EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VENDO camera a ponte in legno t...
    • VENDO tavolino bianco in legno ...
    • REGALO ho tagliato 2 abeti di ci...
    • VENDO vendo 4 ruote per suzuki ...
    • VARIE cerco gatto bengala masch...
    • VENDO vendo cyclette modello at...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    L'AIUOLA - I cri cri della zia (la condivisione è una cosa dolce). Più ricetta!

    Questo mese utilizzerò questo spazio senza goliardate, invettive politiche o letterine a Babbo Natale: vi rifilerò due buoni propositi e un piccolo rega...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    cultura, edizione cartacea, storia locale

    di Vittorio Rosasco | 03 Settembre 2012 | in categoria/e cultura edizione cartacea storia locale

    RANGHINELLI - Di come per golosità si fece una burla che si trasformò in dramma che sfociò in uno sciopero per concludersi con un riscatto: tutto per una bottiglia di cognac

    RANGHINELLI - Di come per golosità si fece una burla che si trasformò in dramma che sfociò in uno sciopero per concludersi con un riscatto: tutto per una bottiglia di cognac

    Merita anche di essere raccontata la mia unica disavventura di tutto il periodo militare. Quando nel Reggimento c’era una compagnia che partecipava ad esercitazioni anche le altre avevano diritto alla distribuzione di cognac. Come succedeva abbastanza di frequente per mancanza di… spiccioli, anche se avevo il tesserino permanente che mi permetteva di uscire a qualsiasi ora, ero andato dal Cappellano militare dove con altri amici si chiacchierava, si leggeva, si giocava a carte, si passava piacevolmente la serata. L’attendente dava anche libri in prestito. Quella sera mi chiese se avevo finito di leggere un libro che gli era stato richiesto ed io prontamente: “ Sì, lo vado a prendere”. “Non c’è urgenza” replicò, ma mi avviai. Arrivato in fureria, anche se mi ero ripromesso di non rispondere al telefono fuori dell’orario d’ufficio, quella sera alzai la cornetta. Era il cuciniere che mi pregava di avvisare il caporale di giornata di andare a ritirare il cognac dovuto per una esercitazione: “Se lo vedo” risposi sbrigativamente. Sceso in cortile ecco il caporale di giornata Viva, un amicone al quale diedi la comunicazione. Per il contrappello tutti in camerata e incontro ancora Viva che mi sembrava un po’ stranito ma essendo un burlone non ci feci caso più di tanto.
    “Il cognac lo mettiamo nel caffè “ disse. “No” replicai, “non piace a tutti” e andai in branda. Poco dopo, una baraonda: voci concitate, passi pesanti avanti e indietro ed ecco arrivare l’incorruttibile magazziniere sergente maggiore Flego che voleva conoscere l’iter del cognac che a mia insaputa era stato portato in fureria. Interpellato non potei che ribadire la mia estraneità ai fatti. Il bidone venne chiuso a chiave nel magazzino e il mattino seguente portato in cortile davanti al capitano, al tenente, al magazziniere e a tutta la compagnia schierata. Il capitano mi ordinò nonostante la mia resistenza di misurare con un litro di latta il cognac. Ormai al corrente delle libagioni di Viva, dell’amico caporale Torno e di Spinoni l’aiutante di fureria che aveva come me la chiave dell’ufficio, ingenui nel non pensare di aggiungere tanta acqua quanto il cognac bevuto e anche se non era onesto nessuno se ne sarebbe accorto. L’unica cosa che mi restava di fare nel tentativo di salvare quei simpatici amici marioli era quella di fare le misure scarse.
    Ciò nonostante ne mancava un litro. Nel frattempo ecco apparire Viva che, proveniente dallo spaccio, con serafica flemma e una bottiglia in mano: “Non avevano cognac”, disse, “ho preso  la prunella!” Era l’ammissione di colpa, ma il pignolo comandante volle fare la controprova facendo portare in cucina il cognac per essere misurato dal cuciniere. “Fai le misure scarse”, osai dire tra i denti. Stesso risultato: ne mancava un litro. Le conseguenze le pagarono tutti i protagonisti della bravata ma purtroppo anche io che non c’entravo assolutamente. Così mi vidi per la prima e unica volta nella lista di quelli in attesa di punizione che in realtà voleva dire che non si poteva andare il libera uscita. Raggiunta la fureria io, che avevo valide ragioni, e Spinoni che, pur avendo torto marcio accampava assurde elucubrazioni ’filosofiche’, udite, udite, decidemmo di fare…sciopero. Nella mia vita due cose non ho mai sopportato: l’ingiustizia e l’ingratitudine. Il Furiere era una persona amabilissima, comprensiva e paterna oltre che valida. Accortosi del nostro malessere visto il nostro atteggiamento volle conoscere tutti i particolari della vicenda, poi tagliò corto: “Ragazzi c’è da preparare la decade ( la paga di tutto il personale della Compagnia Comando Reggimentale). Mi prendo io la responsabilità, stasera andate in libera uscita”.
    Avevamo sempre lavorato con entusiasmo ma quel giorno ancora di più e alla sera, lucidati per bene gli scarponi e divisa  perfettamente in ordine non senza aver dato uno sguardo al quadro dove c’erano i nostri nomi, per una orgogliosa ripicca, scendemmo sulla via principale di Belluno dove solitamente capitano e tenente andavano a passeggio.  Infatti l’avvistammo e andammo incontro. Per farci notare esibimmo un saluto militare con uno scatto insolito prontamente corrisposto. Non avevamo soldi in tasca così potevamo rientrare. Al mattino seguente nel cartello il nostro nome era stato cancellato e non ne seppi più nulla.

    Continua nel prossimo numero

    Tratto da CORFOLE! del 9/2012, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - Il recupero crediti: le mosse giuste

      A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Contatti 0185.938009 redazione@corfole.comCapita più di una volta che si rivolga al mio Studio un imprenditore o un professionista per il recupero del credito vantato nei confronti di un terzo, per la vendita di un bene o per la prestazione di un servizio. Quali concrete...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...