EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO camera a ponte in legno t...
    • VENDO tavolino bianco in legno ...
    • REGALO ho tagliato 2 abeti di ci...
    • VENDO vendo 4 ruote per suzuki ...
    • VARIE cerco gatto bengala masch...
    • VENDO vendo cyclette modello at...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Non buttate le foglie dei ravanelli! Ottime per mille preparazioni in cucina, a cominciare dal pesto

    Stavo pulendo dei ravanelli e guardando tutte quelle belle foglie mi sono chiesta “possibile che non servano a nulla?”. Cerca cerca scopro che sono un (...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    cultura, edizione cartacea, storia locale

    di Maura Bregante | 06 Settembre 2012 | in categoria/e cultura edizione cartacea storia locale

    “Voî sei quelli de patote”: dimmi come parli e ti dirò... dove abiti

    “Voî sei quelli de patote”: dimmi come parli e ti dirò... dove abiti

    Le sfumature del genovese, lingua parlata anche in Piemonte, Sardegna e in Francia

    C’è chi lo considera poco elegante, volgare, poco alla moda, una lingua ormai per “anziani”. E c’è chi lo trova una lingua poetica, addirittura da salvaguardare per scongiurare il rischio di perdere le proprie origini. I dialetti italiani sono numerosissimi, alcuni come il friulano il sardo ed il ladino parlato in alcune zone del Trentino Alto Adige vengono studiati e approfonditi nelle scuole locali. Secondo Pasolini queste varietà linguistiche colorite e ricche di sfaccettature proprie della nostra Penisola andavano difese, custodite gelosamente poiché rappresentavano la vivacità e la spontaneità dell’italiano parlato non influenzato dai mezzi di comunicazione.

    Che dire del nostro dialetto? Si parla anche in Piemonte e in Francia!
    Il genovese o più ampiamente chiamato ligure appartiene al ceppo delle lingue romanze, è parlato in tutta la Liguria, e non solo, ad esclusione della zona vicina a Sarzana; la Lunigiana. Infatti, anche se con molte diversità locali, si utilizza nella provincia di Cuneo, in Val Tanaro e Val Garessio, nell’alessandrino tra Ovada, Novi Ligure, Gavi, Valle Scrivia per arrivare in Val Borbera e Val Trebbia in provincia di Piacenza e proseguire in Val di Taro e Bedonia in provincia di Parma. Noi liguri ci emozioniamo molto anche quando giunti in Sardegna tra Carloforte e Calasetta sentiamo parlare genovese; qui infatti nel lontanissimo 1541 la ricca famiglia genovese dei Lomellini aveva in concessione la zona al fine di praticarvi la pesca del corallo, così numerosi genovesi, soprattutto provenienti dalla zona di Pegli furono invitati ad insediarsi in quel luogo per avere un’opportunità di lavoro. Ma, grazie al dialetto, possiamo sentirci a casa anche all’estero: in Francia in Val Roia, a Mentone in Corsica a Calvi per citare altre zone.

    Tra giovani e anziani crea complicità
    Nelle nostre zone il genovese è utilizzato molto dalle persone anziane, abbastanza tra la generazione dei nostri genitori, e quasi pe rniente tra i giovani, che usano il dialetto solo quando si rivolgono a persone più grandi di loro anche per creare una sorta di “complicità”.

    Come cambiano le parole da zona a zona
    Anche da noi da zona a zona ci sono numerose differenze tra le parole! Una molto curiosa riguarda i pomodori chiamati in riviera erroneamente pomate mentre in Val Fontanabuona tomate, dall’inglese tomatoes, come anche i carciofi: articiocca, dall’inglese artichoke. C’è poi la mela da noi mei o più usato meia che diventa pommo da altre parti. Le patate dette patatta, a Riva diventano patote: infatti ricordo da piccola un episodio di una signora sestrese che parlando con mia madre e facendo riferimento a Riva disse scherzosamente: “Voî sei quelli de patote”.La stufa ancora detta stûffa nell’entroterra stîa; o ancora casa detto semplicemente casa oppure cà.

    Poetico, divertente, commovente: il dialetto entra nella nostra vita
    Che il dialetto genovese diventi arte lo sappiamo già quando ci commuoviamo ascoltando le parole di Ma se ghe penso.
    Visse e lasciò molti scritti tra la fine del XIII e l’inizio del XIV un certo Luchetto, meglio conosciuto come Anonimo Genovese: compose alcune poesie in volgare genovese che avevano svariate tematiche, dall’orgoglio per la città di Genova alla critica soci-politica dell’epoca e la religione. Scoperto da Matteo Gaetano Molfino nel 1821, il codice contenente gli scritti dell’Anonimo Genovese sono oggi conservati all’Archivio Storico del Comune di Genova. Chi non conosce almeno il titolo di una commedia di Amerigo Armando Gilberto Govi meglio conosciuto come Gilberto Govi? Il suo viso simpatico  e le sue espressioni sono inconfondibili, sembrava il classico vecchietto incontrato per strada con la voglia di scherzare. Nato a Genova nell’ottobre del 1885 è considerato il fondatore del teatro dialettale genovese. Nato nel quartiere popolare di Oregina, amava portare in scena le storie della gente comune. Si ricordano alcune commedie tra cui Pignasecca e pignaverde, Sotto a chi tocca, Colpi di Timone. La commedia I manezzi pe maja na figgia (I trucchi per far sposare una figlia) recitata a Milano nel 1923 fu l’inizio del successo dapprima nazionale e poi internazionali, tre anni più tardi infatti partì per una vera tournee in Sud America per raggiungere i numerosi italiani che si erano insediati laggiù e per poter far ridere a crepapelle anche quelle genti lontane.

    Tratto da CORFOLE! del 9/2012, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Maura:

    Ciao Denise,
    non volevo fare intendere la derivazione etimologica, anche se mi rendo conto di aver scritto "dall'inglese"; ma la strana e curiosa assonanza con queste parole inglesi.


    Denise:

    Veramente l'etimologia di "tomate" risale addirittura a Xitotomate (versione Azteca) o Nahuatl Tomatl (origine Messicana), mentre "articiocche" deriva dall'arabo e gli inglesi hanno tratto la parola "artichoke" adottando il termine genovese, non viceversa. Non è che l'Inghilterra sia proprio una terra di grandi campi di pomodori o carciofi! Non è molto plausibile che siano stati gli inglesi a "inventare" i nomi di piante tipicamente coltivate nel bacino mediterraneo!


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      La mediazione civile e commerciale diventa obbligatoria: ecco perché

      Con il Decreto del FARE il Governo ha inserite importanti novità correttive rispetto al vecchio sistema introducendo l’obbligatorietà ad affrontare le controversie con l’ausilio della mediazione civile. Il motivo è molto semplice: da una parte la mediazione offre al cittadino uno strumento più semplice e veloce con tempi e costi certi, dall’altra ha l&...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...