EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Ricetta delle feste - Il tacchino ripieno

    Per 4 persone: una tacchinella baby di circa 2,5 kg, 200gr di salsiccia di maiale, 2 fette di lardo, 100gr id burro 500gr castagne arrosto, 2 prugne secche, 2 grosse mele, 1/2 bicchiere di vino bianco...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea, letture, sport

    di Cristina Parente | 01 Luglio 2010 | in categoria/e edizione cartacea letture sport

    GABRIELE: MERCENARIO PER GIOCO, velista per Vocazione, ORA SCRITTORE DI RICORDI

    Una vita intensa e burrascosa come il mare che ha spesso attraversato
    GABRIELE: MERCENARIO PER GIOCO, velista per Vocazione, ORA SCRITTORE DI RICORDI

    Non è semplice fare domande a Gabriele, perché è un anticonformista per natura. La fantasia lo porta a dare un titolo anche alla sua intervista che lui chiama “Il mercenario”. Difficile da comprendere dalle righe che si susseguono come in un racconto, ma al centro del foglio, come nel bel mezzo di un romanzo, o nel pieno di un viaggio per mare, si intuisce la trama, e il motivo di quel titolo. Gabriele Costa nasce a Camogli il 30 agosto 1944, frequenta l’Istituto Nautico, con la vocazione del marinaio, o magari del capitano, ma il suo sogno non si realizza, almeno non come lui avrebbe voluto, poiché i genitori, molto apprensivi, non vogliono che salpi gettando l’àncora per chissà quanto tempo, lontano da casa. S’impiega nell’attività di famiglia, un negozio di ferramenta (vedi foto) che grazie a lui diventa “il più bello e attrezzato Ship Chandler della riviera, collegato a un altro negozio nel nuovo porto di Chiavari, dal nome emblematico, Capo Horn”. L’esercizio di Via Garibaldi (a Camogli) viene infatti trasformato in un vero e proprio negozio di nautica, fino a metà degli anni Ottanta, poi viene ceduto. Seguono alcuni anni difficili, in cui il nostro camoglino si assenta dal lavoro, per poi intraprendere una gamma di attività dissimili e discontinue. Gabriele lavora soprattutto come agente di commercio, pronto a deviare la rotta quando si accorge che il lavoro “non tira” e la clientela scarseggia. Dai prodotti chimici passa ai dolciumi, agli alcolici, al famosissimo aspirapolvere, vende enciclopedie, prodotti e forniture per dentisti, e poi...
    Hai fatto tanti lavori e poi finalmente skipper, ma dura poco: cos’è successo?
    Il proprietario di una bellissima barca mi ha chiesto di accompagnare lui e i suoi amici in una traversata toccando l’Isola d’Elba, la Sardegna e la Corsica, ma non ci andavo d’accordo e dopo qualche giorno li ho abbandonati. Troppo “snob” per i miei gusti semplici e genuini.
    Poi il colpo di fortuna e ti ritrovi ricco...
    Sì, in un breve arco di tempo faccio il ricco di professione, perché possiedo contemporaneamente una Jaguar XJ 42 automatica, una Fiat spider America, una barca a vela di dieci metri con sei posti letto e una meravigliosa Honda 550 CBX semicarenata. Non mi sono costate nulla.
    Perché? Chiedo incuriosita…
    Perché le avevo acquistate usate e sono riuscito a venderle dopo breve tempo, non mi potevo permettere tutti quei lussi da ricconi, infatti io ero uno finto!
    E...il mestiere più redditizio?
    Il mercenario!
    Come il mercenario?
    Tranquilla, è una vecchia battuta che avevo tirato fuori tempo fa, quando un’ingenua turista americana, incuriosita dal mio tronco intersecato da cicatrici simili al Gran Canyon, dopo le prime domande sulla causa di quelle ferite mi domandò che lavoro facevo. E io le risposi, in modo fantasiaso, il mercenario! I miei amici mi diedero corda, annuendo e confermando, così, incitato dalla curiosità della signora, continuai il mio racconto inventandomi conflitti a fuoco nelle guerre del Vietnam e del Libano, e di un marito geloso che mi aveva sparato a bruciapelo a Madrid…
    I tuoi racconti nascono quindi dalla tua fervida immaginazione?
    Diciamo che la fantasia non mi è mai mancata, non mi definisco uno scrittore, però ho avuto molti consensi da parte di lettori che hanno molto gradito i miei racconti, che ho voluto intitolare “I miei ospedali”, “Il viaggio”, “Animal stories”, in relazione alle esperienze vissute, e poi arricchiti di elementi di fantasia. Ho cercato di descrivere spesso il lato più ironico delle mie avventure e disavventure, proprio perché sono una persona aperta al sorriso e alla risata che nasce dal cuore.
    Il tema del viaggio torna anche nei tuoi racconti, di che tratta?
    La mia passione per il mare e per i viaggi via mare non è mai scemata. A 40 anni ho avuto la mia prima barca, ho imparato con l’aiuto di amici, ma fondamentalmente da autodidatta, facendo gli esami necessari per conseguire la patente. Nel racconto emerge uno dei due viaggi più spaventosi che io abbia mai fatto. Il primo è avvenuto con una grossa barca nelle Bocche di Bonifacio (vedi foto), il secondo è stato memorabile, anzi, da dimenticare.
    Ce lo racconti?
    Mi sembra fosse il 1984. Io, mia moglie e un’altra coppia siamo partiti per un viaggio sulla barca Capo Horn, di quasi 10 metri, destinazione Spagna. Abbiamo dovuto attraversare il Golfo del Leone, che si trova tra Marsiglia e il primo tratto costiero spagnolo. Le previsioni meteo erano ottime, assenza di vento, mare calmo. Quando siamo stati in prossimità del Golfo era notte, per fortuna, dico così perché ci siamo imbattuti in un mare forza 9, onde alte come palazzi, davanti e dietro di noi. L’incubo è durato 36 ore e sono stati momenti in cui la forza del mare, che in quel punto ruggisce proprio come un leone, ci rendeva impotenti, sia fisicamente che mentalmente. Addirittura ho pensato di fare “una carneficina”, con un colpo secco di rivoltella, prima le nostre mogli, poi il mio amico e me stesso, piuttosto di morire atrocemente affogati. Naturalmente non perché avessi perso il senno, ma per scegliere il male minore.
    Per te la vita non è mai calma piatta?
    Non credo proprio. Non riuscirei a vivere in modo tranquillo, anche se ci sono stati alcuni lavori che mi hanno dato soddisfazioni, pur non incorrendo in situazioni rischiose. Ad esempio quando facevo il cuoco nel ristorante di mio padre. Ero diventato bravo imparando dagli altri cuochi, i quali puntualmente, quando arrivava Pasqua se ne andavano. Il lavoro pesante li spaventava. Ho inventato anche dei piatti tipo la salsa in agrodolce per condire il pesce, i taglierini al sugo di triglie...
    Ci puoi svelare la ricetta?
    Be’, lasciatemi la prerogativa di persona fantasiosa, ma anche un po’ misteriosa, altrimenti non potrei incuriosirvi eventualmente in futuro. Un racconto diventa avvincente proprio quando si arriva a metà e si comincia a pregustare il succo della trama…




     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO