EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • IMMOBILIARE a monleone di cicagna, af...
    • VENDO vendo cancelletto di sicu...
    • VARIE cerco galline collo nudo,...
    • VARIE cerco piantine di lamponi...
    • VARIE cerco gabbia per conigli ...
    • VENDO per smobilito soffitta, c...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Metti in tavola le nocciole di Chiavari: dopo decenni di abbandono riprende l'antica produzione locale, ora tutelata da un marchio (RICETTA BISCOTTI DELLA GIOIA!)

    Il forno acceso, le mani in pasta, il profumo di dolci in tutta la casa... cosa c’è di più festoso? Abbiamo pensato allora di proporvi una ricetta ...

    Sapevi che... si dice “Piantare in Nasso”?

    ...e deriva da una mitologica tragedia d'amore (sigh!) Eh s&igrav...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    attualità

    03 Ottobre 2011 | in categoria/e attualita

    In cerca di brividi per Halloween? Non c'è bisogno di allontanarsi troppo: basta andare a Rapallo, inaspettata sede di miti, leggende e fatti paurosi veramente accaduti

    In cerca di brividi per Halloween? Non c'è bisogno di allontanarsi troppo: basta andare a Rapallo, inaspettata sede di miti, leggende e fatti paurosi veramente accadutiDa sin: Pasquale Domenico Cambiaso, Rovine del Monastero di Valle Christi, disegno a matita nera, 1860-61: (da P. D. Patrone, G. Blengino, La Liguria di Levante nell'800 dalle vedute di P. D. Cambiaso, ECIG Ed., Genova, 1983)

    La maledizione di Valle Christi
    È notte. Dodici rintocchi risuonano nell'aria fredda dell'autunno, prima di essere risucchiati nell'ombra. Attorno non c'è anima viva. Solo lo schiocco di qualche ramo inquieto, silenzioso e rachitico contro il cielo senza luna. “Stai attento! Per poco non mi venivi addosso!”. La voce rompe il silenzio. Una luce avanza tremolante nel buio della campagna. Improvvisamente, si ferma. “Ci siamo” dice un'altra voce stridula, da adolescente. Tre paia di occhi si levano verso la mole scura che si profila davanti a loro. Il campanile severo, le finestre arcuate che sonnecchiano come orbite vuote, minacciose. L'antico monastero abbandonato. Dalla boscaglia si solleva un lugubre gracidio. “D'accordo. E' Halloween. Ma inizio ad avere paura. Io torno indietro”. Tremano i cespugli. Ed ecco comparire sulla strada buia un ragazzino scarmigliato, che inizia a camminare a passo svelto verso le case più vicine. “Ed ora, che facciamo?” chiede uno dei due ragazzi rimasti ai piedi dei ruderi in pietra, distanti ormai pochi metri. “Avviciniamoci ed entriamo”, risponde risoluto l'amico, puntando la pila elettrica verso quello che resta dell'abside della chiesa: fascio di luce che si perde nelle tenebre. Un passo, poi l'altro. Attorno, un silenzio di tomba, inquietante, maestoso come la volta che prende forma al bagliore della pila. D'improvviso un lamento lungo, struggente, sale dalle sotterranei. I ragazzini si guardano di scatto, brividi che percorrono la schiena. “Cos’è stato?”. “Forse un animale”.
    Ma il lamento non si placa. Cresce incessante, lugubre, angosciante. Un lamento umano. “Andiamo via di qui!”. E i due ragazzini corrono e corrono all'impazzata, lasciando la luce della pila spegnersi a poco a poco nel buio della notte di Ognissanti. Un incubo? Una suggestione? C'è chi giura di no. E sostiene che Valle Christi, l'antico monastero cistercense in stile gotico che nel medioevo ospitava alcune suore di clausura, e che ora fa parte del complesso del campo da golf, sia stato teatro di una dolorosa storia d'amore. Leggenda narra che una suora, follemente innamorata di un pastore, abbia trasgredito alla regola di castità rimanendo incinta. Per punizione, la religiosa sarebbe stata murata viva con la sua bambina in una cella del convento. E ancora oggi, molti sostengono che nelle notti senza luna un lamento struggente salga dalle antiche pietre e si diffonde nella campagna.
    Il fantasma al complesso molitorio di San Maurizio di Monti
    Quella di Valle Christi non è l'unica leggenda che avvolge Rapallo in un alone di mistero. Qualcuno, ad esempio, narra di strani fruscii notturni nella zona circostante il complesso molitorio di San Maurizio di Monti: si dice che il fantasma della fidanzata del capitano garibaldino Giovanni Pendola vaghi ancora nei boschi che circondano l'antico edificio.
    La casa degli orrori a Costaguta
    Passando a tempi più recenti, le giovani generazioni di rapallesi avranno sicuramente sentito parlare di una casa abbandonata nelle colline di Costaguta, dove pare venissero praticati riti esoterici, e dove si dice siano accaduti episodi soprannaturali.
    La strega di San Pietro di Novella
    Eppure, tra leggende, fantasmi e luoghi arcani avvolti nel mistero, pochi sanno che a Rapallo una strega è vissuta veramente. Per lo meno, una donna che la credenza popolare riteneva tale, e come tale subì la stessa sorte che nel XVII secolo toccò a molte sventurate per mano dell'Inquisizione. Sul numero d “Il Mare” del 5 giugno 1909, lo storico Arturo Ferretto riporta i documenti del processo di tale Cattarina, conosciuta come la “Cagna Corsa” perché ritenuta originaria della Corsica. Correva il 1630. Nei documenti si leggono le testimonianze di alcuni abitanti di San Pietro di Novella (la frazione in cui la donna viveva): una donna e tre uomini, per l'esattezza. Questi ultimi accusavano Cattarina di aver avvicinato le loro mogli all'interno delle proprie abitazioni con svariate scuse, per poi gettare malefici sui figlioletti, morti pochi giorni dopo la visita della presunta strega. Dichiarazioni frutto della superstizione, che però ai tempi venivano considerate sufficienti per una condanna estrema. La documentazione, infatti, si conclude con una lettera del Senato della Serenissima Repubblica di Genova al Capitano di Rapallo in cui, viste le informazioni inviate da quest'ultimo sulla “Cagna Corsa”, si intimava “restando il suo delitto soggetto allo Statuto criminale Cap.10 sotto la Rubrica De Veneficiis - di “tirare innanzi questa causa terminandola con giustizia”. Da questo punto in poi mancano notizie ufficiali sul destino della strega. Ma l’ultimo responso non lascia molto spazio alla fantasia: la pena comminata alle avvelenatrici dallo Statuto criminale allora vigente, infatti, era il rogo. È quindi plausibile che la povera Cattarina sia stata arsa viva in piazza Banchi, a Genova: la fine allora riservata a chi veniva messo a morte per stregoneria. Non si sa se il suo fantasma vaghi ancora per le strade di San Pietro. Ma Halloween è vicino. Per gli appassionati del brivido, è il momento migliore per scoprirlo...
    Silvia Franchi
    Commenta e inoltra

    Tratto da CORFOLE! del 10/2011, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    elena:

    Gentile sig.ra Franchi, vorrei cortesemente farle alcune domande su questo articolo e non so come contattarla altrimenti. Mi chiamo Elena ed il mio indirizzo email lo inserisco qua sotto. Grazie e cordiali saluti


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

    Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      Corfole si rinnova, partecipa alla trasformazione!

      Nove anni di noi, diciannove di “giornalino rosa” e tante novità in arri...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO