EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO camera a ponte in legno t...
    • VENDO tavolino bianco in legno ...
    • REGALO ho tagliato 2 abeti di ci...
    • VENDO vendo 4 ruote per suzuki ...
    • VARIE cerco gatto bengala masch...
    • VENDO vendo cyclette modello at...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Il pesto Patrimonio dell'umanità dell'Unesco: è il piatto italiano più amato dai turisti stranieri. Ora va promosso e tutelato

    Secondo un recente studio della catena alberghiera Soft Living Places il pesto alla genovese è al top fra i piatti più amati dai turisti stranieri venuti...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    edizione cartacea, storia locale

    Sono presenti 271 articoli

    • 02 Maggio 2016
      LA NOSTRA STORIA - Mario,uno dei pochi superstiti alla campagna di Russia: le scarpe di cartone, la fuga a cavallo sotto la neve e il folle salto da un treno in corsa per scampare ai campi di concentramento

      Settantacinque anni sono passati, ma il Signor Mario (nome di fantasia n.d.


    • 11 Aprile 2016
      FIGASSETTA AWARD 2016: riparte la caccia alla focaccia più buona del Levante! I protagonisti siete voi: segnalate il vostro panificio preferito e vincete una teglia di focaccia!

      Il rito della focaccia parte già a colazione, inzuppando “la striscia” (molto unta) nel caffelatte (molto dolce), cosa che puntualmente fa inorridire i turisti che ci vedono farlo. Salvo poi imitarci con gusto.


    • 11 Aprile 2016
      "Ricordo di aver mangiato l'erba dei prati, per la fame": per il nostro "Memorial Ghilarducci" la preziosa e toccante testimonianza di Anna, orfana della guerra

      Era la primavera del 1945, l’aria era ancora fresca, ma sugli alberi incominciavano a vedersi i primi boccioli di fiori. C’era una grande casa alla fine del paese, sede di un istituto per orfani, gestito dalle suore.


    • 07 Aprile 2016
      Quando il nostro entroterra era zona “da imperatori”: ecco la pietra che riscrive la storia. Un reperto unico, "scippato" al territorio

      di Michela De Rosa

      E’ un ritrovamento eccezionale, ma è soprattutto una vicenda degna di un thriller storico quella che ruota attorno al cippo rinvenuto sul Monte Ramaceto, nel territorio del Comune di Orero (Val Fontanabuona). Gli elementi ci sono tutti: 1988, l’allora brigadiere del Corpo Forestale dello Stato di Casarza Italo Franceschini smuove una grossa pietra per verificare la presenza di vipere e accortosi dell’iscrizione scatta una foto, presentandola nel suo rapporto, ma nesuno vi bada; arriviamo al 2014, quando Franceschini va in pensione e si decide a fare ordine tra le foto, stampando anche quella della “strana pietra” e inviandola all’amico archeologo Roberto Maggi, che ne capisce subito l’importanza; scatta così l’attenzione della Soprintendenza ai Beni culturali che invia “sulla scena” un nutrito gruppo di agenti della polizia provinciale che, proprio come dei detective, setacciano la zona per mesi, ma della pietra neanche l’ombra; ci riprovano più volte, finché, aiutati da esperti locali del territorio e dagli abitanti del luogo, si raggiunge l’agognato ritrovamento.


    • 05 Aprile 2016
      TRA ZAPPE E PC - “Arvì, ciuì, ciuì!” Quando gli anziani per prevedere il tempo toccavano i muretti a secco

      di Simone Parma

      Ricordo, quando ancora non esisteva internet, che le uniche e vere previsioni erano quelle su Rai 1 alle 17:00 di Guido Caroselli che con la sua barba rassicurante spiegava ciò che sarebbe successo di lì a un giorno. I nonni però non si fidavano mai fino in fondo e affacciandosi alla finestra davano un'occhiata ai falchetti: se volavano troppo bassi sarebbe piovuto nell'arco di qualche ora.


    • 04 Aprile 2016
      A Carasco la pizza “che fa bene”: una volta al mese i ragazzi della parrocchia diventano pizzaioli, gli introiti alle missioni in Perù e Costa d'Avorio

      di Matteo Noceti

      Se esiste una prelibatezza in grado di mettere tutti d’accordo, questa è la pizza. I ragazzi del “post Cresima” della parrocchia di Rivarola lo hanno capito bene, tanto da ideare un’iniziativa molto speciale, il cui nome è tutto un programma: “Pizze d’altro mondo”.


    • 02 Marzo 2016
      Da Topo Gigio a Berlusconi: la storia di Guido Stagnaro, il sestrese che ha “inventato” la TV

      di Michela De Rosa
      Con i suoi personaggi sono cresciute intere generazioni, è stato pioniere della televisione, con programmi che hanno fatto la storia del nostro costume: dal primo quiz al primo sceneggiato a colori fino agli show della prima serata

      Il Festival di Sanremo prosegue imperterrito dagli anni Cinquanta, programmi come I migliori anni (condotto da Carlo Conti) e Techetechetè (Rai 1) continuano a fare ascolti e ora Fabio Fazio ripropone Rischiatutto. Non c’è che dire, siamo avvolti da un “effetto nostalgia”.


    • 02 Marzo 2016
      GENOVAGANDO -  L'ultima torre storica e il Sacro Catino in cui Cristo mangiò l'agnello pasquale

      Se vi piacciono i vicoli di Genova forse avete fatto caso alla Torre Embriaci, situata nella zona più antica di Genova. Fa parte del palazzo Giulio Sale, anche conosciuto come palazzo Brignole Sale al numero 5 di piazza Embriaci.


    • 01 Marzo 2016
      I finti preti? Un'invenzione ligure del 1600: li chiamavano "battibirba" e ci voleva una licenza per diventarlo. Ma falsificavano anche quella....

      di Michela De Rosa

      In fenomeno era conosciuto come “battibirba” ed era una richiesta di elemosina con motivazioni fantasiose, esercitata in maniera talvolta molesta, dai cosiddetti “birbanti” o “guidoni” o “ghitti”: finti preti come un certo Bartolomeno Rolandelli, che una lettera del parroco di Maissana (La Spezia) del 1736 descriveva così: “Vive malamente, va per il mondo tutto l’anno, veste da sacerdote, si finge parroco, benedice case, armenti, campi e poi cerca emolumenti di messe a segno tale che in termine di due mesi si porterà a casa più di £ 200”.
      La strada migliore per diventare “battibirba”, come spiega Marco Porcella nel libro Con arte e con inganno, era di farsi direttamente chierici o preti, come fece un tale Luigi Brizzolara, parroco nel 1813 di Levaggi, “che da chierico batteva la birba con due suoi fratelli”.


    • 02 Febbraio 2016
      “Belin, che targa!” - Un genovese emigrato in America nel giro di poche ore è diventato il paladino dei liguri nel mondo

      E’ la parola più “genovese” in assoluto e quindi quale scelta migliore per esprimere la nostalgia della terra natià?  è quello che ha pensato un eccentrico signore emigrato negli USA, potevamo farcelo sfuggire?


    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Dalle questioni tra vicini ai problemi in famiglia: sempre più persone scelgono di rivolgersi al mediatore.

      Oltre al risparmio su tempi e costi, l’approccio conciliante permette di affrontare le situazioni con più serenità  Può accadere di dover affrontare delle dispute con i vicini o con i parenti magari per un’eredità, con i medici per un errore, op...

      Dalle questioni tra vicini ai problemi in famiglia: sempre più persone scelgono di rivolgersi al mediatore.

      Oltre al risparmio su tempi e costi, l’approccio conciliante permette di affrontare le situazioni con più serenità  Può accadere di dover affrontare delle dispute con i vicini o con i parenti magari per un’eredità, con i medici per un errore, op...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...