EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...
    • IMMOBILIARE causa trasferimento,vendo...
    • VENDO vendo letto a castello ma...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    02 Novembre 2011 | in categoria/e attualita

    Antichi mestieri: il restauratore - Tra profumi di legni e bagliori dorati con il desiderio di rivedere le botteghe nei caruggi

    Antichi mestieri: il restauratore - Tra profumi di legni e bagliori dorati con il desiderio di rivedere le botteghe nei caruggi

    “Ognuno di noi ha il suo corpo, la sua pelle, e ha bisogno di cure diverse. Così è per i mobili antichi. Ma guai a fare un lifting completo: la loro bellezza, il loro stile, deve rimanere immutato nel tempo”. Sorride Riccardo Gaiaschi, gli occhi che brillano mentre si posano sui manufatti lignei e sugli attrezzi ordinatamente disposti in fila sopra al bancone da lavoro nella sua legnoteca di vico del Pozzo, cuore di Rapallo. Lì, nella bottega odorosa di legno e cera, da 15 anni porta avanti la sua attività di restauratore d'arte. Un lavoro che coincide con la sua passione, cosa rara di questi tempi. “Ho iniziato a 16 anni nella ditta Stallo, un laboratorio di cornici dove si partiva dal tronco di legno per poi intagliarlo e indorare – racconta – Il mio datore di lavoro già allora aveva capito che condividevo la sua passione per questo mestiere”. Dopo l'apprendistato, per Gaiaschi arriva il momento di camminare sulle proprie gambe: “A 18 anni ho rilevato un vecchio laboratorio: il mio collega si occupava della parte di falegnameria io di quella legata al restauro. Poi lo spostamento nel centro storico, fino all'attuale bottega”. L'attività sorge nel cuore della Rolecha, l'antica strada che, un tempo, era punteggiata di botteghe artigiane come le merlettaie, le cui sapienti mani correvano sulle “cartine” per realizzare i preziosi pizzi al tombolo.
    Il punto di vista degli artigiani sul Tunnel per la Fontanabuona
    “Il centro storico dovrebbe riscoprire queste botteghe in cui si portano avanti antichi mestieri e tradizioni – osserva Gaiaschi, che è anche presidente del locale Consorzio Insediamenti Artigiani – Logico, la produzione vera e propria dovrebbe essere allestita in spazi più idonei. Ma sarebbe bello se i caruggi si ripopolassero di queste botteghe dal sapore d'altri tempi. Purtroppo, gli affitti dei locali non lo permettono”. Favorevole, quindi, al tunnel per la Fontanabuona? “Vogliamo scherzare? Se mi danno l'ok, inizio fin da ora a scavarlo. Forse non si è ancora capita del tutto l'importanza che il traforo avrebbe non tanto dal punto di vista commerciale, ma da quello dello sviluppo di attività produttive”.
    I segreti del mestiere
    E a proposito di produzione: quali sono, i segreti di un mestiere dal retrogusto antico come il restauratore? “E' un lavoro semplice: di conseguenza è importante utilizzare strumenti e materiali semplici per non alterare l'essenza dell'opera da restaurare – dice –  adopero colla a caldo, gomma lacca, cera per lucidare. E poi serve tanta manualità. La cosa fondamentale è usare il prodotto giusto per il mobile giusto: un Luigi XV non può diventare un Art Déco”. Quindi, occorre una base di studio anche per intraprendere una professione artigiana? “Certo che sì – risponde – Io sono autodidatta, ho imparato la pratica in bottega e letto migliaia di libri sulla storia dell'arte. Ma oggi ne pago lo scotto. Una base di studi teorici a scuola è importante. Dopodiché, sotto con la pratica in laboratorio. È quello che consiglio ai giovani che vogliono intraprendere questo mestiere”. Qual è l'aspetto più gratificante del lavoro di restauratore? “Riportare agli antichi fasti mobili che, magari, sono rimasti chiusi in uno scantinato per anni”. E le difficoltà? “Non mancano: l'antiquariato è stato uno dei settori che più ha patito la crisi e noi di conseguenza. Ecco perché ci stiamo orientando anche al restauro edile: ad esempio, il ripristino di vecchie porte”.
    Nell'era della tecnologia e del design, c'è ancora chi preferisce l'antico? “Oggi impera la moda, è la firma famosa che conta. E' tutto più semplice. Ma riuscire a interpretare e rifare un'opera del Seicento, che sia un mobile o un dipinto...quello sì, è davvero difficile”.
    SIlvia Franchi
    Commenta e inoltra

    Tratto da CORFOLE! del 11/2011, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...