EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Qui, dove non si butta via niente: le foglie diventano legacci, la carta dell'uovo di Pasqua fa da spaventapasseri e la marmellata si fa con i “rifiuti”. Ecco la ricetta.

    Mentre siamo seduti a cena suonano alla porta. E' il nostro vicino con un "cavagno" pieno di albicocche: «Prendetele voi perché ormai sono troppo mature e ...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cultura e tradizioni

    12 Dicembre 2011 | in categoria/e attualita

    Il Natale genovese: quando a "Denâ" si addobbavano "l'aufoeggiu" o "l'armun"

    Il Natale genovese: quando a

    E’ innegabile la derivazione nordica dell’albero di Natale: le grandi foreste dei paesi settentrionali sono senz’altro l’origine del tradizionale abete che decoriamo per le feste natalizie. Ma a Genova, nel suo entroterra e sulle riviere, già nel XVIII secolo, e quindi ben prima della diffusione dell’abete natalizio, le famiglie usavano preparare per Natale un ramo d’alloro, addobbato con piccoli doni e ornamenti.
    Ci si procurava un grande ramo di alloro, in dialetto aufoeggiu, possibilmente u çimello cioè la cima dell’albero. Questa specie non soffre alcuna potatura e tagliandolo nella parte superiore ricresce ancora più rigoglioso. La pianta era ben collocata in un grande vaso ricolmo di terra, magari rifasciato con la carta blu del Pandöçe (n.d.r trovate la ricetta, i riti e le tradizioni sul CORFOLINO!). In alcune località dell’entroterra anziché l’alloro poteva essere utilizzato il ginepro, o anche il corbezzolo, “armun” e, se conservava ancora alcune bacche, queste potevano servire benissimo come decorazioni. Soprattutto in città era comunque più diffuso l’alloro; lo usavano anche i negozianti, in particolare i macellai ed i rosticcieri che durante le feste ne collocavano uno o due grandi rami sulla porta o sulla vetrina.
    Il ramo, posto in casa, veniva poi adornato di tante piccole cose, a cominciare dai "maccheroni", la pasta di Natale da farsi in brodo (n.d.r trovate la ricetta e le tradizioni sul CORFOLINO!), legati ai suoi rami con nastri rossi e bianchi, i colori di Genova. Poi i mandarini, i fichi secchi, torroncini, dolciumi colorati ed alla fine tanti fiocchi di cotone per simulare la neve. Era questo il modo col quale i genovesi si preparavano al Natale, chiamato anticamente “Denâ” cioè il Die Natalis. L'alloro è una pianta che fin dalla mitologia greca ha avuto molteplici significati simbolici ed in particolare la tradizione cristiana ha visto nell'alloro sempre-verde il simbolo della vita eterna. Già nella Repubblica di Genova il suo ramo era simbolo beneaugurante e l'augurio che l'Abate del Popolo rivolgeva annualmente al Doge in occasione del Natale era appunto accompagnato dal "confeugu", il ceppo fronzuto di alloro, bruciato davanti al Palazzo Ducale.
    C’è chi porta avanti queste tradizioni
    A Bogliasco abbiamo trovato il sig. Andrea Carbone, classe 1925, che tutt’oggi si procura il çimello d’alloro e prepara in casa un semplice alberello che gli fa rivivere il clima dei suoi Natali da bambino, trascorsi in casa dei nonni con tutti i parenti riuniti. Quando in tavola si portava il pandolce, fatto ovviamente secondo gli antichi crismi e ornato da un ramoscello di alloro; ed allora il più anziano di casa faceva alzare tutti i commensali e, al taglio della prima fetta, recitava:
    Che u Segnû u ne dagghe
    à sò santa benedissiun,
    che ghe seggimu tutti un atr'annu
    in grassia de Diu
    con ciù dinnæ e meno peccæ.
    A questo punto tutti si segnavano e si poteva distribuire il pandolce, avendo cura di tenerne una porzione per il primo povero che nei giorni successivi avrebbe bussato alla porta. Andrea Carbone è un po’ la memoria storica di Bogliasco perché ha saputo conservare, assieme alla sorella Luisa da pochi anni scomparsa, quell’antico patrimonio di cultura, storia, religione che appartiene al paese. Ricorda le tradizioni perché continua ad attuarle, e, rinnovandole, riempie la sua vita e quella di chi gli è vicino.
    Pier Luigi Gardella



    Fonte: Pier Luigi Gardella © Riproduzione vietata


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO