EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Altro che luna di miele... impara a farlo! La chiamano ‘ape maia' e vi spiega tutto sulle api e il loro nettare

    Nel quartiere di Ri basso la chiamano Ape Maia. Lei è Elisabetta Gorlero e coltiva l’amore per le api: un mondo tanto affascinante quanto ricco di segreti e lei, con grande trasporto, off...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cultura

    01 Dicembre 2008 | in categoria/e cultura

    Barbagelata: una chiesa unica e la fiaccolata sulla neve

    Barbagelata: una chiesa unica e la fiaccolata sulla neve

    Ci sarebbe da scrivere un libro su Barbagelata, se non fosse che Andrea Masilio Cavagnaro lo ha già fatto, con un racconto preciso ed appassionato sulla Parrocchia più alta della Liguria: quota 1115 m. s.l.m., sul crinale spartiacque Trebbia-Aveto-Fontanabuona, da sempre nodo cruciale d’obbligo di importante collegamento delle vallate con il Tigullio. Il paese alpestre era formato da una decina di nuclei familiari che avevano come punto di riferimento la chiesa e la secolare osteria, l’attuale Ristorante “Da U Cristoforo”. Ora resta un paese vivo in estate con tante famiglie in villeggiatura e da giovani che si ritirano per dei campi estivi, mentre d’inverno è quasi completamente disabitato, ad eccezione della località Costafinale dove vivono alcune persone. Di Barbagelata, che altro non è che una singolare “isola amministrativa” del Comune di Lorsica, oltre a Costafinale, fanno parte in un vallone scosceso Pian della Chiesa e Scorticata, quest’ultima abitata, mentre Cornale e Santa Brilla annesse alla frazione ed ormai disabitate sono un’altra isola amministrativa del Comune di Moconesi.
    Un posto incantevole, Barbagelata, ma allo stesso tempo freddo come il nome che porta, la vita strettamente legata al clima ed alla chiesa, anzi alle chiese. Infatti, a “Barba” ci sono ben due edifici di culto: la vecchia, intitolata a San Giuseppe ed ormai sconsacrata, di cui restano solo i muri ed un tetto in ardesia da qualche anno ristrutturato, e la “nuova” chiesa intitolata a N.S. Regina del Creato. Un autentico capolavoro d’arte moderna povera, opera di Padre Costantino Ruggeri, scomparso esattamente un anno fa, che ha realizzato uno scrigno in legno immerso in un incantevole paesaggio che sembra dominare il mondo intero a due passi dal mare. …Quanto ci ha pensato il compianto Rettore Don Agostino Delle Piane nelle gelide notti d’inverno a come strutturare quello che ne è diventato un simbolo, non solo della frazione, ma dell’intera Fontanabuona. Una chiesa alpestre a forma di tenda, con tanti simboli della fede cristiana, una grande croce realizzata con il legno delle vecchie cascine, una lunga vetrata aperta all’arco delle montagne ed un soffitto realizzato con tanti pezzi in legno. La mensa è un semplice ma massiccio blocco di legno, ma il tabernacolo è il fulcro del tempio, un’autentica madia per il pane. Resta da completare purtroppo il fonte battesimale, ideato all’ingresso, la cui connotazione anch’essa è simbolica, come si usava nei tempi passati: con sette gradini a scendere (a significare i sette peccati capitali) e l’acqua Santa che purifica coloro che sarebbero stati immersi.
    Questa Comunità sembrava ormai dimenticata, da quando, per volere del Vescovo Mons. Alberto Tanasini, da due anni circa, ha un nuovo Parroco Don Stefano Mazzini che essendo già Pastore di altre tre Comunità della Fontanabuona (Pianezza, Coreglia Ligure e Soglio) riesce a curare meglio l’attività pur limitata della piccola comunità di Barbagelata, probabilmente la più piccola come numero di abitanti effettivi della Diocesi di Chiavari. A dare aiuto a Don Stefano c’è un altro giovane Sacerdote, Don Daniele Beronio già Vicario di Cicagna e Parroco di Orero e Canevale; il Vescovo ha dato compito di fare delle strutture parrocchiali di Barbagelata un centro pastorale per tutte le Comunità del Vicariato della Fontanabuona e per la Diocesi tutta. Infatti, nel periodo estivo le strutture parrocchiali, rimesse in funzione ospitano decine e decine di gruppi di ragazzi e giovani che si ritirano in campi di preghiera, meditazione e gioco, utilizzando anche il rifugio escursionistico del Comune di Lorsica che può ospitare una dozzina di posti letto. A Barbagelata ha ripreso a funzionare da qualche tempo anche il bar ristorante e da poco più di un anno è in funzione, nel periodo estivo in particolare, il rifugio sul monte Caucaso, gestito da due abitanti della frazione, facilmente accessibile con un’ora circa di cammino molto facile e accessibile.
    L’obiettivo del Vescovo Mons. Tanasini e dei Parroci è di ristrutturare la vecchia canonica e successivamente la vecchia chiesa di San Giuseppe in modo da sfruttare anche queste strutture attualmente inutilizzate per l’aggregazione di numerosi giovani e famiglie. Tutto questo è un auspicio per il compianto sacerdote scomparso nel marzo del 1989 Don Agostino Dellepiane, che vede dal cielo dopo anni, riprendere quel suo grande sogno di far rivivere la Comunità di Barbagelata nel modo saggio di far conoscere Cristo mostrando, attraverso la chiesa, gli straordinari doni della natura che la circonda creati da Dio. Per tutto questo c’è bisogno dell’aiuto di tante persone che con generosità diano un’offerta per realizzare questo sogno che sarà un polmone anche per la crescita di centinaia di giovani.


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Altro che luna di miele... impara a farlo! La chiamano ‘ape maia' e vi spiega tutto sulle api e il loro nettare

      Nel quartiere di Ri basso la chiamano Ape Maia. Lei è Elisabetta Gorlero e coltiva l’amore per le api: un mondo tanto affascinante quanto ricco di segreti e lei, con grande trasporto, off...

      DICIAMOCELO