EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...
    • IMMOBILIARE causa trasferimento,vendo...
    • VENDO vendo letto a castello ma...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Stufato di capra

    Per 4 persone: 1 kg di carne di capra a piccoli pezzi,1 litro di vino bianco, 25 cl di vino Rossese di Dolceacqua giovane, mezzo kg di fagioli borlotti, 2 carote,2 gambi di sedano, 2 cipolle, 2 spicch...

    A scuola vestiti da Napoleone o Ipazia? Un liceo ha usato il cosplay come metodo di studio: lo vorreste nelle nostre scuole?

    Un’idea che sarebbe lecito... copiare!Grazie a questo fenomeno i giovani stanno anche risc...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    25 Settembre 2012 | in categoria/e attualita

    RIORDINO DELLE PROVINCE, FRA 6 GIORNI LA PROPOSTA DEFINITIVA: IL TIGULLIO DOVE FINIRA'? Genova designata a trasformarsi in Città metropolitana mentre La Spezia viene salvata.

    RIORDINO DELLE PROVINCE, FRA 6 GIORNI LA PROPOSTA DEFINITIVA: IL TIGULLIO DOVE FINIRA'? Genova designata a trasformarsi in Città metropolitana mentre La Spezia viene salvata.

    Il processo di riordino delle Province liguri prosegue spedito, seguendo le tappe forzate dettate dalla legge sulla spending review, e si delinea con sempre maggior nettezza uno scenario con tre entità amministrative: una provincia del Ponente che accorperà gli attuali territori di Imperia e Savona, la Città metropolitana di Genova, coincidente con gli attuali confini della Provincia ma dotata di più ampie funzioni, e la provincia di La Spezia, coi confini immutati rispetto ad oggi, che rimarrebbe la provincia più piccola d’Italia.
    E’ quanto emerso nella riunione nella riunione del Cal, il comitato delle autonomie locali della Liguria, tenutasi questa mattina presso la Provincia d Genova la penultima prima di quella già fissata per lunedì 1 ottobre, che delibererà la proposta definitiva di riordino delle Province da inoltrare al governo, previo passaggio attraverso la Regione Liguria. Il termine fissato dalla legge per i Cal italiani è infatti il 2 ottobre.

    Mentre in altre regioni le possibilità di accorpamenti delle province sono molteplici (si pensi alla Toscana, che ha 10 Province, di cui ben 9 prive dei requisiti di popolazione e superficie per sopravvivere autonomamente e quindi costrette ad aggregarsi alle altre), in Liguria la legge non lascia scampo: Savona e Imperia devono necessariamente aggregarsi, perché nessuna delle due possiede entrambi i requisiti per salvarsi, ovvero 350.000 abitanti e 2.500 chilometri quadrati di superificie; Genova è designata a trasformarsi in Città metropolitana mantenendo gli attuali confini e infine La Spezia, che di per sé sarebbe molto lontana dai requisiti di legge, viene salvata, unica provincia italiana, con una deroga speciale dovuta al fatto che confinando solo con una Città Metropolitana (Genova) e con province di altre regioni (Massa Carrara in Toscana e Parma in Emilia Romagna), non può aggregarsi ad entità amministrative contigue.

    Questo destino ineludibile è stato delineato con chiarezza da Marzio Favini, sindaco di Castelnuovo Magra e presidente del Cal ligure, nella sua introduzione alla seduta di oggi, che non ha lasciato speranze ai numerosi critici alla legge di riordino: "Il nostro compito ha scandito Favini parlando ai colleghi sindaci e ai presidenti di Provincia presenti . è fare una delibera che contenga una proposta concreta, e spedirla alla Regione, e attraverso questa al governo, entro il 2 ottobre Questa proposta deve tenere conto dei paletti della legge, che sono ben chiari. Tutte le critiche allo spirito della legge, ai suoi tempi, tutte le insoddisfazioni, le proposte alternative, i desideri del territorio possono e devono trovare spazio nella delibera solo in premessa, cosa che faremo, ma non possono diventare l’oggetto della delibera stessa".

    Favini ha ricordato che l’unica alternativa a questa scelta è non fare nessuna delibera, il che significa però che il governo è libero di procedere autonomamente al riordino. Un’ipotesi, questa, caldeggiata da alcuni comuni, ma sterile.

    Modificare i confini delle nuove Province (e anche della Città metropolitana di Genova) imposti di fatto dalla legge, in realtà è possibile, ma occorrerebbe un enorme sforzo collettivo dei comuni: ovvero entro il termine del 2 ottobre gruppi di comuni confinanti dovrebbe votare tutti insieme, nei loro consigli comunali, delle delibere in cui chiedono di aggregarsi a un altro ente per esempio i comuni del Tigullio dovrebbero votare tutti insieme l’adesione alla Provincia di Spezia anziché alla Città metropolitana di Genova e poi portarle al Cal in modo che questo organo possa inserire tali richieste nella propria delibera di riordino. Ma questa eventualità pare difficilmente praticabile.

    "Non è così impossibile- assicura Claudio Muzio, sindaco di Casarza Ligure, fra i più accesi fautori del distacco dei comuni del Levante Genovese dalla Città Metropolitana , anzi molti comuni del Tigullio stanno preparando le delibere da portare in consiglio comunale questa settimana, al fine di farle approvare prima dell’ultima riunione del Cal dell’1 ottobre, quella decisiva che scriverà la proposta di riordino".


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO