EDIZIONE
CARTACEA
  • SFOGLIA
  • SCARICA
  • ARTICOLI
  • TEMPO LIBERO

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    IL MERCATINO DEL LEVANTE
    • VARIE cerco urgentemente garage...
    • VENDO vendo spolverino vintage ...
    • VENDO vendo giubbino uomo ecope...
    • CERCO LAVORO cerco lavoro part time ne...
    • VENDO vendo poltrona pelle colo...
    • VENDO vendo tastiera yamaha psr...

     

    Bedini Elettrodomestici

     

    Leani Ardesie

    AZIENDE DEL TERRITORIO

     

    By IDT-Midero

    UTILITÀ

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    attualita, edizione cartacea, sport

    di Silvia Franchi | 09 Luglio 2013 | in categoria/e attualita edizione cartacea sport

    ragazze con le palle (da nuoto). Il vecchio team ‘dismette' il settore femminile ma le ragazze non si arrendono: diventano campionesse d'Italia con un'altra squadra. E intanto prendono anche la laurea

    ragazze con le palle (da nuoto). Il vecchio team ‘dismette' il settore femminile ma le ragazze non si arrendono: diventano campionesse d'Italia con un'altra squadra. E intanto prendono anche la laureaSolveig Stasi

    Praticare sport ad alti livelli è privilegio – e merito - di pochi. Riuscire a farlo senza tralasciare gli studi lo è ancora di più. Lo sanno bene Giulia Rambaldi (foto 1 originaria di Milano, classe '86, difensore) e Solveig Stasi (foto 2 portiere, classe '88, di Sori), due delle protagoniste dell'impresa del Rapallo Pallanuoto, che il 18 maggio a Civitavecchia ha conquistato lo Scudetto per la prima volta nella storia della società. L'ennesimo trofeo nel palmares delle due atlete che tra allenamenti, partite di campionato e match di coppa sono prossime a un altro, importante obiettivo: la laurea.
    Che significato ha per voi essere campionesse d'Italia?
    G: E' stato bellissimo e quest'anno particolarmente emozionante. Spero sia un punto di partenza per la Rapallo Pallanuoto nella storia di questo sport.
    S: Avendo vinto in un campionato così equilibrato è per tutte la realizzazione di un sogno.
    La scorsa estate, quando la Pro Recco ha comunicato di non voler proseguire con il settore femminile, cosa avete pensato? E dopo la nascita della Rapallo Pallanuoto, avreste scommesso che questo gruppo avrebbe potuto arrivare così in alto?
    G: Ho pensato che sarebbe stato un bel casino! Ma ho sempre creduto che non sarebbe potuto finire tutto così, avevamo troppe carte vincenti per abbandonare tutto e Alessandro Martini (direttore sportivo della Rapallo Pallanuoto) questo lo sapeva. è stato il primo a crederci sempre e a non mollare mai, gli abbiamo voluto dare fiducia e abbiamo ricominciato da zero. Sapevo che ne sarebbe uscito qualcosa di buono e non ci siamo sbagliati.
    S: Il periodo tra l'abbandono del Recco e la nascita del Rapallo è stato veramente duro: nessuno sembrava sapere niente ed eravamo "allo sbando". Per fortuna un gruppo di appassionati veri, a partire da Martini e dal presidente Enrico Antonucci,  per arrivare a Mario Sinatra e Claudio Patrone (primo e secondo allenatore), senza dimenticare tutte le persone che ogni sera e ogni sabato ci hanno aiutato e seguito, ci hanno sostenute per tutta la stagione alimentando in noi la consapevolezza di poter arrivare così in alto.
    Qual è il più bel ricordo di quella giornata? Il momento che vi è rimasto più impresso e che ricorderete per sempre?
    G: Forse l'ultimo minuto, quando Mario ha fatto uscire noi "veterane" ed entrare le piccoline. E' lì che che ho realizzato quello che eravamo riuscite a fare e che squadra stupenda fossimo. Mario è stato veramente bravo nell'amalgamare il gruppo, e vincere con una squadra così unita vale ancora di più.
    S: L'ultimo minuto, quando eravamo in vantaggio di 4 gol e sono uscita dall'acqua per far entrare la "portierina" classe '95 Matilde Risso. Allora mi sono resa conto di quello che stava accadendo: eravamo campionesse d'Italia!
    Il momento più difficile della stagione?
    G: Ci sono stati momenti difficili, soprattutto da punto di vista economico, ma la voglia di vincere e di stare con la squadra era tale che passava tutto in secondo piano. In fondo è proprio vero: i soldi non regalano né la felicità né le vittorie, anche se un piccolo contributo aiuta
    S: In nove mesi di allenamenti e partite è normale che ci siano alti e bassi, ma in questo Mario è stato bravo nel non farci sentire pressione e mantenerci sempre tranquille, per quanto sia possibile mantenere tranquille 15 ragazze!
    Un passo indietro. Quando e perché avete iniziato a giocare a pallanuoto?
    G: Ho iniziato a nuotare sin da piccola, ma con scarsi risultati. Un giorno, quando avevo 15 anni, mi sono stufata e ho mollato tutto. Allora l'allenatrice della squadra di pallanuoto mi ha convinta a provare a fare qualche allenamento con loro e da lì non ho più smesso.
    S: Ho iniziato a giocare a Bogliasco, quando avevo 10 anni, perché sono asmatica: l'esercizio fisico e l'acqua mi fanno bene. Allora ero in classe con Chiara Congiu (che oggi milita nel Sori, in serie A2) che da un anno mi chiedeva di andare a provare l'aquagol. Quell'anno siamo diventati campioni d'Italia a livello giovanile, guidati dal mitico Gianni Vassallo, il mio primo allenatore.
    Entrambe giocate ad alti livelli da anni, ma nel contempo siete iscritte a due corsi di laurea impegnativi (il 23 luglio Giulia discuterà la tesi di laurea in Fisica, mentre un esame separa Solveig dalla laurea in Fisioterapia). Quanto è dura riuscire a conciliare sport e studio? Non vi è mai pesato ad esempio rinunciare alle uscite serali nel weekend per andare a giocare?
    G: Sicuramente non è facile, sopratutto se si è anche nel giro della Nazionale, ma non potrei mai rinunciare né allo studio né a giocare, anche se questo ovviamente richiede qualche sacrificio in più.
    S: Conciliare sport e studio ha comportato scelte difficili in cui però ho sempre creduto fermamente, nonostante momenti di sconforto che credo sia normale avere quando si devono prendere decisioni sul proprio futuro. Per fortuna la passione per la pallanuoto e per la  fisioterapia hanno alleviato il peso dei sacrifici.
    Un consiglio alle giovani che si avvicinano alla pallanuoto
    G: Sicuramente di divertirsi, questo in generale nella vita. E' importante fare ciò che ci appassiona senza che però diventi un'ossessione. La vita è fatta di tante componenti e bisogna dare il giusto peso ad ognuna di esse.
    S: Allenarsi tantissimo, giocare divertendosi sempre, senza però perdere di vista lo studio: purtroppo la pallanuoto è uno sport che ora come ora non da molte garanzie per il futuro.

    Fonte: Giulia Rambaldi © Riproduzione vietata


    Altre immagini collegate alla notizia:

    Giulia RambaldiGiulia Rambaldi

     


    I commenti dei lettori
    Non sono ancora presenti commenti

    Lascia il tuo commento

    *verrai automaticamente iscritto alla newsletter per ricevere mensilmente gli aggiornamenti.

    Acconsento al trattamento dei dati - dlg. 196/03
    1) CONFERIMENTO DATI / CONSENSO
    I dati conferiti attraverso l'invio della scheda, sono destinati ad essere utilizzati e trattati per i fini del servizio in oggetto.
    Il conferimento dei dati personali è facoltativo. Il conferimento e il relativo consenso sono condizioni essenziali per l'accettazione del servizio. In caso di rifiuto del consenso il servizio non sarà erogato.
    2) CONSERVAZIONE PROTEZIONE DATI
    I dati sono conservati (attraverso mezzi digitali) in una banca dati di proprietà di IDT-Midero e dei relativi Responsabili del trattamento. Tali banche dati sono organizzate e gestite secondo quanto previsto dalle vigenti normative.
    3) TRATTAMENTO DATI
    I dati sono trattati da dipendenti e/o professionisti e/o incaricati e/o collegati a e da IDT-Midero , ad eseguire le attività di gestione o a svolgere operazioni tecniche occorrenti per la miglior organizzazione informatica degli archivi.
    4) COMUNICAZIONI
    I dati potranno essere comunicati da IDT-Midero esclusivamente a soggetti suoi clienti che le abbiano conferito un incarico di ricerca e selezione ed a società proprie collegate o controllate.
    5) DIRITTI DELL'INTERESSATO
    L'art. 7 del Dlgs. n.196/2003 conferisce all'interessato l'esercizio di specifici diritti, quali ad esempio:

    - il diritto di ottenere dal titolare del trattamento dei dati la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano e la messa a disposizione dei medesimi in forma intelligibile;
    - il diritto di conoscere l'origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
    - il diritto di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come pure l'aggiornamento, la rettificazione o, qualora l'interessato vi abbia interesse, l'integrazione dei dati medesimi;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei propri dati personali ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
    - il diritto di opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.

    Per ciascuna richiesta di cui all'art. 7 del Dlgs n. 196/2003, può essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal Dlgs n.196/2003, art.10, comma 7, 8 e 9.
    I diritti riferiti ai dati personali concernenti persone decedute, possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse. Nell'esercizio dei diritti di cui all'art. 7, l'interessato può conferire, per iscritto, delega o procura a persone fisiche oppure ad associazioni.

    Le richieste ex art. 7 Dlgs n.196/2003 potranno essere inoltrate all'indirizzo info at corfole.com , oppure Tel/Fax 0185.938009
    USCIRE

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

    L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

    L'AIUOLA
    di Giansandro Rosasco

      Vai alla rubrica

      IL TAPPIRO D'ARDESIA

      Vai alla rubrica

      LA PAROLA AGLI ESPERTI

      DIRITTO UTILE - I reati di ingiuria, diffamazione e calunnia

      A cura dell'avv. Gabriele Trossarello - Contatti 0185.938009 redazione@corfole.comNell’esercizio della professione mi accorgo che la persona comune molto spesso non ha ben chiari i confini di quei comportamenti che sono reato. Tra quelli più comuni vi è sicuramente l’ingiuria. Quando si comm...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...

      TUTTO SUL BONUS GIOVANI COPPIE

      La legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore delle giovani coppie, un incentivo fiscale per l’acquisto di mobili destinati all’arredo della lo...

      DICIAMOCELO

      Il sito è in fase di rinnovamento: ecco come leggere gli articoli.

      L'edizione del mese è interamente sfogliabile e scaricabile gratuitamente in PDF 1) PUOI LEGGERLO COMODAMEN...