EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • REGALO regalo tips dual form, 10...
    • VENDO vendo mobili camera class...
    • VENDO vendo triciclo vintage (m...
    • REGALO 4 gattini nati il 31 marz...
    • VENDO vendo paiolo in rame con ...
    • VENDO camera a ponte tinta noce...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Ricetta afrodisiaca.. pollo 'dolceforte' al cioccolato

    Ingredienti: 1 l. brodo di pollo, 3 cucchiaini da te’ cacao amaro, 2 cucchiaini da te’ cannella, 1 cipolla, 2 cucchiaini da te’ concentrato di pomodoro, 4 cucchiai da tavola farin...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    home

    13 Aprile 2023

    Basilica dei Fieschi, è più di quel che sembra (ha più di 1000 anni e fu anche "vetrina" dei prodotti locali)

    Basilica dei Fieschi, è più di quel che sembra (ha più di 1000 anni e fu anche "vetrina" dei prodotti locali)

    di Michela De Rosa

    Con 51.443 voti al censimento del FAI, è stata eletta “Luogo del Cuore” della Liguria 2023

    Fu costruita in ardesia a rappresentare il potere e i possedimenti della famiglia che ha avuto anche due papi, tra cui quello che ha scomunicato un Imperatore. Per la sua importanza, vi sono stati custoditi anche frammenti della croce di Cristo e da 800 anni resiste in uno dei borghi medievali meglio conservati. Siamo tornati a vistarla in occasione delle giornate FAI di Primavera rendendoci conto di quanto sia sottostimata l’importanza di questo complesso monumentale secolare. Per capirla ripercorriamo pochi ma incisivi elementi che abbiamo reperito da varie fonti storiche.

    Inno al potere dei Fieschi...

    Dei Fieschi abbiamo le prime notizie certe nel periodo intorno all’anno 1000, quando la famiglia dominava il territorio da Rapallo a Moneglia, a Borzone e Varese Ligure, l’intera vallata della Fontanabuona e buona parte della val d’Aveto. Un tempo il mare arrivava più vicino e infatti il ponte della Maddalena si chiamava Ponte del Mare.
    I ponti erano determinanti per lo sviluppo di un regno ma erano molto costosi, per questo erano simboli di potere, tanto che Pontefice ha origine nel termine Pontifex, dal latino pontis facĕre, a indicare colui che curava la costruzione del ponte sul Tevere, poi translato per indicare colui che funge da ponte fra Dio e gli uomini. Possiamo quindi immaginare il potere conquistato dalla famiglia Fieschi quando nel 1243 Sinibaldo venne eletto papa con il nome di Innocenzo IV.



    Sinibaldo Fieschi dei conti di Lavagna (Manarola, 1195 circa – Napoli, 7 1254), con il nome di Innocenzo IV è stato il 180º papa della Chiesa cattolica dal 1243 alla sua morte. Fu eletto all’unanimità, grazie anche all’avallo di Federico II, fiducioso che il nuovo papa fosse più arrendevole alle sue mire espansionistiche. Ma si sbagliò, anzi proprio per queste mire il papa lo scomunicò. Il nipote di Sinibaldo, Ottobono Fieschi (Genova, 1205 circa – Viterbo, 1276), è stato il 186º papa col nome di Adriano V.

    Ma l’imperatore Federico II non tollerava il crescente potere dei Fieschi e per ribadire “chi comandava” mise a ferro e fuoco la contea, fece saccheggiare i possedimenti a San Salvatore, devastare il ponte del mare sull’Entella e incendiare Lavagna.
    In tutta risposta, papa Innocenzo IV partito per il concilio di Lione, adoperò un’altra forma di potere e lanciò la scomunica all’Imperatore. Non solo, su quelle rovine di San Salvatore avviò la costruzione della basilica dei Fieschi, che ha un altro significato oltre a quello religioso: Basilica deriva infatti dal latino basileuz, che vuol dire imperatore, ed era sotto la diretta autorità del papa.
    I lavori ebbero inizio nell’anno stesso, 1245, e alla basilica furono concessi importanti privilegi e soprattutto furono annessi diversi possedimenti, rispondendo non solo all’imperatore ma anche a Genova che, con l’estensione dei suoi domini a Levante, minacciava i loro possedimenti. Terminata nel 1252 dal nipote Ottobono divenuto anch’egli papa col nome di Adriano V, a ricordo di questo fatto, sull’edificio a destra della basilica, potete leggere l’iscrizione: “STET-DOMUS-HAEC DONEC-BIBERIT FORMICA-MARINAM”, ovvero “resista questa casa (o casata), finché la formica non avrà bevuto tutta l’acqua del mare”.



    ...e “vetrina” dei prodotti locali

    La Basilica fu quindi soprattutto una celebrazione del dominio dei Fieschi, come racconta l'affresco della lunetta del portale. Con quelle architetture monumentali a svettare sul borgo, si voleva infatti comunicare il potere raggiunto da uno dei più importanti e antichi casati genovesi. Grazie ad alleanze ma soprattutto a matrimoni di interesse, conquistarono posizioni di rilievo non solo nel governo di Genova ma anche nel panorama politico internazionale. E se sei “signore” di un territorio, è importante che tutti ne conoscano le ricchezze. Come? Mettendo “in vetrina” prodotti locali, maestranze, artigianato, arte, gusto estetico e capacità di spesa. Ed ecco l’unica Basilica completamente costruita in ardesia, a inneggiare la pietra locale e la possibilità non solo di costruire ma anche di “piegarla” a volta e di decorarla.





    Sede di una reliquia importante

    Non andava dimenticato un altro potere, quello papale e religioso. Nella basilica fu portata una reliquia di grandissimo pregio: i frammenti della Vera Croce di Gesù. Donati da papa Innocenzo IV, sono racchiusi in un reliquario di cristallo, inseriti in una croce pettorale del papa stesso. Le cesellature che le fanno da cornice sono attribuite al Cellini. Ora è conservata al museo diocesano di Chiavari. Altri simboli di potere religioso si trovano sulla torre “nolare” che ha in cima un globo e una croce, a rappresentare il governo del mondo.

    Reliquia della Santa Croce
    Donata da Innocenzo IV alla Basilica, si tratta di tre frammenti della croce di Cristo racchiusi in un reliquario di cristallo, inseriti in una croce pettorale del papa. Le cesellature che le fanno da cornice sono attribuite al Cellini.  E’ conservata al museo diocesano di Chiavari.





    In realtà ha 1000 anni

    La costruzione della basilica ebbe inizio nel 1252. Tuttavia, osservando alcune caratteristiche è evidente che l'edificio è il risultato di almeno due fasi costruttive: la prima di stile Romanico - tipica tra l’anno 1000 e il 1100 - e poi quella di stile Gotico, tipica appunto dal 1200 al 1500. Quando entrate nella basilica guardate le volte ai lati dell’altare: vedrete che quella a sinistra presenta delle “striature” come quella centrale, mentre quella a destra è liscia: segno di due periodi storici diversi.  



    C'era due volte
    E' evidente che l’edificio è il risultato di almeno due fasi costruttive: la prima di stile Romanico - tipica tra l’anno 1000 e il 1100 - e poi quella di stile Gotico, tipica appunto dal 1200 al 1500. Quando entrate nella basilica guardate le volte ai lati dell’altare: vedrete che una presenta delle “striature” come quella centrale, mentre l’altra è liscia: segno di due periodi storici diversi. 

     

    SULLA VIA FRANCHIGENA
    Il polo religioso fu molto importante per lo sviluppo del territorio, anche perché fu meta e tappa dei pellegrini diretti a Roma in cammino sulla celebre via Francigena. L'importanza e la bellezza della basilica - assieme al borgo adiacente - venne inserita nel 1860 come monumento nazionale e considerata ancora oggi uno degli edifici di culto romanici tra i più pregiati e meglio conservati in Liguria.


    Un tesoro da valorizzare

    Restaurata in occasione del Giubileo del 2000, la Basilica resiste da quasi 1000 anni a guerre e intemperie, dominando la cima di un declivio coltivato e miracolosamente scampato alla cementificazione, in uno dei borghi medievali meglio conservati della Liguria. Ma forse non siamo molto consapevoli di questa ricchezza storica, che niente ha da invidiare ad altri siti più conosciuti e visitati.


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - I PATTI PREMATRIMONIALI

      A cura dell’avv Gabriele Trossarello Contatti: Tel 0185/938009 redazione@corfole.com Sono accordi sottoscritti dai futuri sposi in merito alla gestione del matrimonio, alla sua eventuale fine o in caso di morte di uno dei due coniugi. La loro applicazione evita in molti casi l’instaurarsi di un procedimento giudiziario o quantomeno ne abbrevia i tempi, con cons...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...