EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...
    • IMMOBILIARE causa trasferimento,vendo...
    • VENDO vendo letto a castello ma...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Cibo naturale, integrazione, socialità e tutela del territorio: l'Orto Collettivo è tutto questo. In progetto anche a Levante

    Si può diventarne coltivatori e avere così una quota del raccolto, oppure fare un abbonamento di 50Euro mens...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualità

    07 Marzo 2023 | in categoria/e attualita

    Che mito “la Vitturinn'a”, prima tassista d'italia.

    Che mito “la Vitturinn'a”, prima tassista d'italia.

    di Michela De Rosa


    Simbolo di Chiavari, era nata a Cicagna: anticonformista e ribelle, non si è mai piegata a chi diceva “non è roba da donne”


    Continua il nostro viaggio tra i personaggi che hanno lasciato un segno nella storia del territorio.

    Nel mese in cui ricorre “la festa della donna”, ricordare Vittoria diventa ancora più significativo. Perché “la donna” non è lo stereotipo della casalinga - moglie - madre creato di sana pianta nel dopoguerra per vendere tutti quei prodotti che il boom economico voleva (e doveva) portare in tutte le case, ma è un essere molto complesso, che racchiude anche una parte che qualcuno un tempo ha definito “maschile”. Ma cos’è maschile o femminile? Oggi nessuna donna rinuncerebbe ai pantaloni o a viaggiare da sola, ci sono donne ingegneri, magistrati, autiste di taxi, bus e Tir. E astronaute. Ma pochi decenni fa non era così. I ruoli erano ben divisi e ribellarsi richiedeva tanto, tanto carattere. Vittoria ne aveva. E non solo ha vinto la sua sfida, ma si è conquistata il rispetto dei colleghi, l’apprezzamento dei clienti e una posizione di prestigio.



    Le gare in bici e in moto, alla guida di una carrozza e il primo taxi
    (e di quando brindò in una gabbia di leoni)

    Vittoria Lagomarsino, da tutti conosciuta come “A Vitturinna” nacque a Cicagna nel 1889 e sin da ragazzina dimostrò una personalità al di fuori degli schemi. Ragazzina, partecipava a corse in bicicletta e in motociletta gareggiò nella corsa “Doria - Creto“. A 15 anni salì su una carrozza a cavalli, iniziando dopo qualche anno la sua carriera di vetturina in Piazza delle Carrozze a Chiavari. Guidò per anni la pariglia o la quadriglia per le strade delle nostre vallate. Nel 1913 trasportò Enrico Millo, eroe dei Dardanelli in visita a Chiavari.


    L’anno prima era salita all’onore della cronaca, entrando impavida nella gabbia dei leoni del circo Hawa, per brindare col domatore. Nel 1919 prese la patente e nel 1924 divenne la prima tassista d’Italia. Alla guida della sua curatissima Lancia ministeriale era ricercata e apprezzata in tutte le occasioni pubbliche e private, anche le più impegnative. Competente, discreta, onesta, proseguì la sua professione per una quarantina d’anni.


    Giacca, cravatta e gonna a tubo: uno stile all’avanguardia
     
    La ricordo in giacca e cravatta, gonna a tubo e stivaloni - racconta la sua pronipote Elina Fiz Zanchetta -. Aveva il vezzo di bistrarsi gli occhi con la matita nera. E si tirava indietro i capelli con la brillantina, come gli uomini. Ricordo poi che era davvero bella e aveva un carattere dolcissimo, ma sul lavoro si trasformava diventando seria e autorevole. Doveva essere davvero difficile farsi accettare e rispettare dai colleghi e forse questo era un modo per integrarsi e sembrare più simile a loro”.




    In quell’epoca, in Piazza delle Carrozze era consueto incontrare a Vitturinna, il sarto Rocco Levaggi e Gamberini con il suo tram a cavalli che collegava Chiavari e Lavagna: “Lei amava profondamente Chiavari. A Vitturinna è mancata nel 1971, a 82 anni. Riposa a Genova, insieme alla sorella e ai famigliari. Ma io credo che il suo cuore sia rimasto in Piazza delle Carrozze”. Una figura ben impressa nei ricordi di molti levantini.

    Una donna alla guida di un taxi, vestita e pettinata da uomo ma con la gonna non passava certo inosservata. Così come la sua professionalità. Ecco come in tanti l’hanno ricordata sui social.  

    Giancarlo Galli: ricordo un taxi guidato da una signora impeccabile nel suo vestito nero con un paio di stivali da cavallerizza sempre lucidissimi! Faceva il suo figurone in ciassa de Carrosse insieme al Panama del sig. Levaggi!
    Vincenzo Gaggero: Mio nonno del 1891, quando veniva da Genova a Chiavari per lavoro (Anni ‘20), prendeva il suo taxi e la venne a salutare alla fine degli anni ‘50 ed io ero presente.
    Roberto Paganini: La ricordo bene anche per la professionalità che esprimeva nell’abbigliamento e nella pulizia del suo strumento di lavoro. Ho avuto uno zio tassista e mi raccontava che era stimata anche dai colleghi.
    Elda Pellegrino: Ricordo bene la “Vitturina “personaggio tipico di Chiavari, sempre impeccabile e con un’aria austera che celava gentilezza e professionalitaà. Bei ricordi!
    Evelina Firenze: La ricordo benissimo con stracetto e piumino che puliva la sua auto sempre impeccabile nei suoi abiti.

    Merita una targa

    Alcuni articoli narrano della partigiana modenese Albertina Cortelloni come la prima donna ad ottenere la patente di tassista, nel 1936. Eppure, i documenti in possesso della pronipote indicano che Vittoria prese la patente nel 1919 e la licenza di tassista nel 1924. Vitturinna è stata solo un personaggio simbolo di un’epoca e del Levante, una precorritrice dei tempi, una personalità forte e modernissima: secondo noi ci sono tutti gli elementi per renderle omaggio con una targa a Cicagna e a Chiavari nella “sua” Piazza delle Carrozze.


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - RUMORI E LORO TOLLERABILITA'

      A cura dell’avv. Gabriele Trossarello Contatti: Tel 0185.938009 redazione@corfole.com Buona parte delle liti condominiali riguardano lamentele sull’eccessiva rumorosità proveniente dalle altrui unità immobiliari. In questo senso va ricordato che esistono specifiche norme che tutelano il riposo e la tranquillità dei vari...

      Incubi: cosa riflettono della nostra vita reale?

      Sono sogni spiacevoli che ci lasciano un senso di paura, tristezza, ansia. A differenza dei “brutti sogni” scatenano anche delle reazioni...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...