EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo cameretta a ponte u...
    • VENDO vendo orologio longines u...
    • VARIE acquisto oggetti in argen...
    • VENDO vendo pelliccia visone fe...
    • VENDO vendo ciclomotore garelli...
    • CERCO LAVORO pensionato cerca lavoro a...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    agenda, cucina, edizione cartacea, itinerari, locali, ricette, tempo libero, uscire

    di Giansandro Rosasco | 09 Marzo 2017 | in categoria/e agenda cucina edizione cartacea itinerari locali ricette tempo libero uscire

    CUCINO PER VOI - A 14 anni è un provetto chef! Così gli abbiamo organizzato una serata davvero speciale (e una ricetta per voi)

    CUCINO PER VOI - A 14 anni è un provetto chef! Così gli abbiamo organizzato una serata davvero speciale (e una ricetta per voi)

    Questo mese riprendiamo “Cucino per voi”, la nostra rubrica culinaria, prendendo spunto da Vladimir Pecchia, un ragazzo di soli 14 anni che, come i suoi coetanei, passa le giornate a condividere post su facebook. Solo che non si tratta dei soliti selfie con le facce strane o con la maglietta nuova di turno, bensì con le sue prodezze gastronomiche. Sì perché, grazie ai programmi TV tra gli idoli dei giovanissimi non ci sono solo cantanti e calciatori, ma anche gli chef. E il mito del nostro apprendista cuoco è Antonino Cannavacciuolo, “perché è simpatico e fa piatti tradizionali”. Intanto noi però lo abbiamo soprannominato “Pek” (da Pecchia), che richiama il noto megastore di gastronomia di Milano, dove il ristorante è gestito da un altro Masterchef, Carlo Cracco.

    I SUOI PIATTI ACCOMPAGNATI DA POST ESILARANTI HANNO CONQUISTATO TUTTI
    Ma torniamo agli esperimenti di Vladimir. L’effetto di alcuni piatti, dovuti alla sua giovane età, ha scatenato la nostra simpatia e ancor più lo scambio di battute con chi lascia i commenti:
    -“Lo credo che sei magro se mangi così”
    - “Questo è per l’impiattamento ma poi a tavola ne metto tanto, se no moriamo di fame!”
    Esilarante la presentazione delle polpettine di baccalà con salsa di aneto.. “ma siccome non avevo l’aneto, ho sostituito con salsa greca”.
    Anche qui inevitabile lo scambio di battute:
    - “Ma hai fatto tu la salsa greca?”
    - “No ho messo scalogno dentro la salsa comprata”
    - “E mou belin alua Vladi!”.

    Ma il top resta il dolce del giorno: una banana tagliata in tre pezzi. Scherzi a parte, tanti dimostravano interesse, facevano i complimenti e la richiesta di diversi inviti a cena arrivava da più parti. Osservando meglio gli interlocutori abbiano notato tra questi Giovanni, chef dell’Osteria della Fonte Buona di Favale di Malvaro e ridendo e scherzando gli abbiamo proposto di organizzare una preparazione “a quattro mani” per insegnare al piccolo apprendista qualche trucco e contemporaneamente illustrare una ricetta semplice ma gustosa ai nostri lettori. Detto fatto.

    LA RICETTA
    Riso al pesto con animelle, baccalà o bottarga e cipolle al vino rosso
    (con i trucchi dello chef!)


    Scaldate poco olio in una padella, fate tostare il riso (così mantiene gusto e proprietà) facendo attenzione a non bruciarlo. Tenete a bollore il brodo vegetale oppure della semplice acqua non salata (in caso di un riso elaborato come questo va benissimo in quanto sarà già insaporito con il pesto). Aggiungete al riso due mestoli di acqua e date una sommaria mescolata. Ripetete ogni volta che l’acqua evapora e il riso si addensa. Quando il risotto ha preso la giusta consistenza? Quando è “all’onda”: oscillando la padella il riso deve creare questo particolare effetto. 

    (lezione 1:come si fa il risotto)

    Quando è cotto aggiungete il pesto, qualche noce di burro (una ogni 100 gr di riso), del formaggio e fate mantecare. Quindi guarnite a scelta. Per noi Giovanni ha optato per tre versioni:
    1) bottarga e cipolle al vino rosso (soffritte in poco d’olio e appassite a fuoco alto con vino rosso)

    (lezione 2:come si impugna coltello per affettare)





    2) con quenelle di baccalà

    (lezione 3:come si fanno le quenelle)


    3) con animelle di vitello (bollitele, togliete la pellicina e passate in padella con una spruzzata di vino rosso allugando con brodo vegetale finchè il sughetto non è ridotto).

    (lezione 4:come si esegue l'impiattamento)


    Noi vi consigliamo di andare a gustarlo da Giovanni presso la sua Osteria della Fonte Buona (Favale di Malvaro) dove troverete tante specialità tra cui i pansoti in salsa di nocciole di S. Stefano d’Aveto i Raviolini di trippa in brodo, il Cosciotto di galletto, Il Bue brasato 5 ore al Barbera, la torta Tenerina al Cioccolato con crema di panna e sciroppo di arance selvatiche, senza dimenticare i suoi cioccolatini col Barolo chinato: vi conquisteranno così come hanno conquistato il nostro “Pek” che ha sì tutti i libri del grande chef di Masterchef, ma la pratica che ha fatto qui in poche ore è stata di gran lunga più istruttiva.

    E per concludere la serata, un apartita a carte, come in una vera osteria....




     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      BUONMESE di Giansandro Rosasco - Terremotati (si nasce)

      Sto giro voglio parlare dei terremotati, non delle povere anime del centro Italia ma dei personaggetti che non perdono occasione per dimostrarsi tali. Da quella del Gr...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...