EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO bellissimo divano 3 posti...
    • VENDO camera ponte 2 letti 6 an...
    • VENDO causa cessazione attività...
    • VENDO vendo chicco 360° seggiol...
    • REGALO nuova enciclopedia illust...
    • VENDO lampadario x soggiorno pr...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    CUCINO PER VOI: Raffaela ci insegna come fare le cupcakes: l'ultima mania in fatto di dolci che arriva dagli usa

    Natale è alle porte e con esso anche la voglia di dolci, meglio se a tema. Questa volta non parliamo di uno tradizionale, ma espatriamo in America, con una dolce-mania che sta spopolando anche ...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    edizione cartacea, storia locale

    02 Aprile 2017 | in categoria/e edizione cartacea storia locale

    “IO C'ERO”: la vita di quei ragazzi prima e dopo il 25 aprile

    “IO C'ERO”: la vita di quei ragazzi prima e dopo il 25 aprile

    Il racconto del partigiano “Bengala”: fatto prigioniero il giorno dell'armistizio e portato in Germania, poi la fuga, il rientro a casa dopo 10 giorni di cammino e gli schiaffi per stare svegli

    Fughe, sofferenza, fame e tanta, tanta voglia di tornare a casa. La guerra potrebbe essere riassunta così, per tutti. Ma ognuno ha avuto la sua storia e ha vissuto la sua guerra: contro il fascismo, contro i voltagabbana o contro una parte di sé. Questo mese vi proponiamo la storia inedita, scritta di suo pugno, dal partigiano Nassano Edoardo, nome di battaglia “Bengala”, DIstaccamento Forca - Brigata Berto - Divisione Cichero.

    Fatti prigionieri dai nazisti proprio il giorno dell’armistizio
    “Il mio nome di battaglia è Bengala. A vent’anni di età fui chiamato alle armi, destinato a Pinerolo: dovevo in breve essere addestrato alla guerra per poi essere inviato a combattere in Russia con tanti altri commilitoni. Giunto l’8 Settembre 1943, cioè lo sfasciamento del fascismo (n.d.r. armistizio annunciato dal Governo Badoglio), non fu più possibile partire: il giorno prima il comandante della caserma ordinò di depositare tutte le armi nel magazzino, anche agli ufficiali. La mattina seguente ci accorgemmo di essere prigionieri, a disposizione dei tedeschi. Intorno alle 10:00 del mattino stesso giunse al di fuori della caserma un nostro comandante a bordo di un’auto tedesca, insieme ad alcuni ufficiali, tedeschi anche loro. Scendevano da un camion alcuni soldati in armi, ordinando alla nostra guardia di rientrare, disarmandola e vibrandole un calcio nel sedere. Altre guardie si posizionarono sui quattro angoli. Da quel momento capimmo che eravamo destinati in Germania.”


    Tornammo a casa in dieci, dopo dieci giorni di cammino:
    "per stare sveglio mi prendevo a schiaffi"

    “I nostri ufficiali erano tutti fuggiti, così decidemmo di fare altrettanto e scappammo. Ci riuscimmo soltanto in dieci, decisi a tornare a casa. Arrivai dopo dieci giorni, camminando giorno e notte, cibandomi una sola volta e schiaffeggiandomi continuamente per non addormentarmi. Ma a quel punto ero ricercato dai nazifascisti: se mi avessero visto i miei genitori sarebbero stati fucilati e la casa data alle fiamme. Senza lavorare e senza tessera per il pane decisi di arruolarmi volontario nel Comitato di Liberazione Nazionale”.

    La fame sui monti, poi la gioia di quel 25 aprile
    “Andai a Cichero, sul Ramaceto, dove trovai Bisagno, comandante dei partigiani della Sesta Zona Liguria con molti altri italiani, francesi, polacchi e tedeschi. Conobbi finalmente la libertà. Si parlava di repubblica, di uguaglianza, di avvenire. Tutto ciò avremmo dovuto conquistarcelo con tanti sacrifici: freddo, fame, sangue [...]”.  
    Sofferenze che durarono sino alla liberazione: “L’ordine di scendere dalla montagna ci giunse il 23 Aprile 1945. In quella data ci trovavamo in Val D’Aveto, ma partimmo subito per Torriglia, poi giungemmo alle fortificazioni che circondano le alture di Genova. Incontrammo molta resistenza e inviammo a parlamentare (con i Tedeschi n.d.r.) un sacerdote. Nessuna risposta: fu tenuto in ostaggio. Il comandante tedesco aveva deciso di far morire tutti i suoi soldati pur di non arrendersi. A quel punto i soldati decisero di sparare sul loro comandante e si arresero in massa”. “Catturati tedeschi e fascisti giungemmo nella Città di Genova il 25 Aprile 1945, provocando così l’insurrezione armata. Molte cose però restavano ancora da fare: salvare il porto, le strade, gli edifici pubblici: tutti minati dai tedeschi”. [...]
    *La sintassi Il testo originale è stata modificata in alcune parti per renderne più agevole la lettura, senza però modificarne il significato inteso dall’autore.

    Dalla divisa alla cava d'ardesia
    Dopo la guerra la vita riservò a “Bengala” ulteriori amare sorprese. Nel 1946 decise di arruolarsi nella Polizia di Stato. Non passò però inosservato il suo recente passato di partigiano, e dopo episodi strani, punizioni e minacce fu costretto al congedo. Un periodo nelle guardie giurate non lo portò a far pace con i suoi alti ideali di fedeltà alla Repubblica, e dopo diverse proposte per agevolare i colpi dei ladri (sempre rifiutate) decise di abbandonare definitivamente anche quella divisa. E, allora, dopo anni di vita militare scelse di diventare un semplice operaio ardesiaco, al servizio della sua terra, la stessa che anni prima aveva liberato dai nazifascisti. Ma la fatica e la sofferenza di quella guerra gli rimasero incollati al corpo e allo spirito, tanto che fino alla sua morte portò attaccato allo specchietto della sua auto un soldatino di pezza, ornato con uno dei suoi cimeli di guerra.


    Testimonianza della figlia di Edoardo, Orianna Nassano, in foto col libro di Ghilarducci donato dalla redazione.



     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      FISCO FACILE - Via i voucher, arriva il contratto PrestO: ecco cosa cambia e come funziona

      Per sostituire i voucher è nato il contratto di Prestazione Occasionale (PrestO), che imprese e professionisti potranno utilizzare per retribuire prestazioni di lavoro occasionali o saltuarie di limitata entità. La possibilità di attuarle è ammessa per ciascun anno civile, entro ...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...