EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Altro che luna di miele... impara a farlo! La chiamano ‘ape maia' e vi spiega tutto sulle api e il loro nettare

    Nel quartiere di Ri basso la chiamano Ape Maia. Lei è Elisabetta Gorlero e coltiva l’amore per le api: un mondo tanto affascinante quanto ricco di segreti e lei, con grande trasporto, off...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    storia locale

    11 Febbraio 2024 | in categoria/e storia locale

    PARODI: e se il cognome più genovese in realtà non fosse genovese?

    PARODI: e se il cognome più genovese in realtà non fosse genovese?

    Il cognome ligure per antonomasia forse ha origini... piemontesi

    #RADICI a cura di Pier Luigi Gardella

    La documentazione reperita nei secoli sul nome va da Palude, Palodo, Palotus e Palodius per arrivare al moderno Parodi. Il cognome risalirebbe ai marchesi Parodi, vassalli della Repubblica di Genova nel XII secolo. Marchesi di Gavi e Parodi, esercitarono con i cugini Malaspina i loro diritti feudali su una vasta zona del Tortonese. Nel 1528 la famiglia fu iscritta all’Albergo della nobiltà dei Pallavicino. Oggi questo cognome appartiene a oltre 5mila famiglie italiane, delle quali quasi 4mila liguri. Poco diffuso nel levante, trova la sua maggior diffusione nei comuni a nord di Genova quali Ceranesi, Campomorone, Mele.

    Può sembrare banale occuparci di quello che è il cognome più diffuso a Genova e provincia, ma la semplicità del termine nasconde un’antica e complessa origine. Diciamo innanzitutto che il cognome proviene dal toponimo di Parodi Ligure un borgo noto per i suoi vigneti e che nonostante il nome è in provincia di Alessandria. Parodi appartiene al cosiddetto Basso Piemonte che noi genovesi preferiamo chiamare… Alta Liguria. Ma a sua volta da cosa è originato questo toponimo? Ci vengono in aiuto molteplici studiosi, a cominciare da Dante Olivieri che nel suo Dizionario di Toponomastica piemontese del 1965 lo collega al nome personale Peraudo. Ma la presenza in documenti del X e XI secolo del nome castrum Palodo, riferito al paese, la prof. Giulia Petracco Sicardi preferisce accostarlo al latino palus e al suo genitivo palorum a designare vivaio di piantoni. Già altri storici si sono rifatti a quest’ultima derivazione, ad eccezione di Silvio Pieri che nel 1898 lo collegava al greco peiros affine a piolo, tronco di legno infisso saldamente nel suolo. E, aggiungiamo noi, questi piantoni o pioli non potrebbero essere i pali dei tanti vigneti?

    Personaggi noti
    Ne accenniamo solo alcuni a cominciare dagli scultori genovesi Filippo e Domenico Parodi, padre e figlio vissuti tra il XVII e il XVIII secolo. Sempre genovese fu Emanuele Vittorio Parodi che nel 1921 fondò la celebre società Moto Guzzi. Nate ad Alessandria rispettivamente nel 1964 e nel 1972 sono Cristina e Benedetta Parodi, note giornaliste e conduttrici televisive. Andrea Parodi, nato a Porto Torres nel 1955, nel 1988 con Gigi Camedda e Gino Mariella diede origine al gruppo dei Tazenda: al Festival di Sanremo del 1991 cantarono Spunta la luna dal monte con Pierangelo Bertoli. Ma un personaggio che ha contribuito a diffondere la nostra lingua locale è stato senz’altro Piero Parodi (1935-1922), fra i principali esponenti della nuova canzone genovese. La sua “A Seiçento” del 1965 con oltre cinquecentomila copie vendute è un record per la discografia ligure.




    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Altro che luna di miele... impara a farlo! La chiamano ‘ape maia' e vi spiega tutto sulle api e il loro nettare

      Nel quartiere di Ri basso la chiamano Ape Maia. Lei è Elisabetta Gorlero e coltiva l’amore per le api: un mondo tanto affascinante quanto ricco di segreti e lei, con grande trasporto, off...

      DICIAMOCELO