EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO vendo mobile arte povera ...
    • VENDO camera a ponte in legno t...
    • VENDO tavolino bianco in legno ...
    • REGALO ho tagliato 2 abeti di ci...
    • VENDO vendo 4 ruote per suzuki ...
    • VARIE cerco gatto bengala masch...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    POLLO, PINOLI E CAPPERI

    per 4 persone: 1 pollo di Kg. 1,500, Gr. 50 di capperi sotto sale, Gr. 40 di pinoli, 1 mazzetto di prezzemolo, 2 spicchi d’aglio, 1 bicchiere di vino bianco secco, 2 cucchiai d’olio extrav...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    agenda, cultura, edizione cartacea, storia locale, uscire

    di Chiara Staderoli | 06 Settembre 2012 | in categoria/e agenda cultura edizione cartacea storia locale uscire

    29 settembre San Michele: la grande fiera dedicata all'angelo ‘guerriero' torna al suo significato più profondo

    29 settembre San Michele: la grande fiera dedicata all'angelo ‘guerriero' torna al suo significato più profondo

    Un positivo segnale di ritrovata profondità dai cittadini casarzesi

    Le origini della chiesa e della festa, da come appariva nel ‘600 e agli inizi del ‘900 fino alla recente svolta

    29 settembre: non è solo il titolo della famosa canzone di Lucio battisti, ma una data alla quale i casarzesi per tradizione sono molto legati. In questo giorno, infatti, ricorre San Michele Arcangelo, titolare della Chiesa parrocchiale, situata  in posizione sopraelevata rispetto alla strada pricipale: la tradizione cristiana voleva, infatti, che ogni edificio religioso a lui dedicato dovesse essere edificato tra la terra e il cielo, poiché l’Arcangelo ‘guerriero’ aveva  il compito di guidare le anime verso Dio. Basti pensare a  Mont St. Michel in Francia, S. Michele sul Monte Gargano, la Sacra di S. Michele nei pressi di Torino.  Un cronista della metà sec.XI così scriveva: “Sappiamo, in base a molti documenti della sacra scrittura, che il beato Michele, per volere di Dio, non solo possiede in cielo il primato tra i cori della milizia celeste, ma anche in terra possiede, per così dire, un principato. Infatti nelle regioni occidentali l’Arcangelo del Signore ha scelto per sé, in modo specialissimo, tre luoghi illustri: il primo è il monte Gargano, ormai notissimo in tutto il mondo; il secondo, vicino all’oceano Atlantico, si chiama Presso-il-pericolo-del-mare (Mont-Saint Michel); il terzo (la Sacra di San Michele), posto giustamente in mezzo alle cime elevate dei monti, dove si può contemplare più da vicino la maestà divina”.

    L’antica Chiesa di San Michele.
    L’attuale edificio religioso non sarebbe stato l’unico dedicato al Santo in territorio casarzese. Secondo le testimonianze reperite dagli storici locali- primo tra tutti, Fausto Figone (in foto)-  l’antica chiesa di San Michele in Casarza, di cui ormai si sono completamente perdute le tracce e che la memoria popolare  rischia sempre più di confondere con l’attuale Chiesa parrocchiale, sorgeva con ogni probabilità al centro dell’attuale omonimo quartiere. Della sua antichità- secondo alcuni coeva o addirittura precedente alla chiesa di San Giovanni in Candiasco- è testimone sia l’intitolazione al Santo, molto cara ai Longobardi, sia  la sua posizione. L’antica chiesa, infatti, era orientata con il coro a levante, come voleva la tradizione paleocristiana e la presenza del battistero, di un suo cimitero e di una sua canonica, porterebbe a pensare anche ad una sua importanza formale.

    Tra sacro e profano: la Fiera. Le prime testimonianze risalgono al ‘600
    L’immagine di questa Chiesa, ormai affievolita nella memoria popolare, è stata legata nell’immaginario comune ad un evento ancora vivo, seppure trasformato: la Fiera. Non sono disponibili testimonianze storiche sulle sue origini: gli storici locali hanno potuto avanzare soltanto delle ipotesi, collocandola in tempi remoti, quando i “castellari” (antichi recinti fortificati in tronchi o pietra a secco, comprendente delle abitazioni, solitamente costruiti a scopi difensivi e religiosi sulla cima di un colle n.d.r.) e i marcati costituivano i primi luoghi di organizzazione, crescita politica, oltre che luogo di incontro e scambio tra comunità con economia basata prevalentemente sull’allevamento e la pastorizia. Uno dei primi riferimenti documentali risale ad uno scritto del 1641, nel quale si racconta di un mulattiere di Castiglione Chiavarese, al quale erano state sequestrate per “condanna” le bestie, che supplicava il Podestà per la loro restituzione, “dovendo recarsi posdimane, giorno di Santo Michele, a fare una condutta di merce per quella fiera”. Sebbene non sia stato citato il luogo della Fiera, è presumibile che si trattasse di quella casarzese.

    Ecco come appariva agli inizi del ‘900
    Una testimonianza più recente, pubblicata nel 1922, porta la firma di un cronista d’eccezione, Monsignor Ferdinando Podestà, a quel tempo parroco di Casarza, ma è probabile che le immagini descritte derivino da ricordi giovanili del sacerdote. Ecco alcuni stralci del documento: “Il greto del torrente di barletti è riservato alla vivente abbondanza di bestiame. La sponda destra del fiume che s’aggiunge alla piazza è per la giostra, il tiro a segno, l’altalena; per i carrettoni e le casucce di tela dei funamboli, dei saltimbanchi.(…) Alla vigilia i banchi sono apparecchiati, innalzate le baracche, le trabaccole, i casotti e, tra merciaioli, a ingannare l’ora, s’apre il piccolo mercato.(…) A bruzzico un vociare sguaiato, stridulo, un uggiolare di cani, un mugghiare di vacche, di buoi, un brusio sordo, indistinto ti sveglia e, a giorno netto, vedi alla china di Cardini, di Verici, di Novanoscendere giù per sentieri sghembi, intricati, uomini e animali, venir su dal piano sestrese, per la strada provinciale, tra la furia delle carrozze, carri, carratelle, la gran folla dei fioranti. E la fiera incomincia.”

    La Fiera oggi: dopo gli anni della mercificazione i cittadini hanno voluto un ritorno al significato più profondo
    è grande festa anche al giorno d’oggi, anche se lo scenario è cambiato. La Fiera di merci varie come oggi la conosciamo ha da pochi anni superato il giro di boa del bicentenario e dopo essere passata attraverso la fase più commerciale della tre giorni di festa con stand gastronomici e quant’altro  è  tornata ad essere la festa del paese, di un solo giorno, dal momento che molti cittadini ritenevano che, pur portando un notevole movimento nella cittadina della Val petronio, avesse completamente privato di significato un evento tanto importante anche dal punto di vista storico. Le ultime due edizioni si sono distinte per la forte somiglianza con la descrizione di Monsignor Podestà: alla tradizione fiera di merci varie, si sono aggiunte la Fattoria domestica, con esposizione di cavalli, oche ed altri animali; la Fiera di San Michelino, riservata ai bambini con la possibilità di effettuare  baratti, e la Festa di Fortunato e Marbella, “i saltimbachi” del giorno d’oggi. Al divertimento si è poi accompagnata la volontà di richiamare l’attenzione dei cittadini sulla salvaguardia delle tradizioni con il recupero dei mestieri di una volta, e dell’ambiente: lo scorso anno, infatti, sono state consegnate, ai bambini delle scuole casarzesi i contenitori per la raccolta degli olii esausti.

    Tratto da CORFOLE! del 9/2012, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


    Altre immagini collegate alla notizia:


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO FACILE - CONDOMINIO infiltrazioni dai terrazzi: chi paga i lavori e i danni?

      Massimo (nome di fantasia per motivi di privacy) scrive di essere proprietario esclusivo di un lastrico solare di un condominio. A causa della scarsa manutenzione alcuni condomini delle unità immobiliari sottostanti hanno subito infiltrazioni di acqua piovana.Massimo ci chiede se debba essere lui in via esclusiva a f...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...