EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualita, lettere

    01 Marzo 2018 | in categoria/e attualita lettere

    LE VOSTRE LETTERE - Sui monaci di Tribogna, sui roghi di plastica e un appello: qualcuno costruisce ancora strafie?

    LE VOSTRE LETTERE - Sui monaci di Tribogna, sui roghi di plastica e un appello: qualcuno costruisce ancora strafie?immagine di repertorio

    SUI MONACI DI TRIBOGNA E LA MIA VERGOGNA
    Cari amici di Corfole, sono una vostra fervida lettrice e appena ho letto sulla copertina del numero scorso “monaci di Tribogna” sono andata subito all’articolo... ho riconosciuto quel ragazzo, il monaco, e mi sono vergognata come un cane. Perché io che mi vanto di essere andata ai cortei, di aver fatto volontariato,  di combattere contro ogni forma di ingiustizia, di non avere pregiudizi,  di leggere tanto, anche di altre religioni, ecco, io sono una di quelli che ha scacciato quel monaco. Posso dire che è stato sfortunato perché è arrivato in un pomeriggio tardi che era buio, pioveva, ero in casa da sola... Ma mi spiace di essere diventata diffidente. Io che vengo dal Sud, dove teniamo le porte aperte a tutti, che ho ospitato persone che neanche conoscevo, evidentemente ora mi lascio influenzare dai giornali, dalla tv e da mio marito che, da ligure, è molto diffidente. Quando l’ho chiamato per spiegargli di quel monaco che era venuto alla porta mi ha infatti detto di chiamare subito i Carabinieri, che già altri lo avevano fatto... Eppure io stessa sono stata vittima di “razzismo” quando mi sono trasferita qui. Quindi chiedo umilmente scusa a Matteo e al suo monastero, anzi li ammiro per quello che fanno e andrò presto a trovarli.
    Rosanna, Uscio

    - Risponde il direttore
    Cara Rosanna, ti ringrazio di cuore per la tua lettera che ci ha davvero stupiti e confortati. Le tue parole sono una boccata d’aria fresca di in una cultura che guarda alla chiusura come a un valore da difendere. L’averci inviato il tuo “mea culpa” ed esporre pubblicamente la vergogna che hai provato è un’enorme prova di coraggio e di umiltà. E’ qualcosa di raro e di prezioso che questo mese rende più ricche le nostre pagine. Grazie. E per noi sapere che in qualche modo contribuiamo alla presa di coscienza, a trovare degli spunti di riflessione per guardarsi dentro e magari cambiare anche solo di un piccolo pezzettino le cose è una gioia immensa. Grazie di tutto. 

    CERCASI STRAFIE E COSTRUTTORI DI STRAFIE
    Buongiorno, ho letto un vostro articolo sulle strafie, visto che avete chiesto ai lettori di segnalarne altre funzionanti, vi chiedo: vi ha mai risposto qualcuno? Ne vorrei costruire una a Recco e mi servirebbe sia vederla funzionare che incontrare qualcuno che la sappia ancora costruire. Complimenti per il fatto che seguite questi argomenti
    Sabina Calogero

    - Risponde il direttore, Michela De Rosa
    Gentile Sabina, in effetti stranamente non sono giunte segnalazioni di strafie in uso e anzi approfittiamo della tua lettera per risollecitare i lettori a segnalarci quelle in uso e anche persone in grado di costruirle. Intanto legga a pagina 16, dove si parla di un ponte fatto esplodere per bloccare la marcia ai nazisti e di una strafia improvvisata
    ROGHI DI PLASTICA E DIOSSINA

    Gent.ssima direttore, le scrivo per denunciare una cattiva abitudine che si perpetua ormai da anni nella zona di Calvari (San Colombano Certenoli) e cioè fare roghi con la plastica. Alcuni addirittura la usano per accendere la stufa! Non sanno che si trasformano in diossina che si deposita su campi coltivati, case, giardini. Naturalmente sono coinvolti anche i nostri polmoni e i nostri amici animali. Non ne posso più di questo scempio che nonostante lo abbia fatto presente a qualcuno, la risposta è stata: “eeh...mancu ti -ti a salvi l'Italia!” Preso dallo sconforto ho deciso di scriverle. Grazie della disponibilità.

    - Risponde il direttore

    Gentile lettore,  grazie a lei per aver pubblicamente esposto la questione: quello che fanno i suoi concittadini è qualcosa di molto grave ed è un crimine punito dalla legge. Ahinoi molto spesso sono gli anziani a comportarsi così, trincerandosi dietro un “abbiamo sempre fatto così e lo fanno tutti”. Anche l’Eternit è stato usato da tutti e per tutto, ma chieda ai suoi vicini se ora si farebbero costruire il nuovo tetto o i tubi dell’acqua così. Sarebbe educativo portarli in quei luoghi dove davvero il crimine di bruciare materie plastiche e altro è diffuso e fargli vedere e respirare cosa succederebbe se anche qui facessero davvero tutti così. Per venire a quello che può fare lei ma anche tutti coloro che vedono il perpetrarsi di questo reato, abbiamo girato la questione all’avv. Trossarello che dà il risvolto legale a pag. 10. Grazie ancora.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...