pregiati fuori dall’Italia per essere rivenduti con più facilità. Tra queste ci sono sicuramente quelle che ogni giorno vengono sottratte nel nostro Levante, per niente immune a questa piaga. Per rendersene conto è sufficiente scorrere i social per leggere i tantissimi appelli di persone che non trovano più la propria amata due ruote.

    CHI DENUNCIA IL FURTO...



    E CHI SEGNALA BICI SOSPETTE...



    Tra i ladri “nostrani” anche un ultraottantenne
    Tra i ladri pizzicati ce ne sono di tutte le età, nazionalità e categorie sociali. Gli ultimi in ordine di tempo due giovani ventenni di Sestri Levante e l’incredibile caso di un ultraottantenne di Chiavari, che anche se affetto da demenza era diventato un ladro seriale di biciclette. Nel frattempo pochi giorni fa a Sarzana è stato scoperto un capannone pieno di biciclette (più di 40) tutte rubate. Un bollettino di guerra che resta costante negli anni e che evidenzia come i ladri di biciclette siano sempre in azione.

    Come difendersi?
    Lo abbiamo chiesto a Gianluca Gotelli, meccanico e rivenditore di bici a Chiavari (Tecnociclo, Via Entella): «I furti sono in aumento e spesso si tratta di furti organizzati perchè spariscono decine di biciclette tutte insieme. In aumento anche quelli dei ricambi come freni, manubrio, sellino. Per questo consiglio sempre di legare non solo la ruota, ma anche il telaio e di aggiungere lucchetti più piccoli alle parti mobili. Da poco sono arrivati sul mercato anche piccoli segnalatori di posizione da nascondere dentro la bici, che hanno la doppia funzione di poterla individuare e poterne dimostrare la proprietà. Sono convinto che il modo migliore per evitare i furti sarebbe far gruppo. Se i proprietari riuscissero a mettersi d’accordo e affittare un box o una cantina dove lasciare le loro bici molti dei ladri sarebbero scoraggiati».

    Un’opinione importante arriva anche dall’associazione FIAB Vivinbici, che si occupa di promuovere la mobilità sostenibile nel Levante: «Negli anni sono stati proposti diversi sistemi per ovviare ai furti - ci spiega il presidente della sezione Tigullio, Marco Veirana - ma non tutti farebbero il bene degli amanti delle due ruote. Ad esempio l’inserimento delle targhe, ma comporterebbe anche un aumento dei costi che alla fine disincentiverebbe l’utilizzo della bici stessa. Una soluzione che proponiamo da tempo è quella della creazione di parcheggi custoditi dove poter depositare le bici. I locali dismessi delle ferrovie o dei comuni stessi sarebbero perfetti allo scopo, ma ancora non si è mosso nulla. Nel frattempo abbiamo in mente di mettere a disposizione la nostra ciclofficina di Sestri Levante per scattare una “foto ricordo” della bici insieme al proprietario per poter dimostrare la proprietà in caso di furto o smarrimento».


    Come proteggere la propria bici

    1. Chiedete al negoziante di rilasciarvi una dichiarazione di vendita che ne riporti le caratteristiche (n° di telaio, marca, modello, etc.)

    2.  Se acquistate da privati utilizzate il modulo di cessione disponibile su www.rubbici.it

    3.  Personalizzatela il più possibile per renderla unica e riconoscibile

    4.  Nascondete nei tubolari una prova di proprietà che possa aiutarvi a rivendicarla in caso di ritrovamento

    5.   Fate foto intere e dei dettagli

    6.   Legatela con cura

    7.   Se è di valore è opportuno utilizzare sistemi di fissaggio e protezione anche all’interno di cantine e garage.


    Cosa fare dopo il furto?

    1. Denunciare alle Forze dell’Ordine. È notizia di qualche giorno fa la riconsegna di due biciclette ai legittimi proprietari, ritrovate dai Carabinieri nelle vie di Chiavari. Una dimostrazione di come la denuncia sia fondamentale per il ritrovamento e per fornire indizi utili ad incastrare i ladri.

    2. Coinvolgere la comunità, anche e soprattutto online. Mille occhi sono meglio di due e infatti la comunità online è la vera arma segreta. Come successo a Samanta Canevari di Cicagna, che dopo aver postato una foto della bici rubata al figlio è riuscita a ritrovarla grazie alla segnalazione di un utente che aveva notato un mezzo abbandonato a Monleone. Stessa cosa per il lavagnese Flavio Scarpenti, che ha ricevuto una vera e propria ondata di solidarietà online per il furto della bici del figlio tragicamente scomparso qualche mese fa in un incidente stradale. Chissà che a far demordere i ladri non sia stato proprio il sostegno online alla famiglia.

    3. Rubbici: un servizio online sul quale inserire di dettagli della proprio bici rubata. La comunità verifica se è in vendita su qualche sito: «Spesso chi acquista una bici rubata per pochi soldi, dopo qualche giorno la mette in vendita utilizzando la rete, sperando in un affare». Rubbici indica i siti italiani sui quali controllare, mentre per le bici di valore conviene concentrare la ricerca in alcuni siti web dell’est Europa.




     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...