EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo pelliccia visone ta...
    • VENDO vendo attaccappani vertic...
    • VENDO vendo lettino ortopedico ...
    • VENDO divano in tessuto 3 posti...
    • VENDO vendo 6 bicchieri birra ...
    • VENDO camera matrimoniale in le...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Ossibuschi alla milanese

    Per 4 persone: ossibuchi di vitello (anche di vitellone a condizione che non sia carne appena macellata), 50 grammi di burro, 1 cucchiaio di olio extra vergine d'oliva, farina, 100 grammi di cipolla, ...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    cucina, edizione cartacea, locali, uscire

    di Giansandro Rosasco | 03 Ottobre 2012 | in categoria/e attualita cucina edizione cartacea locali uscire

    Jamshed, il “sultano” del Kebab: l'integrazione tra cultura orientale e occidentale passa anche dalla gastronomia

    Jamshed, il “sultano” del Kebab: l'integrazione tra cultura orientale e occidentale passa anche dalla gastronomia
Jamshed di fianco allo spiedo rotante della carne di kebab nel suo negozio in Corso Valparaiso a Chiavari

    "Mamma li turchi!" con questo grido, tra il 1400 e il 1600 circa, l'Italia meridionale era periodicamente "visitata" dai pirati Ottomani (cioè, turchi), che depredavano le città sulla costa, commettendo ogni sorta di barbarie. Quando da terra venivano avvistate le loro navi, veniva lanciato questo grido di allarme, che da allora è diventato sinonimo di pericolo imminente. Di tempo ne è passato ma quando guardiamo alla cultura araba (in tutte le sue sfaccettature) lo facciamo sempre con parecchia diffidenza alimentando probabilmente la loro nei confronti della nostra. Stessa cosa capitava anche al sottoscritto fino al giorno in cui non ho incontrato Jamshed Nawaz, un esempio di persona perfettamente integrata nel territorio che può vantarsi di aver pacificamente "invaso" e conquistato il mio stomaco con un piatto delizioso chiamato kebab. Jamshed ha una storia di immigrazione diversa da quelle purtroppo tragiche che siamo abituati a sentire. Arriva dal Pakistan agli inizi degli anni 90 con un diploma di scuola superiore. Il suo biglietto aereo è di andata e ritorno ma si innamora dell'Italia e decide di trasferirsi definitivamente nel nostro paese, dapprima in Lombardia. Inizia così ad intraprendere i più disparati mestieri imparando la lingua italiana anche grazie ai corsi gratuiti del Comune di Solaro (MI). Ma la sua passione è la gastronomia: arrivato a Chiavari decide di aprire un negozio perchè sente che la sua strada è quella. Da lì in poi aiuterà due suoi nipoti ad aprire un punto vendita a Sestri e uno a Santa Margherita rendendolo di fatto il "sultano" del Kebab nel Levante. Per capire il successo di Jamshed bisogna cogliere il suo sguardo: sempre molto attento e con il guizzo del piccolo imprenditore. Jamshed è cordiale, tiene il suo locale molto pulito, è affabile con i clienti, conosce l'inglese. Oserei dire un esempio di come dovrebbero essere i ristoratori liguri (senza offendere i tanti preparati): la dimostrazione pratica mi arriva mentre sto stilando l'intervista, quando entra un turista tedesco che non aveva mai assaggiato il kebab ma che ha deciso di provarlo perchè i prezzi nel suo negozio sono esposti ben in mostra (senza scherzi amari alla fine del pasto) e prepara il piatto di fronte al cliente. “Il mio Kebab ha almeno 130 grammi di carne - specifica con orgoglio - ed è un piatto completo perchè c’è il pane (o la piadina) e le verdure. Con 5 euro complessivi si può pranzare in maniera equlibrata, bibita o acqua compresa”. Perfeto per tute le età, aggiungerei. Se poi pensate che questo scritto sia un inno all'egemonia della cultura araba su quella occidentale vi sbagliate di grosso, Jamshed stesso mi confida che almeno tre volte a settimana non può fare a meno di sbafarsi il suo piatto preferito cioè un bel piatto di pasta "Made in Italy". Allora che dire, viva l'arte culinaria se questa può far incontrare le nostre culture così apparentemente distanti ma così concretamente bisognose di interagire per farci comprendere che alla fin fine l'unica razza di cui possiamo vantarci è una ed è unica, quella umana.

    Trovate Jamshed a Chiavari in Corso Valparaiso 102


    IL KEBAB: storia di un piatto mitico
    Il kebab (in arabo “carne arrostita”) è una sorta di piadina (pitta) riempita di carne, verdure e salse a piacere. Tipico della gastronomia turca è divenuto popolare in Germania nel 1971 grazie a un immigrato che diventerà così ricco e famoso: Mehmet Aygun, un immigrato turco venuto a dare una mano nel ristorante di suo zio, a Berlino.  Il tipo di kebab più famoso probabilmente è il döner kebab: doner significa è il nome della cottura allo spiedo; kebab è la carne grigliata. Si trovano numerose versioni del kebab, a seconda dei paesi e delle culture, e lo stesso termine può riferirsi a differenti tradizioni culinarie. La carne nei paesi di origine è solitamente di pecora, agnello o manzo ma mai di maiale, in quanto carne vietata dall’Islam; da noi sono più frequenti quelle di manzo e di pollo. Viene condita  emarinata, poi sagomata a cono e quindi infilzata nello spiedo verticale che viene fatto ruotare vicino a una fonte di calore; una volta consisteva in brace rovente sistemata in apposite griglie disposte verticalmente intorno allo spiedo, oggi è invece un’apposita macchina, una sorta di fornello verticale. La carne così preparata viene servita all’interno di panini e piadine, o collocata su un piatto vero e proprio. Come condimento si aggiungono verdure miste, e varie salse: le più tradizionali sono la harissa piccante, l’hummus a base di ceci e tahini (pasta di sesamo) e il tzatziki fatto con yogurt e aglio oppure altre salse come la barbecue, la maionese o il ketchup, per venire incontro alle richieste dei clienti occidentali.

    Tratto da CORFOLE! del 10/2012, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


    Altre immagini collegate alla notizia:

    sono in tanti ad apprezzare il kebab di jamshed!sono in tanti ad apprezzare il kebab di jamshed!
    Jamshed dcon parenti e amiciJamshed dcon parenti e amici

     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      La SEPARAZIONE: come renderla più amichevole o perfino evitarla

      Anche le vacanze spesso sono un terreno di attrito tra i coniugi e sono tante le lettere che stiamo ricevendo per avviare procedure con le quali un coniuge invita l’altro al tavolo della mediazione al fine di ricucire un rapporto o di redigere un verbale di separazione consensuale, o meglio di sistemazione patrimoniale. I torti e le ragioni inseriti nell’oggetto della controversia e le...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...