EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo mobile arte povera ...
    • VENDO camera a ponte in legno t...
    • VENDO tavolino bianco in legno ...
    • REGALO ho tagliato 2 abeti di ci...
    • VENDO vendo 4 ruote per suzuki ...
    • VARIE cerco gatto bengala masch...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    L'oëxinin, quella “ta crusta”, quella "sciocca" e molto altro. Sei cose che forse non sapevi sulla farinata, l'"oro dei ceci"

    Cos’è la farinata? E quali sono le pietanze liguri fatte con la farina di ceci? Se l’è chiesto Cesare Dotti, esperto di storia locale ...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    edizione cartacea, storia locale

    di Simone Parma | 09 Dicembre 2016 | in categoria/e edizione cartacea storia locale

    IL TITANIC DI RAPALLO: 3 Gennaio 1961, una nave di cento metri e alta come una casa a quattro piani si scagliò sulla passeggiata - E nel 2013 toccò a Di Caprio...

    IL TITANIC DI RAPALLO: 3 Gennaio 1961, una nave di cento metri e alta come una casa a quattro piani si scagliò sulla passeggiata - E nel 2013 toccò a Di Caprio...

    “La Dida mi gridava: Iolanda! Iolanda! C’è una nave che entra in negozio!”
    - Iolanda Repetto


    “Il naufragio diventò un tema di classe”
    - Giorgio Giannello


    “Ricordo il suono ripetutto e violento di una sirena”
    - Giorgio Costa

    “Era tutto nero, il cielo, il mare, la nave. Pensai alla Madonna di Montallegro: per fortuna il suo sguardo era girato verso il nostro golfo”
    - Mino Balloni

    (tratte dal libro “Locarno, naugfragio in salotto”)



    La tempesta
    La nave Locarno, guidata dal comandante Sallustro, lasciò vuota (e non fu un particolare insignificante) il porto di Genova per un breve viaggio fino a Follonica. Quel giorno la situazione meteo non era delle migliori, ma un tratto di mare così breve e conosciuto non lasciava alcun dubbio al capitano, nemmeno dopo essere stato informato del pericolo di una burrasca di Libeccio forza 7. Fu così che, tra qualche perplessità, la Locarno lasciò il porto diretta in Toscana. Arrivata davanti al promontorio di Portofino la natura iniziò a ruggire: il vento era così forte che il comandante tentò di mettersi al riparo rifugiandosi a Paraggi. Ecco, immaginate un gigante da 100 metri ancorarsi, sferzato dal vento e dalle onde, nella minuscola baia di Paraggi. Una manovra che non bastò per mettersi al sicuro, tanto che il comandante tentò di uscire in mare aperto e lasciar sfogare la tempesta. La potenza della Locarno però non era minimamente sufficiente per affrontare quel mare così agitato che nel la spinge verso la baia di Rapallo. Nel buio del lungomare cittadino a poco a poco si fa strada l'incredibile stupore di chi ricorda l'immensa sagoma avvicinarsi al Castello, suonare le sirene e chiedere aiuto: il clamoroso naufragio stava per avvenire. Sulla Locarno intanto il personale di bordo si dava un gran da fare per evitare l'impatto con la costa, che però da terra i testimoni raccontano come inevitabile. Il gigante, grazie all'abilità del comandante, riuscì ad evitare il Castello, ma l'urto fu inevitabile ed avvenne pochi metri più in là, a metà passeggiata. Erano circa le 17:00.

    I soccorsi
    Il buio e la pioggia non aiutarono di certo a soccorrere i ventidue uomini dell'equipaggio e le difficili operazioni iniziarono alle 19:20 quando i Vigili del Fuoco illuminarono a giorno lo scafo, nel tentativo di comunicare con il comandante. Il fragore del mare però quella sera era così forte che nessun tentativo andò a buon fine. Poi finalmente arrivò un vero e proprio colpo di fortuna: la forza del mare fece ruotare lo scafo di novanta gradi, disponendolo parallelamente alla passeggiata a mare e agevolando le operazioni di salvataggio. Quando tutto l'equipaggio fu tratto in salvo erano ormai le 4 di mattina.


    Quando Leonardo Di Caprio naufragò a Portofino

    Naufragare nel Mar Ligure sembra un avvenimento raro, eppure i registi del film "The wolf of Wall Street" hanno immaginato che il panfilo del milionario Belfort, interpretato da Leonardo Di Caprio, sprofondasse al largo di Portofino. Una scena surreale, nella quale si vedono onde di 15 metri sferzare il vascello, ma che dopo la vicenda della Locarno sembra più credibile. Nella realtà il naufragio della nave di Belfort (una storia vera) avvenne sulla tratta Civitavecchia - Costa Smeralda, nel 1996.


    La nave in salotto
    Il giorno dopo lo spettacolo che si apriva di fronte agli occhi di rapallini e turisti era incredibile. La nave giaceva distesa su un fianco, alta quanto i palazzi del lungomare e divenne una vera attrattiva. L'evento fu talmente straordinario che molti media nazionali lo ripresero. L'articolo più celebre probabilmente rimane quello titolato appunto "Naufragio in salotto" della rivista Oggi. La nave però, con lo scafo compromesso e squarciato, rischiava di iniziare a riversare sostanze inquinanti in acqua e per questo le operazioni di rimozione furono celeri e precise: già il 13 febbraio i rimorchiatori riuscirono non senza fatica a disincagliare la Locarno e il 15 la nave lasciò il Golfo di Rapallo, per poi essere demolita.



     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      Multa con autovelox nulla se dopo l'incrocio non c'è segnale del limite. La mancanza della ripetizione del segnale può indurre il conducente a credere che la riduzione del limite sia terminato

      Un aggiornamento sulle regole stradali molto utile soprattutto in questo periodo di viaggi. La multa per eccesso di velocità, accertato con l’ausilio dell’autovelox, è nulla se il segnale del limite di velocità non viene ripetuto dopo l’incrocio. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (ordinanza n.11018/14 del 20 maggio 2014) ribadendo il principio secondo cu...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...