EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    cultura

    13 Dicembre 2023 | in categoria/e cultura

    In nove secoli è stata demolita, incendiata e alluvionata: San Martino del Vento è la chiesa che non vuole essere dimenticata

    In nove secoli è stata demolita, incendiata e alluvionata: San Martino del Vento è la chiesa che non vuole essere dimenticata

    Un giovane del posto vuole riportarla ad essere luogo vitale
    Per Natale sono previste con visite, un presepe di gratitudine e la messa con racconti di Natale, panettone, cioccolata calda e vin brulé

    di Michela De Rosa


    Situata sul colle tra le valli dei torrenti Urri e Lavagna, è la chiesa più antica del territorio di Lumarzo Ci si arriva salendo per circa quindici minuti di auto dopo aver lasciato la Statale 225, finché si arriva all’imbocco di un sentiero dove un cartello giallo annuncia la direzione per la chiesa. Il tratto è ampio e carrabile, ma preferiamo parcheggiare l’auto e goderci la rilassante passeggiata di pochi minuti, in piano e fattibilissima da tutti, anche con passeggini. Arriviamo in una radura con al centro la chiesa, circondata da castagni. Il primo pensiero è quello di comprendere quella strana posizione, lontana da ognuno dei paesini circostanti. Da qui non si vede neanche un caseggiato e ci immaginiamo che forse c’è stata una scelta di equidistanza in modo da essere il luogo di culto per tutti. Il cerchio di alberi sembra abbracciarla per proteggerla dal vento che qui in alcuni giorni soffia potente. Regna il silenzio e c’è un’atmosfera di pace. E si percepisce un’energia antica. Come di un vulcano sotto cui arde la lava. E infatti questa chiesa ha quasi mille anni, o forse di più. Ha visto passare decine di secoli, migliaia di stagioni, generazioni e generazioni di famiglie e tantissime demolizioni e ricostruzioni, sopravvivendo imperterrita a incendi e alluvioni.

    Dopo decenni di abbandono, Daniele Balletto si impegna stoicamente e con passione a ricordare la sua storia e a riportarla in vita con l’aiuto di alcuni abitanti della zona. I suoi nonni si sono sposati in questa chiesa ed è qui che lui stesso ha ricevuto la Prima Comunione.
    A Dicembre la terrà aperta per le visite e la Messa di Mezzanotte della Vigilia sarà seguita da letture di storie di Natale e allietata da un momento conviviale con offerta di dolci, cioccolata calda e vin brulé. Inoltre ci sarà il presepe, che Daniele ha intitolato “Il miracolo del pane: omaggio al castagno”. Ed è da lui che ci facciamo raccontare un po’ di storia.

    Una chiesa antichissima
     
    Non esistono notizie certe circa l’origine della chiesa di San Martino del Vento, tuttavia una tradizione orale ne fa risalire la fondazione addirittura al lontano V secolo (4oo-500 d. C.). Ma pensare alla costruzione di una chiesa cristiana qui, solo quattrocento anni dopo la nascita di Cristo sembra decisamente azzardato. Di certo è antichissima: infatti, in una serie di documenti datati dal 1146 al 1387 si fa menzione di una ecclesia Sancti Martini de Stoblelle (o Stubuele o Stubuelo) che precisi riferimenti geografici riconducono proprio qui. Ma già sul finire del Trecento la chiesa versava in uno stato di grave degrado, tanto da essere abbattuta e sostituita.
    La struttura attuale è il frutto di una ricostruzione ex novo iniziata entro il 1479. Questo si è scoperto grazie al ritrovamento della lapide in ardesia, attualmente visibile appena entrati in chiesa (sulla parete destra).


    Molto deteriorata dalle ingiurie del tempo e dell’incendio, vi è rappresentato San Martino a cavallo (ormai del tutto illeggibile) in un ampio paesaggio e reca la data MCCCCLXXVIIII (1479). E’ rimasta collocata sopra alla porta fino al restauro del 1911, quando venne sostituita dalla copia in marmo tuttora visibile e solo in parte fedele all’originale.



    Al nucleo più risalente, che corrisponde alla navata centrale fino all’innesto col presbiterio (è, questo, l’hoc opus cui fa riferimento la lapide), hanno fatto via via seguito: l’erezione del campanile (primi anni del 1500), che ha obliterato un piccolo campanile a vela; l’addizione della navata laterale sinistra, del presbiterio e forse anche della cripta (prima metà del 1600); l’apertura della cappella della Madonna del Carmine (1667-1668, data certa); la costruzione della sagrestia (primi anni del 1700 secolo). Nel corso del 1800 i documenti dell’archivio parrocchiale riferiscono di come la chiesa abbisognasse di alcuni interventi urgenti giacché spesso vi pioveva dentro. Ma solo nel Novecento vengono avviate due importanti restauri: quella già citata del 1911 e una seconda nel 1954, meglio documentata in quanto eseguita accedendo agli stanziamenti statali per far fronte ai danni dell’alluvione del ’51.


    L’incendio doloso

    Si arriva alla notte tra il 9 e il 10 giugno del 2000 quando un incendio di natura dolosa causa il collasso del tetto e la perdita di tutti gli arredi antichi superstiti. L’allora sindaco di Lumarzo, Silvio Lercari, ebbe una brillante idea, ossia di rifare la copertura a capriate lignee reimpiegando i travi in castagno nostrano smantellata dalla ex scuola durante i lavori per trasformarla in residenza protetta per anziani.

     

     

    A seguito delle numerose manomissioni, l’interno oggi si presenta essenziale ed austero. Tuttavia, il presbiterio lascia intravvedere uno scorcio di storia: il soffitto è in muratura voltato a botte e decorato con un affresco della metà del 1900 raffigurante l’elemosina di San Martino.


    Il distacco di ampie porzioni di intonaco lascia intravedere, al di sotto del moderno affresco, i segni di un intervento decorativo sicuramente anteriore
    (angeli su fondo azzurro, il simbolo dell’evangelista Luca) ma di non facile datazione. Sul fianco destro del presbiterio si trovano due altari tardo-secenteschi. Sfortunatamente in quell’incendio sono andati distrutti un crocifisso ligneo, un pregevole confessionale e uno stendardo processionale dipinto su entrambi i lati. Distrutti dal fuoco anche tutti gli arredi, tranne due panche antiche in castagno salvate per.. mancanza di spazio. Erano infatti state messe per esubero nel magazzino della scuola: oggi sono nella prima fila, seguite da quelle nuove costruite seguendo la loro forma.  


    Dall’incendio si è salvato ed è tuttora visibile il fonte battesimale cinquecentesco, di bella e armoniosa fattura, realizzato in marmo secondo le prescrizioni di mons. Francesco Bossi dopo la visita pastorale del 1582.

    Il presepe per dire grazie al castagno

    Daniele ci racconta che “L’idea di dedicare il presepe al castagno è nata mentre leggevo alcuni documenti del Sei e del Settecento relativi a San Martino del Vento da cui emerge chiaramente il profilo di una civiltà fondata sul castagno ben più remota di quella che conoscevo attraverso i racconti dei miei nonni. Il castagno, si sa, è stato fondamentale per l’economia delle comunità appenniniche: ha dato cibo, legname, legna e carbone a generazioni di uomini, dal Medioevo fino agli anni dell’industrializzazione. Il presepe vuole essere un segno di gratitudine verso questo albero generoso. Inoltre vuole stimolare una riflessione sull’intervento dell’uomo in senso costruttivo e sostenibile: i castagneti non esistono in natura, eppure diventano luoghi che letteralmente esplodono di vita, sia sopra il suolo (dove alberi, piccoli arbusti, muschi e licheni creano l’habitat di numerose specie animali, da insetti a uccelli fino ai micro e macro mammiferi), sia – e forse ancor più – sottoterra, dove avvengono processi silenziosi e ancora misteriosi, come l’interazione dei funghi con le radici degli alberi, o dove, per scendere ancora più in basso, si svolge l’esistenza invisibile di miliardi e miliardi di batteri, tra cui quelli responsabili del ben noto odore di pioggia. Insomma, un presepe a cavallo tra passato e presente: da una parte, la memoria di stili di vita superati dal benessere, dall’altra l’attenzione all’equilibrio tra uomo e natura”.

     

    Giorni di visita
    Dal 12 dicembre al 13 gennaio: il martedì h15.30-18.00 e il sabato h 9.30-12.00. Sarà visitabile anche il presepe “Il miracolo del pane: omaggio al castagno”, inserito fuori concorso nella rassegna Presepi in Fontanabuona.

    Messa di Mezzanotte
    Sarà preceduta da spiegazione del presepe e da alcune letture tratte dal libro di Lidia Gardella e Paola Giunco “Il Natale sul filo della memoria”. Al termine, scambio di auguri con pandolce genovese, panettone, cioccolata calda e vin brulé.

    Contatti
    Daniele Balletto 349.3924956
    Lidia Gardella 329.2134478
    Paola Giunco 349.2916215


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Luciano Berlingeri:

    Bel articolo e notizia molto interessante, lodevole iniziativa di Balletto, mi piacerebbe esserci alla Messa del 24 Dicembre a mezzanotte.


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO