EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    #RICETTA- I gamberoni alla catanese della Tavernetta (dove mangiare pesce senza svenarsi!)

    La formula della Tavernetta di Chiavari funziona e ora la trovate in centro, nel nuovo locale sotto i portici di Via Entella....

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    il tappiro

    di Chiara Staderoli | 30 Gennaio 2012 | in categoria/e attualita edizione cartacea il tappiro

    Pubblicano l'identikit del maniaco per agevolarne la cattura e rischiano di finire in carcere: felicemente risolta la vicenda dei giornalisti de Il Secolo XIX

    Pubblicano l'identikit del maniaco per agevolarne la cattura e rischiano di finire in carcere: felicemente risolta la vicenda dei giornalisti de Il Secolo XIXRoberto Pettinaroli e Simone Schiaffino

    Questa volta a ricevere il Tappiro d’Ardesia, paladino di tutti coloro che subiscono un torto, sono due firme doc del giornalismo levantino: Roberto Pettinaroli e Simone Schiaffino (in foto), protagonisti di una vicenda giudiziaria durata oltre cinque anni e conclusasi solo pochi giorni fa. Voi tutti ricorderete il maniaco dell’ascensore che, tra il 2005 e il 2007, seminò il panico tra la popolazione femminile genovese. I due giornalisti de “Il Secolo XIX” seguirono l’evoluzione delle indagini, così come i colleghi del “Corriere mercantile”. “Entrammo in possesso dell’identikit del maniaco, redatto dalle Forze dell’ordine sulla base delle testimonianze delle vittime - spiegano- e decidemmo di pubblicarlo”.
    Una scelta dettata dalla volontà di svolgere al meglio il proprio dovere: informare la cittadinanza, metterla in guardia e permettere di assicurare alla giustizia il molestatore. Ma la giustizia, si sa, qualche volta è un po’ miope e il fantasma della condanna ad un mese di arresto per violazione del segreto istruttorio si allunga sul direttore responsabile della testata di allora, Lanfranco Vaccari, sui responsabili della cronaca e sugli autori materiali del pezzo. A nulla vale ricordare agli inquirenti che la pubblicazione dell’identikit ha consentito l’individuazione del molestatore  da parte di un poliziotto fuori servizio e il conseguente arresto. Pettinaroli, Schiaffino e gli altri giornalisti coinvolti non si arrendono e ricorrono contro il decreto ottenendo, nel 2009, una sentenza di assoluzione in primo grado che però non ha fermato il procuratore generale genovese il quale ha impugnato la sentenza. Finalmente, pochi giorni fa, il secondo e definitivo grado di giudizio da’ ragione ai cronisti del Secolo.
    “Per noi è una grande soddisfazione- affermano i due levantini, attualmente in forza presso la redazione chiavarese del quotidiano- abbiamo avuto una grande attestazione di stima da tutti i colleghi a livello nazionale, tanto che ci è stato assegnato il Premio speciale dell’Unione Cronisti Italiani, uno dei massimi riconoscimenti nel settore, per avere reso un servizio alla comunità ed essere stati per questo massacrati dall’autorità giudiziaria”.
    La motivazione del premio parla da sola: “Per aver adempiuto al diritto di cronaca anteponendo a valutazioni di prudenza e opportunismo il fondamentale dovere di informare i cittadini in un caso che ha destato particolare allarme sociale… In un momento in cui la libertà di stampa è costantemente sotto attacco ed il diritto/dovere di informare è in discussione, non può venire meno l’esigenza di riconoscere la necessaria autonomia ed indipendenza della professione giornalistica quando si tratta di riportare la verità dei fatti e sussiste il pubblico interesse a conoscerli”. Parole sacrosante e sempre attuali. In un periodo, poi, dove i  tribunali sono intasati di cause senza fine, l’aver condotto un processo – alle intenzioni- conclusosi con l’arresto di un molestatore ricercato e con una doppia assoluzione appare un’assurdità senza giustificazione: “Nessun processo parte come sbagliato – affermano-; i giudici hanno fatto il loro lavoro, noi abbiamo fatto il nostro, convinti della nostra scelta di pubblicare un identikit che non era segreto ma era stato mostrato dal dirigente della Squadra Mobile ai giornalisti in conferenza stampa e alle ragazzine delle medie”. Ma come è possibile in un paese democratico punire un comportamento professionalmente e socialmente doveroso? Misteri della della giustizia italiana.  Nonostante il felice epilogo resta l’attapiramento per i soldi e il tempo pubblici sprecati dall’autorità giudiziaria per una legge insulsa.


    Tratto da CORFOLE! del 1/2012, con 25.000 copie gratuite: la testata più diffusa del Levante © Riproduzione vietata


     


    I commenti dei lettori
    :

    il maniaco e' stato avvistato a sezze romano in provincia di latina


    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - Se un estraneo parcheggia nel cortile condominiale

      Ci scrive un amministratore di condominio il quale ci espone il seguente caso. Il condominio ha un cortile che viene utilizzato come parcheggio dai condomini, ma da circa due anni una persona estranea al condominio è solita parcheggiarvi la propria auto. Perciò i condomini hanno fatto apporre una sbarra automatica. L’estraneo estromesso ha scri...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...