EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Metti in tavola le nocciole di Chiavari: dopo decenni di abbandono riprende l'antica produzione locale, ora tutelata da un marchio (RICETTA BISCOTTI DELLA GIOIA!)

    Il forno acceso, le mani in pasta, il profumo di dolci in tutta la casa... cosa c’è di più festoso? Abbiamo pensato allora di proporvi una ricetta ...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    storia locale

    11 Febbraio 2024 | in categoria/e storia locale

    Zeneize inte schêue: come se la cavano i bambini col dialetto?

    Zeneize inte schêue: come se la cavano i bambini col dialetto?

    di Carla Berneanu

    Dopo la scomparsa di Bruno Minardi nel 2018, il "nonno" che portò il dialetto genovese nelle aule del Tigullio ma anche qui sulle nostre pagine, il cordone ombelicale lessicale che tiene unite le generazioni è passato nelle mani dell'Associazione "O Leüdo" (010 2469925 lun e giov 15:00-17:00 info@consultaligure.org) che promuove e sostiene il progetto "Zeneize inte schêue". Paolo Regati (in foto), Enrico Canale, Carmen Fava, Agnese Nocenti e Gianna Cipriani sono i volontari che stanno insegnando il dialetto nelle scuole di Casarza Ligure, Sestri Levante e Riva Trigoso e da febbraio anche in alcune scuole della Fontanabuona.




    Perchè insegnare il dialetto?
    Sono le nostre tradizioni, le nostre origini e non vanno dimenticate perché dobbiamo sapere da dove veniamo, perchè i nostri avi parlavano in un certo modo, la storia della Repubblica di Genova che è esistita per vari secoli, la nostra cucina e quant'altro ci identifichi.

    Proporre il dialetto alla generazione che sa già dal primo biberon cos’è uno smartphone, penso sia una bella sfida.
    Sì, ma sta andando bene, gli alunni mi fanno domande, sono interessati e le insegnanti collaborano.
    Il tempo a disposizione è poco, cerco di dare un’infarinatura di grammatica e scrittura, poi mi focalizzo soprattutto nella pronuncia e nei modi di dire, le piante aromatiche, gli animali, i mestieri, i parenti, i numeri e un pizzico di storia ligure.



    Il genovese parlato non è facile, ma nemmeno difficile. Ma la grammatica?
    O zeneize o l’é ciutòsto façile da parlâ e soviattutto da acapî. Scriverlo è già un pochino più difficile. Però i bambiniapprendono tutto con facilità.



    I bambini non hanno più familiarità con quella che era la lingua dei nonni; come se la cavano?
    Un tempo si andava a scuola per imparare l'italiano, oggi si cerca di far sopravvivere un po' di lingua genovese. Sicuramente chi ha genitori genovesi parte “avvantaggiato”, ma in alcuni casi, alunni stranieri riescono meglio di altri nella pronuncia.  



    Cosa la rende più orgoglioso?
    Che si ricordano. L’altro giorno alla prima lezione in terza elementare, alcuni bimbi mi hanno riconosciuto e ricordato il modo di dire “Son zeneize riso raeo, strenzu i denti e parlo ciaeo”, imparato due anni prima.

    E lei il genovese come lo ha imparato?
    Io l’ho imparato un po’ sentendo i miei genitori che parlavano tra di loro, un po’ ascoltando quei bei programmi folk che trasmettevano le radio locali come Aldebaran, Eclisse’82, Camogli Stereo e poi mi è sempre piaciuto quindi ho approfondito il tutto documentando con dizionari e libri.

    Un detto suona così “A pöco per vòtta s’è fæto Zena”. Noi speriamo che l’Associazione “O Leüdo” possa continuare il suo progetto e che, un passo per volta, il dialetto genovese possa riprendere il suo posto nel linguaggio quotidiano.




    1) "Lo so assai se il sale sarà abbastanza per salare la salsiccia": viene a volte impiegato per rispondere a domande assurde o di cui non si conosce la risposta.
    2) « Al molo nuovo, ci sono nove navi nuove, una delle nove navi nuove non vuole andare.»



    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO