EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Santi e patroni: riscopriamoli attraverso le chiese e le feste del territorio - Festa di Ognissanti e Festa dei morti, tradizioni e ricette

    La morte, un momento con cui tutti dovremo prima o poi fare i conti, crea in tutti noi ansie, preoccupazioni, paure. Le tradizioni ci aiutano ad avere un rapporto più sereno, consapevole ed equ...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    03 Ottobre 2011 | in categoria/e attualita

    Quando i tedeschi colpirono il Levante con l'avanzata dei ‘mongoli': la vergognosa pagina degli stupri come ‘arma di guerra'

    Quando i tedeschi colpirono il Levante con l'avanzata dei ‘mongoli': la vergognosa pagina degli stupri come ‘arma di guerra'Così qualcuno ha voluto testimoniare in Internet la propria esperienza: ci è sembrata l'immagine migliore.

    Oltre la Val d’Aveto imboccando la strada che porta a Fontanigorda si oltrepassa il Monte dell’Antola e presto ci si ritrova in Val Borbera nei piccoli borghi di Cantalupo Ligure, Cosola, Rocchetta Ligure e Cabella. Diversamente seguendo la strada da Santo Stefano D’Aveto a Ferriere raggiungiamo in poco tempo Bobbio e la Val Trebbia. Che cosa hanno in comune queste verdi valli a un passo dalla Val d’Aveto sull’Appennino ligure-piemontese-emiliano? Un’unica ferita profonda segna la memoria dei numerosi anziani che hanno vissuto l’ormai lontano inverno del 1944, quando i soldati nazifascisti, con l’intento di catturare i numerosi partigiani nascosti nella vallata e di punire le popolazioni locali che avevano prestato loro aiuto, schierarono tra le fila del loro esercito i cosiddetti “mongoli”. In realtà i mongoli altro non erano che prigionieri russi dai marcati tratti orientaleggianti: calmucchi, uzbechi, georgiani, ucraini arruolati dall’esercito tedesco tra 1941 e 1942 dopo la caduta di Leningrado; essi costituivano la 162° divisione Turkestan dell’esercito tedesco.
    I ‘mongoli’ sono diventati tristemente famosi nell’ambito della storiografia contemporanea a causa dei numerosi stupri di gruppo compiuti barbaramente ai danni di donne di tutte le età: da bambine di dodici anni ad anziane di ottant’anni. Lo stupro di guerra veniva utilizzato già allora come una vera e propria arma, un mezzo di intimidazione. Le storie di queste donne che emergono da alcuni diari e testimonianze sono tremende: ragazzine costrette a subire abusi da più uomini, donne in evidente stato interessante ugualmente violate, anche alcuni uomini subirono la stessa violenza…
    Ricordano le testimonianze: «A Cornareto, madre e figlia in una stessa camera sono costrette per tutta una notte a subire le violenze di un gruppo di esseri immondi che si alternano nell’abusare delle due donne sole e indifese».
    I casi di violenza sono numerosi, si parla di più di un migliaio tra le alture delle province di Pavia, Genova, Alessandria e Piacenza, anche se ad oggi purtroppo non si hanno dati ufficiali e precisi. Eppure famosi storici come Angelo Del Boca, Giampaolo Pansa, Giulio Guderzo hanno condotto numerose ricerche in merito. Si tratta di un dramma tenuto nascosto da intere comunità, una vergogna immensa mai elaborata; tutt’oggi le persone si rifiutano di raccontare questa pagina di storia; solo dopo molte ore di intervista emergono alcuni ricordi, particolari agghiaccianti. La vergogna, il senso del pudore hanno avuto la meglio.
    Piercarlo Tosonotti, all’epoca dei fatti un giovinetto, mi racconta le reazioni “morali” della gente di Cabella Ligure dinnanzi alle giovani stuprate: «Erano altri tempi, c’era la morale: la colpa era quasi sempre della donna che non si era nascosta bene…Una donna giovane che aveva subito violenza dai mongoli non trovava marito, la gente allora diceva:- L’han manezzä i munguli chi sün marsî».
    Le donne abusate vengono etichettate come “mongolate” così come nel basso Lazio erano state chiamate “marocchinate”; ma questa è tutta un’altra storia…
    Eppure gli stupratori non erano solo ‘soldati dello stupro’. Il signor Tosonotti ricorda di aver sentito chiaramente un soldato vestito, oserei dire mascherato da mongolo, parlare con spiccato accento dialettale italiano; chissà quanti connazionali e tedeschi si sono macchiati delle stesse colpe. Numerosi i partigiani ed i parroci che hanno scritto nelle loro memorie riguardo questi eventi; questi ultimi spesso nascondevano in canonica le ragazze del paese terrorizzate e cercavano senza troppa fortuna di porre un freno a queste sevizie, magari facendo da intermediari con i superiori tedeschi. Don Giovanni Grossi di Rocchetta Ligure ricorda: «Si volevano portare via le povere suore: “Voi essere mogli dei partigiani”, “No, noii essere Suore!”» Secondo molte testimonianze neppure le suore furono risparmiate.
    Questa orrenda pagina rimane ingiustamente intrisa di silenzio e vergogna, se qualcuno leggendo questo brevissimo articolo ricordasse qualche episodio o qualche racconto tramandato nel tempo potrebbe collaborare alla ricostruzione di questo passato che appartiene a tutti noi. Le ricerche in merito sono ad oggi aperte, perché la vera vergogna è dimenticare.
    Maura Bregante
    Commenta e inoltra

    PER NON DIMENTICARE
    Chi volesse tramandare piccoli o grandi resoconti di storie vissute in prima persona o raccontate dai propri cari, ci contatti:
    0185.938009 o  redazione@corfole.com


    Tratto da CORFOLE! del 10/2011, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO