EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, edizione cartacea, storia locale

    di Simone Parma | 09 Giugno 2018 | in categoria/e attualita edizione cartacea storia locale

    #VADOACENTOALL'ORA: Teresa: “Il segreto per arrivare a cent'anni? Avere buona volontà!”

    Teresa con la nipote Patrizia
    #VADOACENTOALL'ORA: Teresa: “Il segreto per arrivare a cent'anni? Avere buona volontà!”

    Nel suo negozio il primo telefono del paese, quando ancora c’erano i “frascà”

    Quando si percorre la provinciale che da Genova porta a Ferriere di Bargali non si può fare a meno di notare i tanti bivi che deviano verso l’interno. Ognuno di essi conduce ad un paese e tra questi Traso è storicamente uno dei più popolosi e ricchi di storia. Tra le sue trecento anime, arroccate tra la valle e i monti, c’è anche Maria Teresa Carbone, da poco entrata nell’esclusivo club dei centenari. L’abbiamo intervistata per capire com’è “andare a cento all’ora”!

    Tra bambole e piatti da lavare
    Nata il 12 Maggio 1918 a Traso, Maria Teresa Carbone è l’ultima di otto fratelli. Una famiglia numerosa, che per quell’epoca era la normalità. Normale era anche morire per una banale polmonite e così Teresa e i suo fratelli si ritrovarono soli senza il papà. Darsi da fare fu obbligatorio e i ruoli in famiglia cambiarono in fretta: «Mio fratello maggiore diventò come un padre per me. Aiutavo mamma come potevo anche se avevo solo quattro anni: lavavo i piatti, ma siccome ancora non ero abbastanza alta dovevo usare uno sgabello di legno che però si ribaltava sempre…quante cadute!».
    Anche se i tempi erano duri quella di Teresa fu un’infanzia felice: «Avevo tante di quelle bambole! Tutti me ne regalavano una perché ero la più piccola, ma mi piaceva anche uscire e girare per le vie di Traso con gli altri ragazzi della mia età. Ne combinavamo di quelle…! Come quella volta, quando già eravamo più grandi, che le mie amiche dissero alle loro famiglie che eravamo rientrate tardi da una festa perché io avevo preso una storta. Peccato che si dimenticarono di dirlo a me! Ma le voci correvano in fretta, così il giorno dopo uscii in strada facendo finta di zoppicare ed evitai alle mie amiche una sonora ramanzina!».

    Il pellegrinaggio scalza per il marito in guerra
    Gli anni passano e Teresa conosce Mario, in occasione della festività della Madonna del Carmine. Galeotto fu il “frascà”, una sorta di bar che gli abitanti di Traso avevano l’abitudine di allestire nelle occasioni speciali e dove si vendevano bibite fresche e vino. Insomma, ragazzi spensierati come tanti, ma la guerra si intromise tra loro. Prima la chiamata in Albania, poi il campo di concentramento e quell’insperato ritorno a casa. Talmente inaspettato e desiderato che Teresa decise di celebrarlo a modo suo: «Fu così straziante aspettarlo che appena tornò decisi di fare un pellegrinaggio scalza, da casa fino al Santuario della Madonna della Guardia. Ricordo ancora quanti ricci e quante spine presi, ma non fu faticoso perché Mario era riuscito a tornare e questo era l’importante».

    Una rara foto dei “frascà” 


    Suo il primo telefono di Traso
    Nel 1947 i due si sposano e Teresa apre il suo negozio di frutta e verdura nella via principale del paese: «A quell’epoca a Traso c’erano più di mille persone! Si trovavano la posta, la farmacia, i calzolai, le latterie e anche il mio ortofrutta: ogni giorno lucidavo la merce e la mettevo in vetrina. Sembrava proprio di essere in una piccola città, c’era persino la Guardia di Finanza che controllava! Quando arrivò il telefono io fui la prima ad averne uno e tutte le chiamate per gli abitanti del paese arrivavano a me. Mio figlio correva per avvisarli e farli venire in negozio per prendere la chiamata o richiamare. Eh sì, erano proprio altri tempi!».
    Il lavoro poi porta Teresa a Genova dove diventa riparatrice di tappeti persiani nel negozio della sorella in Piazza Colombo. Resta nel capoluogo fino al 1980: «Tornavamo spesso al paese  con i pullman, perché i mezzi a disposizione erano davvero pochi», ma il richiamo della tranquillità è troppo forte e così Teresa e Mario tornano a Traso, dove oggi festeggia felice i suoi 100 anni. Il segreto? «La mia vita è stata un romanzo! Ripensare a tutte le cose che sono successe è un’impresa! Eppure per arrivare a cento anni non ci sono molti segreti, è sufficiente la buona volontà». E, aggiungiamo noi, una buona dose di quello spirito battagliero e solare che Teresa incarna alla perfezione.



    Tratto da CORFOLE! del 6/2018, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...