EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Brasato alla piemontese

    Per 4 persone: 1500gr di sottopaletta di vitellone o cappello del prete, 200gr di polpa di pomodoro, 2 cipolle, 3 spicchi di aglio, carote, sedano, rosmarino, salvia, alloro, sale,pepe, brodo ve...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualità

    01 Novembre 2010 | in categoria/e attualita

    Il lavoro, questo sconosciuto (Parte 2) - Questa volta diamo alcuni consigli pratici per affrontare al meglio i colloqui

    Il lavoro, questo sconosciuto (Parte 2) - Questa volta diamo alcuni consigli pratici per affrontare al meglio i colloqui

    ORIENTAMENTI - Fiera Genova 17-20 novembre
    I ragazzi potranno avere un primo contatto con i Centri per l’Impiego mentre i laboratori di autoimprenditoria saranno a disposizione di chi vuole valutare la possibilità di mettersi in proprio. Al Career Day, nei giorni 17 e 18, diplomati e laureati potranno incontrare importanti aziende liguri e italiane, consegnare il proprio curriculum, ricevere proposte di lavoro.

    Ebbene sì, anche per affrontare un colloquio di lavoro è necessario conoscere i trucchi del mestiere! Sembra quasi una presa in giro, in realtà, esiste quasi una vera e propria teoria della selezione del personale. Il tempo a disposizione per inquadrare il candidato e valutare se è adatto o meno a ricoprire il posto per il quale si presenta è veramente poco, perciò, il selezionatore, punta la propria attenzione su pochi, ma fondamentali elementi. Il primo passo per ottenere un incontro conoscitivo con l’azienda è la stesura del curriculum vitae. Come già sottolineato, il tempo a disposizione  degli addetti ai lavori è sempre poco (forse troppo poco, gli esperti parlano di una media di circa 20 secondi) per questo è meglio non superare le due, massimo tre pagine, e cercare di evidenziare il più possibile i punti di forza del candidato, elencando, in primo luogo, le esperienze lavorative che possono avere affinità con il settore dell’azienda prescelta e costituire titolo preferenziale per un’eventuale assunzione. Anche le piccole esperienze lavorative ( lavori stagionali, occasionali...) costituiscono un elemento importante per la valutazione della buona volontà e capacità di adattamento del candidato. Una volta ottenuto un appuntamento per un colloquio conoscitivo è necessaria un pizzico di attenzione ad alcuni particolari che apparentemente possono sembrare irrilevanti, ma contribuiscono a delineare la figura della persona che il selezionatore si trova ad esaminare.
    Innanzitutto, occorre curare l’igiene personale (evitate le foglioline d’insalata in mezzo ai denti!) e l’aspetto esteriore, scegliendo un abbigliamento curato, adatto al tipo di azienda per la quale è stata presentata la candidatura. Programmate, quindi, il tragitto dall’abitazione alla sede dell’azienda, cercando di anticipare eventuali imprevisti (mai arrivare in ritardo dicendo ‘c’era traffico...’).
    Non tutti sanno (o chi lo sa, non ne tiene debito conto) che la selezione inizia in sala d’attesa. Non fatevi accompagnare da parenti o amici: non è affatto professionale. Prestate attenzione alle posizioni assunte durante l’attesa. E’ meglio, per questo, rilassarsi, senza stravaccarsi, dedicandosi alla lettura di un quotidiano o, in alternativa, di riviste o pubblicazioni del settore in cui opera l’azienda. Si può approfittare dell’attesa per spegnere il telefonino o, quantomeno, mettere la modalità silenziosa, onde evitare di sprofondare nell’imbarazzo, nel bel mezzo del colloquio, col cellulare che squilla, magari con suonerie improponibili, tipo Gattino Virgola o “Belin, te squilla u telefunin vegni a rispunde!”. 
    Attenzione ai primi momenti del colloquio, la prima impressione è quella che conta: meglio mantenere una postura  composta, senza accavallare le gambe e incrociare le braccia – nel linguaggio del corpo, sono considerati segni di chiusura verso l’interlocutore- non giocherellare  con i capelli o con oggetti vari.
    “Mi parli di lei.” Questa semplice domanda tende ad allentare la tensione tra candidato e selezionatore. A quest’ultimo – che il più delle volte appare al candidato come il Minosse dantesco-  spetta, infatti, il difficilissimo compito  di raccogliere  quante più informazioni possibili che gli consentano di formulare un giudizio  preciso sul candidato, per stabilire se sia la persona giusta oppure no. In questo campo, andare a naso o per simpatia è un rischio che non si può correre: assumere la persona sbagliata implica una perdita di tempo, denaro e produttività. Per questo motivo, alla domanda “Mi parli di lei” è consigliabile rispondere brevemente e in maniera chiara, parlando per non più di due minuti. In quelli ancora a disposizione il selezionatore, magari scorrendo rapidamente il cv, potrebbe cercare di chiarire i punti che gli risultano poco chiari, come ad esempio l’interruzione degli studi o un periodo di disoccupazione, anche per poter verificare lo stato di onestà della persona che ha di fronte. E’ importante rispondere in maniera obiettiva e con sincerità, cercando di rimanere se stessi ed evitando comportamenti costruiti. L’elenco delle domande difficili – quelle che, per intenderci, vanno al di là di ogni previsione e alle quali non si è mai troppo preparati- potrebbe proseguire in un elenco infinito, con quesiti quanto mai bizzarri  e strani.
    Esempi?  “Le piace lavorare? Quali sono i suoi hobbies/interessi? Quale sport pratica? Come passa il suo tempo libero? Qual è la situazione in cui rende meno? E’ disposto ad accettare qualunque lavoro? Crede che avrà bisogno di formazione per prepararsi a questo incarico?”... 
    Ad ogni domanda corrisponde una griglia di valutazione che consente di  valutare l’adeguatezza del candidato rispetto alla posizione lavorativa  da ricoprire. E il candidato che cosa deve fare? Essere pronto a tutto, in primo luogo.
    Occorre ricordare che l’obiettivo del selezionatore è verificare la capacità di reazione agli imprevisti. Quindi, meglio evitare di restare sulla difensiva sui dati meno favorevoli del curriculum; parlare dei propri interessi e di come si trascorre il tempo libero motivandoli in maniera adeguata al contesto; dimostrare la volontà di migliorare i punti deboli; parlando delle esperienze lavorative precedenti, non sparlare degli ex datori di lavoro. La cosa che però può infastidire più di ogni altra è un atteggiamento ispirato al principio “qualsiasi cosa purché mi facciate lavorare”. La motivazione genuina che spinge il candidato a presentarsi per una posizione lavorativa in un’azienda è uno degli elementi fondamentali- oltre alla professionalità- che il selezionatore deve verificare durante il colloquio. Infine, occorre valutare l’ipotesi di  fare domande sulla posizione da ricoprire. Fare domande è un chiaro segno di interesse: meglio orientarsi su quesiti riguardanti l’attività specifica dell’azienda ed eventuali chiarimenti sulla posizione da ricoprire. Chiedere a quanto ammonta lo stipendio è una domanda delicata:  se la si pone nel modo sbagliato, si rischia di dare una cattiva impressione.
    Se nel corso del colloquio non c’è stato alcun cenno all’aspetto economico può significare che questo primo incontro sia di ‘scrematura’ e che si parlerà di questo aspetto nell’incontro successivo (se passerete questo!), al quale in genere si riservano i termini pratici e concreti (orari, stipendi, ferie, etc.), anche perché vi state avvicinando a coprire effettivamente quel ruolo.  Al termine del colloquio, evitate di chiedere come siete andati. Se il selezionatore vi dice , prima di salutarvi, “Le faremo sapere!” non dovete scoraggiarvi perché può semplicemente significare che devono finire di i colloqui con altri candidati o che devono farsi un’idea chiara. E’ bene comunque, passato un certo periodo di tempo, contattare l’azienda per  chiedere l’esito del colloquio. Il passo successivo è quello dell’autovalutazione: ripercorrete velocemente tutti i passaggi dell’incontro ed individuate  quelli che ritenete essere gli errori che hanno causato la vostra eventuale esclusione dalla selezione, vi servirà per prepararvi meglio per la prossima opportunità. L’esperienza insegna...anche i trucchi del mestiere!
    Chiara Staderoli
    Commenta e inoltra


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - La pubblicazione del testamento

      A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Contatti 0185.938009 redazione@corfole.comIn questo numero vi voglio parlare di un argomento caro a molti lettori: cosa fare quando si rinviene un testamento olografo, un testamento –cioè- scritto integralmente a mano dal defunto (ivi compresa data e firma).L&r...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...