EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    ZAPPE E PC - Fondi europei, fondi regionali e sostegno all'agricoltura: come capire quale fa per noi

    Da Gennaio sono disponibili nuovi fondi per chi lavora o vorrebbe lavorare in agricoltura. Una giungla di codici e normative da rispettare, tanto che la carta bollata s...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    edizione cartacea, storia locale

    11 Aprile 2016 | in categoria/e edizione cartacea storia locale

    "Ricordo di aver mangiato l'erba dei prati, per la fame": per il nostro "Memorial Ghilarducci" la preziosa e toccante testimonianza di Anna, orfana della guerra

    "Ricordo di aver mangiato l'erba dei prati, per la fame": per il nostro "Memorial Ghilarducci" la preziosa e toccante testimonianza di Anna, orfana della guerra

    Era la primavera del 1945, l’aria era ancora fresca, ma sugli alberi incominciavano a vedersi i primi boccioli di fiori. C’era una grande casa alla fine del paese, sede di un istituto per orfani, gestito dalle suore. Una ventina di ragazzine tra i sei e i sedici anni. Io ero tra queste, avevo nove anni. Prima della guerra ci si andava soltanto nella stagione estiva, ma dopo i bombardamenti su Genova dalle navi inglesi che avevano distrutto la città e la sede cittadina dell’istituto era diventata l’unica residenza. In quel paese l’inverno era freddissimo; la temperatura scendeva anche di quindici gradi sotto lo zero. Era normale avere i “geloni” alle mani e ai piedi, non c’era riscaldamento né acqua calda. L’estate invece era bellissima, i prati erano pieni di fiori e potevamo saziarci di frutta perché i contadini ci regalavano le eccedenze, che non si potevano conservare. Nessuno aveva il frigorifero. Dalla casa rossa partiva un sentiero che portava ad una collinetta pomposamente chiamata “Monte Carlo”. Ci andavamo spesso a giocare facendo delle belle scivolate sul declivio erboso.

    A duecento metri circa dalla casa, su quel sentiero, furono giustiziati diciassette prigionieri prelevati dalle carceri di Genova.
    Ne avevano fucilati diciotto, ma uno si era salvato.


    I partigiani, in uno scontro a fuoco, avevano ucciso nove tedeschi e la loro regola era questa: per ogni tedesco ucciso due prigionieri prelevati dal carcere e uccisi. Quel piccolo paese divenne famoso proprio per quell’evento. Ogni anno, in Aprile, vengono ancora commemorati “I MARTIRI DI CRAVASCO”.
    Fino a poco tempo prima il paese era come un’oasi di tranquillità, in mezzo al conflitto, ma quando i partigiani si rifugiarono sui monti circostanti arrivarono anche i soldati tedeschi.  Li vedevamo per strada, agli incroci delle strade e dei sentieri, armati fino ai denti. Non ricordo per quanto tempo rimasero nel paese. La guerra dalla quale eravamo fuggite due anni prima, ci aveva di nuovo raggiunto. Il nemico adesso era in mezzo a noi. Anche vicino all’edificio del collegio era stato piazzato un piccolo cannone. Poco prima che arrivassero i tedeschi qualcuno aveva portato via dalle cantine tutte le provviste: farina, zucchero, uova, patate e persino delle galline vive. Le suore dicevano che erano stati i partigiani. Chiunque fosse stato, per noi seguì un anno durissimo.

    Ricordo di aver mangiato
    l’erba dei prati, per calmare
    i morsi della fame.

     
    Qualche tempo prima che venissero uccisi i diciassette partigiani, anche a noi capitò una brutta avventura che avrebbe potuto avere conseguenze terribili. Tra noi c’era una ragazzina la cui madre faceva la staffetta per i partigiani. Portava notizie e ordini dai comandanti. Le visite alla figlia erano un buon alibi. Al pianterreno della casa rossa c’era una grande stanza dove si svolgeva la maggior parte della nostra vita: mangiare, studiare, lavorare, giocare. La stanza era delimitata su due lati contigui, dai muri perimetrali dell’edificio. Gli altri due lati erano chiusi da ampie vetrate che appoggiavano su una base di legno. Durante la notte le vetrate erano oscurate da pesanti tendoni blu, appesi con anelli a bastoni di legno. Durante il giorni i tendoni erano spostati verso i relativi angoli, creando una specie di nicchia in grado di nascondere una persona accovacciata. La donna che faceva la staffetta era nascosta lì, quel giorno che i tedeschi vennero a perlustrare la nostra casa. Noi bambine facevano il girotondo, cantando filastrocche, in mezzo a quella stanza, quando nel vano della porta interna apparvero due energumeni, con tante armi addosso che dopo molti anni ho visto solo al cinema. In mezzo ai due c’era la superiora che conosceva qualche parola di lingua tedesca. La suora ci disse di salutare e ci ordinò di continuare a cantare. Obbedimmo, anche se ci tremava un po’ la voce. I due militari, forse ingannati dalla nostra apparente tranquillità se ne andarono quasi subito. Non ci saremmo salvate se avessero scoperto il nascondiglio di quella donna. Avevamo corso un bel rischio.
    Qualche giorno dopo, per scovare i partigiani, i tedeschi incendiarono tutte le case del paese, risparmiando l’edificio della scuola, la chiesa e la nostra casa. Vicino all’edificio del collegio però, stavano bruciando tre case. Noi buttammo acqua fredda a secchi, sulle persiane di legno per evitare che prendessero fuoco. C’era nell’aria una fortissima puzza di kerosene, usato con il lanciafiamme per appiccare il fuoco. La guerra stava per finire. I tedeschi se ne andarono precipitosamente, lasciando sul loro passaggio una mucchio di rovine. Il risultato delle guerre è sempre questo.
    Ho di quel periodo dei ricordi incancellabili: il muggito di terrore dei bovini che bruciavano vivi nelle stalle, il sapore di benzina delle patate, cotte sotto la cenere delle case incendiate. Mi dispiace non riuscire a ricordare il nome e il volto della donna che faceva la staffetta.

    ------------------------------------------
    HAI UNA STORIA DA RACCONTARE?
    Con il "Memorial Ghilarducci" portiamo avanti il lavoro di Eugenio, per far sì che la storia locale non vada persa.
    Se siete cresciuti coi racconti di guerra dei nonni o magari li avete vissuti di persona, se siete a conoscenza di fatti, storie curiose o ancora quelle della tradizione locale ma anche vicende recenti, inviatele a redazione@corfole.com oppure contattateci allo 0185.938009.
    Oltre alla pubblicazione, avrete un libro di Ghilarducci.
    La scrittura non è il vostro forte? Vi manderemo un nostro giornalista. 


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO