EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    L'AIUOLA - I cri cri della zia (la condivisione è una cosa dolce). Più ricetta!

    Questo mese utilizzerò questo spazio senza goliardate, invettive politiche o letterine a Babbo Natale: vi rifilerò due buoni propositi e un piccolo rega...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    01 Gennaio 2008 | in categoria/e attualita

    Bellacoopia, piccoli imprenditori crescono: selezionate sei scuole

    Bellacoopia, piccoli imprenditori crescono: selezionate sei scuole

    Torna il concorso che premia le iniziative imprenditoriali in forma cooperativa degli studenti. Selezionate sei scuole liguri: i loro progetti spaziano dalla produzione di un olio a marchio a quella di un “beauty village”, passando per le nuove tecnologie e la sostenibilità ambientale
    Istituto Agrario “B. Marsano” di Genova, Istituto “Einaudi-Casaregis-Galilei” di Genova, Istituto Nautico “San Giorgio” di Genova, Istituto C.F.P. Villaggio del Ragazzo di San Salvatore di Cogorno, Istituto “Rosselli” di Genova, Istituto “G.Natta” di Sestri Levante. Sono le scuole vincitrici del concorso Bellacoopia, progetto di educazione cooperativa che Legacoop Liguria, Coop Liguria e Fondazione Coopsette, in collaborazione con Cir e Coopservice, hanno promosso e rivolto alle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Genova dopo il successo della scorsa edizione.
    Il concorso invita a individuare la forma d'impresa e l'attività professionale che gli studenti vorrebbero svolgere come lavoro. Le sei imprese in forma cooperativa progettate dai giovani delle scuole liguri sono state selezionate per i loro caratteri innovativi e curiosi, ma anche per la loro capacità di esaltare gli aspetti di mutualità, socialità e solidarietà. Le classi saranno premiate con 1.000 euro ciascuna e messe in condizioni di realizzare le loro idee attraverso iniziative di tutoraggio e supporto. Ecco le sei scuole vincitrici e le cooperative che hanno ideato:
    1. Istituto B. Marsano – 4A con il progetto “Oliveto segreto” per la creazione di una cooperativa per la produzione di un olio a marchio.
    2. Istituto Einaudi – Casaregis – Galilei 3A ERICA con il progetto “Genova for the Children” per la creazione di una cooperativa che promuova attività di integrazione culturale con attenzione all’infanzia
    3. Istituto Nautico San Giorgio – 5C e 4C2 con il progetto “Cooperativa nell’ambito della vendita ed assistenza mediante contratti di rappresentanza di macchinari ed impianti e strutture nel settore navale”
    4. Istituto C.F.P. Villaggio del Ragazzo III anno area professionale estetica con il progetto “Beauty village”, ovvero una cooperativa che riguarda il mondo dell’estetica con la possibilità di creare un centro benessere
    5. Istituto C. Rosselli IV A MERCURIO – con il progetto “Web Publishing” per la creazione di una cooperativa atta a svolgere servizi inerenti la creazione di siti internet che pubblicizzano l’attività svolta dai clienti
    6. Istituto G. Natta – IV periti meccanici ed elettrotecnici con il progetto “A scuola di sostenibilità” per la creazione di una cooperativa che si propone di sviluppare la sensibilizzazione e fornire la consulenza ai cittadini del territorio riguardo alle diverse forme di approvvigionamento energetico (fotovoltaico, solare, ecc.)


    Le classi selezionate verranno seguite da un animatore e da un tutor, che li supporteranno nello sviluppo del progetto. A questo scopo sono previsti “pacchetti” di 14/16 ore di intervento per classe preceduti da incontri preliminari con gli insegnanti. Le classi avranno a disposizione materiale didattico utile alla realizzazione del progetto e potranno usufruire dell’intervento di esperti messi a disposizione da Legacoop.


    I lavori cominceranno a dicembre con un incontro su storia e valori cooperativi; seguiranno altri sette incontri che accompagneranno i ragazzi alla costituzione della loro cooperativa. La simulazione prevede momenti che caratterizzano la nascita di ogni cooperativa, quali: analisi dei bisogni e delle risorse, indagine di mercato per rilevare la concorrenza già presente sul territorio, ricerca di informazioni in merito al know-how che può essere trasmesso da un esperto del settore, stesura del piano economico e ovviamente le elezioni del Consiglio di Amministrazione, redazione dell’atto costitutivo e dello statuto.


    L'articolata iniziativa che il sistema della cooperazione realizza in collaborazione con le Autorità Scolastiche, ha lo scopo di stimolare nei giovani studenti creatività e responsabilità nella scelta dell'attività lavorativa, sviluppando una cultura di impresa solidale ed etica. Ma per arrivare a ciò è necessario utilizzare una metodologia partecipata che renda i ragazzi soggetti attivi, protagonisti del progetto da loro stessi individuato come utile al gruppo e al territorio. Cardine metodologico del progetto Bellacoopia è la didattica dell’ “imparare facendo”, lavorando per progetti. “Agendo” all’interno di un progetto, non si impara solo quello su cui si sta lavorando, ma si mette in moto una serie di competenze settoriali e trasversali, che nascendo da un contesto sperimentale, trasformano il “saper fare” in una situazione specifica in “sapere” applicabile a contesti diversi. Si affermano anche nuove esperienze comunicative, di collaborazione e cooperazione, introducendo una pluralità di luoghi di lavoro e di esperienze anche uscendo dall’aula scolastica. Tutta l’attività della classe viene documentata attraverso lo strumento del diario di bordo.


    Parlare di cooperazione ai ragazzi è importante anche perché, nell’immaginario giovanile - anche in regioni in cui si inciampa ad ogni dove in una cooperativa piccola o grande - la cooperazione non è una forma imprenditoriale conosciuta, e se è conosciuta, spesso se ne ha una percezione di marginalità. In realtà oggi sono più di 60mila le società cooperative attive in Italia.


    Tra privatizzazioni spinte e abbandono di settori sempre più ampi del welfare, crescono nella nostra società bisogni che lo Stato ha rinunciato a soddisfare direttamente. Difficilmente questi bisogni attraggono imprenditori non cooperativi perché non vi intravedono possibilità di cospicui guadagni. La formula cooperativa può effettivamente oggi essere una risposta non solo a pressanti necessità sociali, ma anche alle aspirazioni dei giovani di trovare una collocazione dignitosa in un settore all’interno del quale ci si possa sentire in qualche misura protagonisti.


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO