EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO causa cessazione attività...
    • VENDO vendo chicco 360° seggiol...
    • REGALO nuova enciclopedia illust...
    • VENDO lampadario x soggiorno pr...
    • VENDO cassetta / valigetta in m...
    • IMMOBILIARE cerco garage/magazzino pe...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Basta bastoncini: con "Il pesce dimenticato" riscopriamo il bonito, il sugarello, il potassolo, la cavalla, la boga, la palamita e i lanzardi

    Ri-imparare a conoscere il pesce, la sua provenienza, la freschezza, i tempi e i modi di cottura, ma ancor più ricominciare a riconoscere anche le varietà meno pregiate e note, ma spesso...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    edizione cartacea, storia locale

    di Vittorio Rosasco | 01 Febbraio 2009 | in categoria/e cultura edizione cartacea storia locale

    RANGHINELLI - I miei scolari persi, per sempre nel mio cuore

    RANGHINELLI - I miei scolari persi, per sempre nel mio cuore

    Nel periodo natalizio ho ricevuto tante manifestazioni d’affetto, incontri, scritti, telefonate, ho rivisto ex alunni che non vedevo da anni, mettendo a repentaglio il mio…vecchio cuore. Ringrazio tutti. Mi sono nell’occasione venuti in mente i tanti, troppi alunni che ci hanno lasciati, giovani e giovanissimi e vorrei ricordarli ai compagni che hanno condiviso l’impegno, le ricerche, le conquiste, i giochi, i giorni sereni ed allegri e a quanti hanno loro voluto bene, raccontando fatti, caratteri e circostanze. Si potrà pensare che rievocandoli si rinnoverà il dolore sopito, ritengo invece che sia un ideale affettuoso abbraccio tra loro e noi.
    Nel 1958 l’Ispettore Scolastico Decimo Galardi mi convocò per affidarmi un incarico “difficile ma soddisfacente” sono sue parole. Si trattava di insegnare nella Postelementare, una classe assolutamente nuova, senza precedenti, con alunni provenienti da molti paesi dell’alta Fontanabuona che, ottenuta la licenza elementare anche da tempo, non avevano proseguito negli studi pur essendo nell’obbligo scolastico. Ragazzi dai 12 ai 15 anni, di livello culturale molto diverso: alcuni intelligenti e svegli, altri assai deficitari non per colpa loro.
    Feci resistenza soprattutto perché mi spiaceva lasciare i miei alunni di Neirone ma poi cedetti per l’insistenza dell’Ispettore e perchè la sfida mi attraeva. Non c’erano programmi, tutto era lasciato all’iniziativa dell’insegnante. Fu un anno bellissimo anche se faticoso: il lavoro doveva essere molto individualizzato.
    Facemmo ricerche, molta grammatica, molta lettura, ritornammo allo studio delle tabelline e delle regole di geometria, abbiamo sperimentato la lettura e il commento dei racconti mensili del tanto vituperato libro “Cuore” constatando che i ragazzi si commuovevano, facevano osservazioni profonde e acute, rilevavano i valori veri, le virtù eroiche, il coraggio (certamente meglio dei moderni bullismi e delle imbrattature di muri e monumenti). Tentammo anche esercizi di calligrafia e ci dedicammo anche ad attività pratiche come curare l’orto (ricordo le belle fave, i piselli e l’insalata che regalavamo all’asilo infantile). Allevammo persino una piccola nidiata di pulcini. Era, insomma, una fucina di attività varie. Quando ebbi, senza preavviso, la visita del Provveditore agli Studi, dell’Ispettore Scolastico e del Direttore didattico (chi interrogava di italiano, storia, geografia, scienze, chi di aritmetica, chi guardava i quaderni!) venne riconosciuto, niente miracoli per carità, ma il buon livello raggiunto che dedussi anche dal lusinghiero verbale di visita e gratificato, a fine anno, di un sostanzioso premio.
    In questo contesto tra gli alunni più grandi c’era Uberto Capestro, proveniente da Tasso di Lumarzo i cui occhi esprimevano da soli la gioia e la volontà di apprendere. Terminata la scuola lo incontrai una sola volta e dopo esserci salutati cordialmente e aver parlato del più e del meno si accomiatò dicendomi: “Maestro, devo dirle una cosa: per me l’anno di scuola è stato il più bello della mia vita. Lei è stato l’unico che mi ha veramente capito...” Poco tempo dopo ricevetti la notizia che era mancato. Mi sentii morire. Rosasco Celestino di Neirone era uno dei ragazzi più buoni e sensibili che io ricordi. Quando ci si incontrava, abbastanza frequentemente, chiacchieravamo cordialmente. Una volta lo vidi, scuro in volto, visibilmente sofferente ed io, come al solito quando c’era da stemperare la tensione dissi: “Che è successo, ti è morto il gatto?“Abbozzò un sorriso e mi confidò, come si confida ad un amico, una cocente delusione d’amore. Non ero la persona più adatta in simili circostanze ma cercai di consolarlo.
    Non ne parlammo mai più e nei nostri incontri si parlava soprattutto di religione, di fede, di dubbi e di certezze.
    Si sposò, ebbe dei figli ma un destino crudele ce lo portò via, giovanissimo. Anche Orietta Schiappacasse di Neirone era giovanissima, brillante, piena di vita, da poco aveva coronato il suo sogno d’amore. La sua scomparsa lasciò un’intera vallata, e non solo, nello sconforto più totale. Questi fatti, senza voler sindacare gli imperscrutabili disegni del destino, sono difficile da accettare e obbligano a delle riflessioni. Come il periodo che attraversai nel 1974: senza sapere come e perché, fui colpito da una grave forma di depressione.
    Neanche la montagna che per me era sempre stata il toccasana alla fatica e allo stress, con i suoi paesaggi, i boschi, i funghi, i fiori, riuscì a mitigare quello stato così pesante. Solo chi ha provato può capire, avevo solo il desiderio di annientamento.
    Si avvicinava l’inizio dell’anno scolastico e i medici consultati avevano idee opposte: chi diceva che lo stress della scuola avrebbe peggiorato la condizione, chi invece riteneva che il lavoro con i bambini mi avrebbe giovato. Decisi per la seconda soluzione. Non fu facile, e se riuscii a superare la malattia senza avere più ricadute (almeno due volte ho visto per altre cause…la “porticina”) lo devo certo alla forza di volontà, certo ai bravi medici, certo alla famiglia, ma certamente a quei ragazzi meravigliosi! Tra questi c’era Giancarlo Rossi, silenzioso e timido e Agostino Bacigalupo, intelligentissimo, un po’ il capoclasse anche se non ufficiale. Qualche volta, dopo una notte insonne, poggiavo la testa per qualche minuto sulla cattedra e sentivo Agostino che diceva: ”Sssss, il maestro riposa!”. Non lo posso dimenticare!
    Ebbero entrambi un destino crudele. Quando guido la macchina normalmente sto molto attento e non mi lascio distrarre dai manifesti, ma un giorno andando verso Chiavari, l’occhio si posò di sfuggita su di un manifesto funebre e mi parve di leggere un nome conosciuto. Volli accertarmi e purtroppo era vero, Ornella Corsiglia era stata tumulata una settimana prima.
    La ricordo bimba generosa, sempre pronta ad aiutare tutti. Nel museo Etnografico ci sono tanti oggetti col suo nome perché era una delle più attive amiche del Museo. Seppi poi che si era dedicata alla famiglia, facendo le veci della mamma perduta alla nonna ultracentenaria, ai fratelli. Non si può non ricordarla insieme a Sergio e Giovanni Basso, Elio De Barbieri e tutti gli altri con affetto infinito.


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - SERVITU' E DIRITTO DI PANORAMA

      All’interno del nostro ordinamento non è presente un espresso riferimento al “diritto di panorama”, solo nel corso degli anni la dottrina e la giurisprudenza hanno fissato alcuni principi generali in materia. Il panorama costituisce un pregio, una qualità sicuramente positiva, che in maniera più o meno importante aumenta il valore di un appartamento anche ris...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...