EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    CALENDARIO EVENTI OTTOBRE: sagre, mercatini, concerti, spettacoli, teatro, mostre, corsi, ristoranti e molto altro

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.Stampa il calendario come promemoria per non perdert...

    CALENDARIO EVENTI OTTOBRE: sagre, mercatini, concerti, spettacoli, teatro, mostre, corsi, ristoranti e molto altro

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.Stampa il calendario come promemoria per non perdert...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    CALENDARIO EVENTI OTTOBRE: sagre, mercatini, concerti, spettacoli, teatro, mostre, corsi, ristoranti e molto altro

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.Stampa il calendario come promemoria per non perdert...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea, storia locale

    di Vittorio Rosasco | 01 Febbraio 2010 | in categoria/e edizione cartacea storia locale

    RANGHINELLI - La Valfontanabuona: del tripudio di prunus triloba o serrulata, ma anche di quando il gelato costava 5 centesimi e...del mistero dei nomi dei paesi .

    RANGHINELLI - La Valfontanabuona: del tripudio di prunus triloba o serrulata, ma anche di quando il gelato costava 5 centesimi e...del mistero dei nomi dei paesi
.

    Voglio raccontarvi questa valle, la mia valle, dove sono nato e della quale, a costo di apparire patetico confesso di essere... innamorato. Ve la voglio raccontare ‘con parole mie’, come direbbe Umberto Broccoli in una bella trasmissione radiofonica, considerando e mescolando gli aspetti più vari: agiografici, orografici, naturalistici, storici, anedottici, episodici con riferimenti ad usi e costumi del tempo passato spesso remoto. E’ particolare il fatto che si estenda parallela alla costa e vicinissima al mare con conseguente mitezza del clima. Prende il nome dalla “de fonte bono” di Favale di Malvaro e le colline che la formano, alla cui base scorre il meraviglioso torrente Lavagna che nasce dal monte Lavagnola e descritto da Dante Alighieri nelle Divina Commedia come “Fiumana bella”, sono ricoperte da castagneti e da molte altre piante della flora mediterranea che con l’evolversi delle stagioni assumono aspetti variamente cangianti.
    In primavera, prima lentamente poi con un’esplosione, si ammantano di verde tenue che gradatamente si rafforza nel verde scuro. Come per incanto compaiono ampie macchie bianche: è la fioritura prima del frassino poi delle acacie con i fiori a grappoli profumatissimi che, per chi non lo sapesse, sono ottimi da friggere nella pastella. C’è aria salubre e profumata, frescura nella stagione estiva, al termine della quale nascono funghi in abbondanza. In autunno la Fontanabuona diventa tutta una tavolozza di colori: giallo chiaro e intenso, rosso, vermiglio, bruno tenue, verde ruggine: uno spettacolo incomparabile. Il sottosuolo ha un’ossatura fatta quasi interamente di ardesia, la pietra nera che nel tempo è stato letteralmente ‘oro’ anche se oggi ha perso un po’ d’ importanza. Poiché i fontanini amano le cose belle come i fiori, curano i giardini e le aiuole attorno alle linde case con siepi di evominus, lauroceraso, pitosforo.
    Si possono ammirare fin dai primi mesi dell’anno cascate di glicine, qua e là piante fiorite di magnolia soulangeana, di prunus triloba o serrulata, chiazze rosso-violaceo di sedum spurium, di violaciocche mentre nei prati c’è il giallo splendente delle ranuncolacee. Via via nel tempo fioriscono forsizie, ortensie, dalie, rose, eliopis, non infrequenti i cespugli di cortaderia selloana detta anche erba delle Pampe che innalzano al cielo i bianchi pennacchi.
    Sui terrazzi o alle finestre vasi di azalee, gerani, petunie, begonie, e soprattutto cascatelle di surfinie di vari colori. La Fontanabuona di oggi ha di negativo un traffico caotico che ha avuto un periodo di tragici incidenti stradali. In un’indagine fatta da me nel 1988 e relativa alla media e alta Fontanabuona (stazioni dei Carabinieri di Cicagna e Gattorna) ha dato risultati molto pesanti: incidenti gravi con feriti e morti 224; incidenti senza feriti 279; morti 26; giorni di prognosi 2653 talchè questa strada era stata denominata “strada della morte”. Ma io me la ricordo quando, nella prima metà del secolo scorso era silenziosa, si sentiva il gorgoglio dei ruscelli, delle cascate, lo stormir del vento.
    Il silenzio veniva saltuariamente rotto da grida: “Strassè!! Strassè!” oppure “Mulitta! Donne ghe u mulitta!”: erano il grido dello straccivendolo e dell’arrotino che affilava coltelli e forbici e aggiustava ombrelli. E non posso dimenticare il carretto del pescivendolo che partiva da Chiavari carico di cassette di pesce conservato nel ghiaccio, attirando l’attenzione al grido: “Belle donne pesci, pesci freschi, sardinne (sardine) anciue (acciughe)”. Era sempre di venerdì perché la prescrizione della Chiesa “Non mangiar carne al venerdì” era rigorosamente attuata, anche se valeva soprattutto per i benestanti perché la maggior parte della popolazione la carne se la poteva permettere solo qualche volta… all’anno. A Gattorna arrivava sempre tardi, solo quando la pescagione era stata abbondante. C’era il vantaggio che volendo smaltire la rimanenza il prezzo scendeva ulteriormente! D’estate era atteso, specie dai bambini, un altro carretto caratteristico. Il grido era “Gelati!!....gelati !!...” Un cono piccolo costava 5 centesimi, quello medio 10, quello grande un “caburin” cioè 20 centesimi. Chi se lo poteva permettere era guardato con curiosità e…invidia. Allora tutti parlavano in dialetto che differiva da paese a paese e talvolta da frazione a frazione dello stesso comune. Per esempio a Gattorna e solo a Gattorna era completamente abolita la lettera “v” Si diceva “egni” anzichè “vegni” (vieni) “ittoio” per Vittorio, “ento” per vento ecc., cosicché un gattornese o gatturnin che dir si voglia veniva subito riconosciuto. E siccome ho iniziato il discorso sulle curiosità dei tempi passati voglio ricordare che i rapporti fra i vari paesi e anche fra le varie frazioni dello stesso comune non erano proprio tranquilli: le diatribe erano frequenti e avvenivano anche spedizioni punitive durante le sagre paesane o nelle sale da ballo per il carnevale. Le risse non erano infrequenti e talvolta trascendevano in accoltellamenti.
    Partivano quasi sempre da sfottò con gli epiteti propri che ciascun paese aveva da tempo immemorabile. Ne cito alcuni ricordando Genova “Zeneize risu reu strense i denti e parla cièu” (genovese riso rado stringe i denti e parla chiaro), Gattorna “meie cotte” (mele cotte), Canevale “uchi” (allocchi), Chiavari “capùn” (cappone), Coreglia “baggi” (rospi), Favale “picossi” (scure, accette), Lorsica “mangiapelucchi” (mangia batuffoli), Moconesi “becchi” o “crae” ( caproni o capre ), Ognio “porchi” (maiali,) Orero “asci” (asini), Soglio “coppette” (tazze), Vallebuona “gatti”, Neirone “nainè”, Uscio “goscetti” (che hanno il gozzo), Piandeipreti “bagun” (coleottero), Calvari “carvaiolli mangia batolli” (il batollo è un taglierino misto di farina bianca e di castagna), Cichero “cichelan largu de bucca e streitu de man” (largo di bocca e stretto di mano), infine Portofin “unde pe’ impì e meizzanne e donne ghe mettu a guscia e i ommi i ghe mettu u pin” (dove per riempire le melanzane le donne ci mettono il guscio e gli uomini il ripieno).
    Erano modi di dire affibbiati per scherzo (e per scherno). Alle volte alcuni prendevano posizioni paradossali. Mio padre ricordava un episodio divertente. In occasione dell’installazione delle campane sul rinnovato campanile di Gattorna ci furono discussioni circa il posizionamento delle stesse. Quelli del quartiere Chinelli (sembra che avessero maggiormente contribuito) pretendevano che la campana più grande fosse rivolta verso il proprio quartiere. Il capo della fabbriceria che aveva molto potere operò diversamente facendola sistemare verso il proprio. Ci fu una lotta verbale molto accanita che si concluse con un curioso episodio: gli abitanti dei Chinelli costruirono un’impalcatura dove sistemarono una campana che suonavano a piacimento!
    E se mi permettete voglio proporre a voi un quesito curioso che un acuto mio amico ha proposto a me e al quale non ho saputo rispondere. Nel prefisso, nel suffisso o all’interno dei toponomi della Fontanabuona c’è spesso il nome di un animale: Gattorna, Monleone, Lorsica, Piandeiratti, S.Colombano, Cicagna, Tasso, Tassorello, Canevale, Corsiglia. E’ un caso come sostenevo io o c’è qualche misteriosa ragione? Che ve ne pare?


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    CALENDARIO EVENTI OTTOBRE: sagre, mercatini, concerti, spettacoli, teatro, mostre, corsi, ristoranti e molto altro

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.Stampa il calendario come promemoria per non perdert...

    CALENDARIO EVENTI OTTOBRE: sagre, mercatini, concerti, spettacoli, teatro, mostre, corsi, ristoranti e molto altro

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.Stampa il calendario come promemoria per non perdert...

    CALENDARIO EVENTI OTTOBRE: sagre, mercatini, concerti, spettacoli, teatro, mostre, corsi, ristoranti e molto altro

    Clicca sull'immagine per ingrandirla.Stampa il calendario come promemoria per non perdert...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      CALENDARIO EVENTI OTTOBRE: sagre, mercatini, concerti, spettacoli, teatro, mostre, corsi, ristoranti e molto altro

      Clicca sull'immagine per ingrandirla.Stampa il calendario come promemoria per non perdert...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO